Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
  » Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Riforma professione
Stampa

La laurea triennale ed un master in giornalismo come requisiti minimi per accedere all'esame di giornalista professionista; una drastica riduzione del numero dei consiglieri nazionali dell'Ordine; un "giurì" per la correttezza dell'informazione e un nuovo schema di formazione professionale continua: sono i punti di forza della proposta di legge sulla riforma dell'Ordine dei giornalisti presentata alla Camera da Pino Pisicchio (Misto). La proposta di legge riprende il testo approvato alla Camera la scorsa legislatura.


ROMA, 27 novembre 2014. La laurea triennale ed un master in giornalismo come requisiti minimi per accedere all'esame di giornalista professionista; una drastica riduzione del numero dei consiglieri nazionali dell'ordine, riservando una prevalenza di posti ai professionisti; un "giurì" per la correttezza dell'informazione che limiti le cause in tribunale e le querele temerarie per i cronisti e un nuovo schema di formazione professionale continua: sono i punti di forza della proposta di legge sulla riforma dell'Ordine dei giornalisti presentata alla Camera da Pino Pisicchio (Misto).  La proposta di legge riprende il testo approvato alla Camera la scorsa legislatura ma che non ha superato lo scoglio del Senato, "aggiornato con alcune nuove previsioni, soprattutto in tema di formazione professionale continua".    Viene innanzitutto riformato il sistema di accesso alla professione: sarà necessario avere una laurea triennale e aver frequentato un master in giornalismo, ma anche i pubblicisti per aver il "tesserino" dovranno sostenere un colloquio. Una cura dimagrante" viene prevista per il Consiglio Nazionale: dovrà passare dagli attuali 130 a 70 componenti, e diversamente da quanto accade oggi dovranno essere in maggioranza professionisti. Per evitare le liti temerarie e le querele, Pisicchio propone la istituzione in ogni distretto di Corte d'Appello di un "giurì" per la correttezza dell'informazione composto di cinque membri (due nominati dall'Ordine dei giornalisti, due all'Agcom e un magistrato ordinario) che funga da filtro alle eventuali cause giudiziarie.   E infine la formazione permanente. L'obbligo è ineludibile in quanto imposto dall'Ue. Ma nella proposta di legge di Pisicchio essa deve essere "senza fini di lucro" e limitarsi alla deontologia professionale ("chi vuole diventare sinologo si va a fare un bel master...", rileva il deputato); dovrebbero inoltre esserne esentati gli  iscritti da oltre 20 anni all'Ordine, gli over 60 ed i giornalisti i sospesi dalla professione. (ANSA).






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com