Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
  » Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Storia
Stampa

Avventure, ricordi, battaglie 150 anni di giornalisti veneti. Mike Bellinetti, ideatore del volume, nelle sue pagine su «Una notizia lunga 150 anni» non trascura i particolari di quella che nell' autunno del 1977 fu una vera e propria rivoluzione, in grado di sconvolgere, nel giro di pochi mesi, gli equilibri su cui si reggeva l' informazione veneta, i nuovi rapporti tra finanza e comunicazione, la nascita e il rinvigorimento di nuove testate. Una partita che resta aperta.

di Giandomenico Cortese/corrieredelveneto

9.7.2016 - Una operazione della memoria per sollecitare il dibattito sulla libertà di cronaca e di critica, una antologia con un centinaio, poco più, di ritratti, pennellate di ricordi, biografie, curiosità, aneddoti, caratteri, umori, avventure raccolte e scritte da una quarantina di giornalisti delle sette province della regione (La storia di tante storie - Giornali e giornalisti del Veneto , La Biblioteca dell' Immagine editore con l' Ordine dei Giornalisti del Veneto, 14 euro). Interpreti del proprio tempo, costretti a farlo in diretta, cercano di capire e di far capire, comprendere e contestualizzare, aiutano a far emergere le linee che stanno in profondità, restando sul solco degli avvenimenti, faticosamente sul ciglio della realtà. Operazione complessa, anche per chi è del mestiere, quella di raccogliere «le nostre radici», come spiega Gianluca Amadori, presidente dell' Ordine, convinto che «il giornalismo non è morto e non è destinato a morire e non sarà travolto - come molti sostengono - dallo tsunami della comunicazione globale». Il dominio epocale del web, l'attacco sanguinoso alla libertà di espressione, le ulteriori sfide che ci attendono hanno motivato e dato vigore a questa ricerca, che ha spaziato dall'Unità d' Italia nella storia del Veneto, cogliendo le testimonianze dei professionisti della carta stampata, i grandi direttori, le «firme», gli inviati dei quotidiani nazionali nati nelle nostre contrade e, soprattutto, i «maestri» meno illustri, quelli da cui sono andati a bottega centinaia e centinaia di cronisti non solo di periferia. C'è fissato in questo primo archivio, un work in progress, il debito d'onore che la categoria intera sentiva di dover soddisfare prima che la memoria del «vero giornalismo» andasse perduta. Nel volume ci sono nomi dimenticati - accenna Orazio Carrubba nella introduzione - da Alticchieri a Zoppelli - come quello di Cisco Tomaselli, grande inviato e valoroso combattente, della Grande Guerra, insieme a Cesare Battisti; di Bonaventura Ferrazzutto, ucciso dai Nazisti nel castello di Hartheim; di Ferruccio Macola, direttore de L'Arena , che ferisce a morte in duello Felice Cavallotti; di Placido Cortese, direttore del Messaggero di Sant'Antonio , fatto sparire nella risiera di San Sabba, accanto a quelli di Giampietro Talamini, geniale fondatore de Il Gazzettino, di Giulio Cisco, Guido Piovene, Goffredo Parise, Dino Buzzati, Silvio Negro, il primo «vaticanista» costruito dal Corriere, Giulio Nascimbeni, Sergio Saviane, Cesare Marchi, Nantas Salvalaggio, Giorgio Lago. Purtroppo c' è spazio solo per due donne, la bellunese Tina Merlin resa famosa per le sue cronache appassionate sulla tragedia annunciata del Vajont, e la cattolica vicentina Elisa Salerno, che già nei primi decenni del secolo scorso aveva fondato un giornale titolato Problemi femminili , sfidando persino le censure ecclesiastiche. Mike Bellinetti, nelle sue pagine su «Una notizia lunga 150 anni» non trascura i particolari di quella che nell' autunno del 1977 fu una vera e propria rivoluzione, in grado di sconvolgere, nel giro di pochi mesi, gli equilibri su cui si reggeva l' informazione veneta, i nuovi rapporti tra finanza e comunicazione, la nascita e il rinvigorimento di nuove testate. Una partita che resta aperta. Questa storia del giornalismo veneto offre spunti di umanità.  Basti un solo esempio, quello di Cesare Piazzetta, cronista de Il Gazzettino, mancato ad appena 40 anni nell'80, nell' autunno del 1973, sollecitato dal direttore del Corriere , Piero Ottone, che gli offriva un contatto di inviato, ebbe il coraggio di rinunciarvi, nel timore di incrinare, con il trasferimento obbligato a Milano, la serenità della sua famiglia.


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


9.7.2016 - Il libro ideato da Michelangelo Bellinetti esce a un mese dalla sua morte. Gli ultimi 150 anni del Veneto da Alberto Mario a Cesare Marchi. - di Giuseppe Anti - TESTO IN http://www.verona-in.it/2016/05/24/bellinetti-e-il-libro-giornalisti-la-storia-di-tante-storie/


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com