Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
  » Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Diritto di cronaca
Stampa

Mons. Angelo Becciu (Sostituto della Segreteria di Stato): "Il processo 'vatileaks' accerterà il metodo dei giornalisti Gianluigi Nuzzi e Emiliano Fittipaldi. Il dibattimento nel tribunale dello Stato Pontificio punta a chiarire il modo con cui hanno ricevuto le notizie". Ma «hanno tutto il diritto di pubblicare le notizie che ricevono».


Roma, 28 dicembre  2015.  Gianluigi Nuzzi e Emiliano Fittipaldi, giornalisti italiani coimputati nel processo «vatileaks», «hanno tutto il diritto di pubblicare le notizie che ricevono» ma il dibattimento nel tribunale dello Stato Pontificio punta a chiarire il «modo con cui hanno ricevuto le notizie»: lo afferma l'arcivescovo Angelo Becciu, Sostituto della Segreteria di Stato, in un'intervista alla Radio vaticana sul 2015 del Pontefice. La fuga di documenti riservati del Vaticano (vatileaks), sottolineando, per un verso, che «e' stata una vicenda che ha fatto soffrire tanto il Papa», afferma il presule sardo, ma «nello stesso tempo, pero', non lo ha piegato: ci ha dato anzi esempio di serenita', di coraggio e ha comunicato anche a noi la necessita' e la volonta' di andare avanti, di non lasciarsi condizionare da vicende negative che succedono attorno a noi e soprattutto da questa vicenda che e' capitata». Per un altro verso, «vorrei precisare - prosegue il Sostituto della Segreteria di Stato - che le due persone che sono accusate di aver diffuso i documenti certamente sono venute meno alla fiducia del Papa, ma venute meno anche all'impegno, che avevano assunto con giuramento, di tener segrete le carte che avrebbero preso in mano. Vi sono anche i due giornalisti accusati di aver diffuso le notizie in maniera non corretta. Su questo punto vorrei precisare questo: i giornalisti hanno tutto il diritto di pubblicare le notizie che ricevonoà. perché spesso in questo ultimo tempo hanno accusato il Vaticano di essere oscurantista e di usare metodi inquisitori. Non si tratta di mettere in discussione il loro diritto di diffondere notizie, ma casomai vi sono dubbi sul metodo, sul modo con cui hanno ricevuto le notizie! C'e' un processo in corso, il processo chiarira' questi dubbi».  Nell'intervista, Becciu rileva che «non e' facile» introdurre lo stile di sinodalita' in tutta la Chiesa dopo due sinodi sulla famiglia (2014-2015) e sottolinea che Jorge Mario Bergoglio andra' avanti nella «riforma della Curia», ma e' necessario «non ripiegarci troppo su noi stessi» ed allargare lo sguardo ai problemi piu' ampi che investono la cattolicita', dalla persecuzione dei cristiani alla «scristianizzazione» che «avanza in maniera inesorabile». (askanews)





 





 





 





 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com