Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
  » TV-Radio
Unione europea - Professioni
  TV-Radio
Stampa

IL SOLE 24 ORE dell’8 dicembre 2007

Riforma Gentiloni. Forum di «Magna Carta»
Filtro o nuova lottizzazione?
Divide la fondazione per la Rai

PRO E CONTRO. Debenedetti: non bastavano i guasti del duale, ora siamo al ternario o quaternario. Follini: ma sarà un aiuto a ridurre le ingerenze.

di Orazio Carabini


ROMA. Il più caustico è Franco Debenedetti, ex-senatore ds ma "eretico" a tempo pieno, soprattutto sulle questioni televisive. «Non bastavano i problemi del sistema duale: con la nuova Rai avremo una governance ternaria fatta da consiglio di amministrazione della società, board della fondazione, commissione parlamentare di vigilanza. Forse addirittura quaternaria, se si include anche l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni».


La fondazione che, secondo il disegno di legge Gentiloni sul riordino del servizio pubblico televisivo in discussione al Senato, dovrebbe fare da filtro tra la politica e l'azienda Rai suscita reazioni diverse tra i politici e gli esperti riuniti dalla fondazione Magna Carta in un seminario.


«La lottizzazione non si elimina da un giorno all'altro – sostiene il neoresponsabile dell'informazione del partito democratico Marco Follini – ma la fondazione aiuta. E può essere un passaggio verso l'amministratore unico (una proposta del segretario del partito Walter Veltroni, ndr) che semplificherebbe il ponte di comando, sia quello che regola i rapporti tra istituzioni e azienda sia quello interno alla società dove il direttore generale ha ben 50 riporti».


E se per l'ex-presidente della Rai Enrico Manca «in fondo il board della fondazione ha le funzioni di un consiglio di garanzia», per Antonio Pilati, membro del collegio dell'Antitrust, «il problema della governance esiste: meglio ridurre gli strati che aumentarli». «Il rapporto politica-Rai è inevitabile – è il parere di Gaetano Quagliariello, senatore di Forza Italia e presidente di Magna Carta – e deve essere il più chiaro possibile perché comporta un'assunzione di responsabilità. Il meccanismo di nomina del board della fondazione, inoltre, è contorto e rischia di contaminare con logiche politiche anche organizzazioni che a quelle logiche non sono abituate». Quagliariello critica poi la norma che attribuisce al ministro delle Comunicazione la fissazione del canone. «Se la Rai è controllata dal Parlamento e non dal Governo – dice Quagliariello – il 55% del suo fatturato non può dipendere dal Governo che diventa il vero padrone dell'azienda».


E la privatizzazione? Dimenticata da tutti? «Sono favorevole alla separazione del servizio pubblico dalla parte commerciale», si limita a dire Follini. Mentre Debenedetti fa autocritica: «Ho cambiato idea, meglio lasciare la Rai così com'è sotto una campana di vetro oppure chiuderla». «Con il progresso della tecnologia e con l'offerta che c'è oggi sul mercato – dice invece Pilati - la Rai si può privatizzare e il mercato stesso è in grado di fornire tutti i programmi e le informazioni che vanno sotto il nome di servizio pubblico». Intanto la legge naviga nei mari perigliosi del Senato. «Non è blindata, miglioriamola insieme», propone Follini.


 


 


 


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com