Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
  » Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Recensioni
Stampa

GIAMBATTISTA PEPI, IL MICROCREDITO IN SICILIA. UN MODELLO PER IL CREDITO SOSTENIBILE.

DI FRANCESCO DE BONIS

26.1.2016 - La lunga recessione seguita all’esplodere della bolla immobiliare negli Stati Uniti tra il 2006 e il 2007 e al fallimento di Lehman Brothers ha colpito l’Occidente con effetti devastanti. L’Italia ha subito un tracollo con una perdita tra il 2007 e il 2014 del 9,1% del Prodotto interno lordo e del 25% della produzione industriale e di oltre un milione di posti di lavoro, con il tasso di disoccupazione arrivato fino al 13% (il 42% tra i giovani).


Il protrarsi della congiuntura negativa e gli strascichi della lunga crisi hanno aumentato il numero delle famiglie in condizione di povertà, accrescendo in tal modo la loro vulnerabilità dal punto di vista finanziario. La fragilità finanziaria è stata at­tenuata grazie al microcredito che ha consentito a persone in con­dizioni di povertà ed emarginazione, cui spesso è preclusa la possibilità di ottenere credito bancario, di accedere ai servizi finanziari a condizio­ni e con modalità che non ne mortifichino la dignità umana, non ne ag­gravino la situazione finanziaria e ne favoriscano la crescita.


L’argomento è sviluppato nel libro “Il Microcredito in Sicilia. Un modello di credito sociale” scritto da Giambattista Pepi, giornalista e saggista, coordinatore editoriale di Finanza & Sviluppo, inserto di informazione economica e finanziaria dei quotidiani La Sicilia e La Gazzetta del Mezzogiorno del Gruppo editoriale Domenico Sanfilippo S. p. A.


Nel triennio 2011- 13 sono state accolte complessivamente dagli intermediari finanziari 22.601 domande per un ammontare erogato di poco superiore a 223 milioni di euro. Con questi micro finanziamenti sono stati soddisfatti prevalentemente bisogni socio – assistenziali (cure mediche, acquisto di sanitari, piccoli interventi di ristrutturazione), ma sono anche serviti a sostenere l’avviamento  di piccolissime attività di auto imprenditorialità. E’ stato così possibile creare in questo arco temporale 20.220 posti di lavoro con un costo medio di 7.700 euro ciascuno.


Il Microcredito si è rivelato prezioso soprattutto nelle aree del Mezzogiorno, che ha pagato un dazio molto pesante alla lunga crisi, consentendo a molte persone in difficoltà economica di potersi rimettere in gioco sul mercato del lavoro proprio attraverso i micro finanziamenti a basso tasso di interesse e senza le garanzie reali tradizionalmente richieste dal credito ordinario.


Fondamentali per il buon funzionamento del microcredito si sono rivelati gli organismi di tutoraggio e di assistenza (come, ad esempio, le Caritas Diocesane mediante i propri centri di ascolto) che affiancano gli utenti e, nello stesso tempo, fanno da interfaccia nei confronti degli intermediari finanziari che erogano i micro finanziamenti.  


In questo libro Pepi mette a fuoco quale sia stato il ruolo svol­to dal Microcredito in generale e, in particolare, in Sicilia nella creazio­ne di sviluppo dal basso attraverso le testimonianze dei suoi protagonisti. In Sicilia in particolare nel triennio 2011 – 13 sono stati concessi 540 microcrediti per un ammontare complessivo di finanziamenti erogati di 1,7 milioni di euro, per un importo medio di 5mila euro.


Il libro, scrive tra l’altro, Antonio Patuelli, Presidente dell’Associazione Bancaria Italiana (Abi) nella prefazione  “è una lettura piacevole non solo per gli operatori del settore, che possono trovare importanti spunti di approfondimento sul tema, ma anche per quanti vogliono capire come da un’idea sia possibile fare impresa, realizzando quella “libertà economica” che, come ci insegna Luigi Einaudi, “è la condizione necessaria della libertà politica”. Gli orizzonti di crescita del microcredito in Italia e in Sicilia sono ampi, soprattutto per quanto riguarda il microcredito d’impresa, anche considerata l’attuale delicata congiuntura. La capacità di crescita dell’economia italiana deve far perno su un rafforzamento dell’imprenditorialità, sullo sviluppo di nuove imprese, e sull’autoimpiego. E, in questo senso, il microcredito potrà diventare sempre di più negli anni a venire uno strumento a cui poter fare affidamento nel favorire la creazione e lo sviluppo di microimprenditorialità diffusa.


Giambattista Pepi, Il Microcredito in Sicilia.Un modello per il credito sostenibile, Aracne Editrice – Roma, pagg. 67, prezzo 10,00 euro





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com