Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
  » Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Giornalismo-Giurisprudenza
Stampa

IL DIRITTO DI CRONACA VINCE. Fnsi: il tribunale di Reggio Calabria riconosce l'esistenza di "querele temerarie". L'ex presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti, condannato al pagamento di 21.387 euro a favore dei giornalisti Lucio Maria Musolino e Paolo Pollichieni.


ROMA, 22  marzo 2017 -  "Finalmente anche la magistratura comincia a riconoscere in modo esplicito l'esistenza di 'querele temerarie' utilizzate per colpire il diritto di cronaca. Lo ha fatto il tribunale di Reggio Calabria, in merito alla lite intentata dall'ex presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti, contro Lucio Maria Musolino e Paolo Pollichieni, rispettivamente articolista e direttore del quotidiano 'CalabriaOra'". Lo affermano, in una nota, il presidente della Fnsi, Giuseppe Giulietti, il segretario generale Raffaele Lorusso e il segretario aggiunto, Carlo Parisi. "Nel rigettare l'istanza e nel condannare Scopelliti al pagamento di 21.387 euro - si legge in una nota -, il giudice Patrizia Morabito ha testualmente scritto: "Alla denuncia si è accompagnata una richiesta risarcitoria rilevantissima, priva di riferimenti a qualsiasi parametro di liquidazione di danni da diffamazione, idonea per la sua entità ad intimidire il destinatario". Il medesimo giudice ha ritenuto la richiesta "disancorata a qualsiasi motivazione puntuale dei criteri di calcolo o determinazione di siffatta domanda, che appare connotata da profili di temerarietà". Per queste ragioni la Federazione nazionale della stampa italiana tornerà nelle prossime ore a chiedere al ministro della Giustizia, Andrea Orlando, di mettere a punto una norma contro il fenomeno delle "querele temerarie". (ANSA).






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com