Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
  » Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Riforma professione
Stampa

Il Sole 24 Ore
del 7.6.2008

Consulta su
Stato-Regioni:
Liguria censurata
sui massaggi sportivi

Quattordicesima sentenza
in materia di Albi: le Regioni
non possono istituire
professioni. Questo
compito spetta
soltanto allo Stato.

Franco Abruzzo


ROMA


Quattordicesima sentenza (n. 179/2008) della Corte costituzionale in tema di professioni. Questa volta a finire sotto la scura della Consulta è una norma (l’art. 34 della legge 6/2002)  della Regione Liguria, che istituisce la figura del massaggiatore sportivo. Tale norma, regolando il percorso formativo diretto al conseguimento del relativo attestato, non rispetta il limite imposto dall'art. 117 (comma terzo) della Costituzione  ed è stata dichiarata costituzionalmente illegittima


La Corte costituzionale ha ribadito che «la potestà legislativa regionale nella materia concorrente delle professioni deve rispettare il principio secondo cui l'individuazione delle figure professionali, con i relativi profili e titoli abilitanti, è riservata, per il suo carattere necessariamente unitario, allo Stato, rientrando nella competenza delle Regioni la disciplina di quegli aspetti che presentano uno specifico collegamento con la realtà regionale. Tale principio si configura quale limite di ordine generale, invalicabile dalla legge regionale. Da ciò deriva che non è nei poteri delle Regioni dar vita a nuove figure professionali».


L'art. 1 della legge 43/2006 dà soltanto allo Stato il potere di definire le  «professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione…. i cui operatori svolgono, in forza di un titolo abilitante attività di prevenzione, assistenza, cura o riabilitazione».


Finora erano 13 le sentenze (353/2003; 319/2005, 355/2005, 405/2005 e 424/2005; 40/2006, 153/2006, 423/2006, 424/2006 e 449/2006; 57/2007 e 300/2007; 93/2008) della Corte costituzionale che difendono l’unità giuridica della Repubblica in materia di attività professionali regolamentate. A queste 13 sentenze si è aggiunta la XIV sentenza (179/2008). In sostanza spetta unicamente  allo Stato istituire nuovi Albi e  individuare  nuove figure professionali con i relativi profili ed ordinamenti didattici. L’articolo 33 (V comma) della Costituzione prevede un esame di stato per l'abilitazione all'esercizio professionale: anche questa norma fa dello Stato l’arbitro esclusivo delle professioni intellettuali.





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com