Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

GIORNALISTI. AGRIGENTO. ASPIRANTI PUBBLICISTI NON PAGATI, GIP AL PM: "INDAGARE PER ESTORSIONE L'EDITORE E IL DIRETTORE DI UNA TESTATA GIORNALISTICA ONLINE DI CAMMARATA". L'ACCUSA E' DI AVERE COSTRETTO I COLLABORATORI A SIMULARE DI AVERE RICEVUTO I COMPENSI CHE E' NECESSARIO DICHIARARE PER POTERSI ISCRIVERE ALL'ALBO".


PALERMO, 20 settembre 2017. - IL GIP DEL TRIBUNALE DI AGRIGENTO FRANCESCO PROVENZANO HA RESPINTO LA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE E ORDINATO ALLA PROCURA DI CONTESTARE L'IPOTESI DI ESTORSIONE ALL'EDITORE E AL DIRETTORE DI UNA TESTATA GIORNALISTICA ONLINE DI CAMMARATA, ACCUSATI DI AVERE COSTRETTO I COLLABORATORI A SIMULARE DI AVERE RICEVUTO I COMPENSI CHE E' NECESSARIO DICHIARARE PER POTERSI ISCRIVERE ALL'ELENCO DEI PUBBLICISTI. "DOPO CHE A CATANIA UN EDITORE ERA STATO CONDANNATO A 3 ANNI E 4 MESI PER AVERE RICATTATO UNA COLLABORATRICE, COSTRINGENDOLA A RINUNCIARE AI COMPENSI PER OTTENERE I DOCUMENTI NECESSARI A ISCRIVERSI ALL'ALBO DEI GIORNALISTI", COMMENTA L'Ordine dei Giornalisti DI SICILIA, "UN ALTRO GIUDICE, STAVOLTA AD AGRIGENTO, DECIDE DI VERIFICARE SE ALCUNE PRATICHE NON SIANO STATE TRUCCATE, CON L'IMPOSIZIONE DI UN ANALOGO RICATTO AI DANNI DEGLI ASPIRANTI PUBBLICISTI".





A denunciare i fatti era stato l’Ordine di Sicilia, che, attraverso l’avvocato Calogero Noto Millefiori, ha ottenuto pure che il giudice disponesse una serie di nuove indagini: dovranno essere così sentiti i collaboratori – alcuni dei quali avevano ammesso di aver dovuto restituire le somme a loro apparentemente versate – e svolte indagini bancarie sui conti e sugli assegni: contestualmente dovrà essere verificato se le rinunce ai pagamenti fossero dovute a “velate minacce” e se non sia stata commessa una truffa ai danni dell’Ordine. “A dispetto di chi ci accusa demagogicamente e con palese malafede di “violare i diritti” – prosegue l’Ordine – la decisione del Gip di Agrigento dimostra che il Consiglio dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia è l’unico che tutela, nei fatti e non a parole, i pubblicisti dell’Isola. Tutti i colleghi sanno che avranno sempre al fianco il loro Consiglio dell’Ordine e che le rigorose verifiche condotte per consentire l’accesso all’albo solo a chi svolge effettivamente la professione di giornalista vengono fatte – con fatica, impegno, passione e sovraesposizioni giudiziarie – solo ed esclusivamente in favore di loro e di tutti gli altri giornalisti siciliani. Il nostro tesserino è un titolo di Stato che, se venisse regalato, come vorrebbero i “signori delle tessere”, perderebbe qualsiasi valore per tutti, e con esso ancora di più la nostra professione”. (AGI)





 





 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com