Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Gasparri soccorre Mauro Mazza rimosso da direttore di Rai Sport: “La nomina fu decisa anche all'esito di un contenzioso legale causato da un'altra ingiusta e immotivata rimozione subita da Mazza, vittima di un evidente mobbing”.


Roma, 2 settembre 2014.  «Continuano epurazioni immotivate in Rai. Il direttore generale ha annunciato la rimozione del direttore di Rai Sport Mauro Mazza. Una decisione che ignora la realtà e alimenterà contenziosi costosi e perdenti per la Rai e chi condividesse questa scelta. Rai Sport, nonostante l'agguerrita concorrenza satellitare e le deludenti prestazioni della nostra Nazionale, ha appena registrato ascolti record per i mondiali di calcio». Lo dichiara il senatore di FI Maurizio Gasparri, vice presidente dell'Aula di Palazzo Madama.  «Ciò nonostante la drastica riduzione di risorse decisa dal vertice aziendale alla vigilia dell'evento. Per quanto riguarda Rai sport 1 i dati dicono che ha ottenuto ascolti 5 volte superiori ai mondiali 2010», aggiunge Gasparri: «Con atletica e nuoto durante l'estate questo canale ha superato in alcune fasi gli ascolti di Rai 1 e Canale 5. Sono stati introdotti nuovi linguaggi e nuove formule seguendo le indicazioni aziendali. La nomina di Mazza fu decisa anche all'esito di un contenzioso legale causato da un'altra ingiusta e immotivata rimozione subita da Mazza, vittima di un evidente mobbing. Certamente la Rai dovrà affrontare nuovi contenziosi per una decisione che appare priva di motivazioni, intrisa di volontà politica, segno di un pregiudizio personale evidente. Per qualcuno in Rai é un errore rifarsi i denti. Per altri è urgente dotarsi di un cervello. Su questo nuovo abuso ho presentato una interrogazione in vigilanza Rai», conclude l'ex ministro delle Comunicazioni. (AGI) 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com