Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
  » Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Storia
Stampa

NON DIMENTICHIAMO I NOSTRI MARTIRI! - Lo stato pietoso delle 3 lapidi in via Livorno a Roma dove 70 anni fa fu ucciso il giornalista milanese, patriota ed Eroe della Resistenza Eugenio Colorni, Medaglia d’Oro al Valor Militare. Pierluigi Franz chiede all’Ordine nazionale e lombardo nonché al sindacato nazionale e lombardo “di ricordare degnamente la memoria di Eugenio Colorni anche in via Livorno a Roma con una nuova lapide leggibile e priva di errori”. Eugenio Colorni, che aderì al Partito socialista, è considerato uno dei massimi promotori del federalismo europeo assieme ad Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi. Partecipò alla stesura del Manifesto di Ventotene, isola in cui viene confinato dal regime fascista.


Roma, 8 giugno 2014. Con una lettera al Presidente del Consiglio nazionale dell'Ordine dei Giornalisti, al Segretario generale della FNSI, al Presidente dell'Ordine dei Giornalisti della Lombardia e al Presidente dell'Associazione Stampa Lombarda, Pierluigi Franz, presidente dei giornalisti pensionati del Lazio, ha segnalato, con una documentazione fotografica,  lo stato pietoso in cui versano le 3 lapidi in via Livorno a Roma dove 70 anni fa, il 30 maggio 1944, il giornalista milanese, patriota ed Eroe della Resistenza, Eugenio Colorni fu ucciso dai militi fascisti della banda Koch. Colorni fu poi decorato di medaglia d'oro al valor militare alla memoria. Franz propone di ricollocazione di una nuova ed unica lapide aggiornata, completa e corretta. Questa la lettera di Franz: “Cari colleghi, vi accludo una serie di foto scattate dal consigliere nazionale dell'Ordine dei giornalisti Mario De Renzis (che ringrazio di cuore), che testimoniano lo stato pietoso in cui versano le 3 lapidi in via Livorno a Roma dove 70 anni fa, il 30 maggio 1944, il giornalista, patriota ed Eroe della Resistenza, Eugenio Colorni fu ucciso dai militi fascisti della banda Koch. Colorni fu poi decorato di medaglia d'oro al valor militare alla memoria. Milanese di origine ebrea Eugenio Colorni, considerato uno dei massimi promotori del federalismo europeo assieme ad Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi. Professore di lettere, filosofo (era studioso di Leibniz e Kant), scrittore e politico, si impegnò politicamente contro il regime fascista, prima avvicinandosi al gruppo di Giustizia e Libertà, poi al Partito Socialista. Partecipò alla stesura del Manifesto di Ventotene, isola in cui viene confinato per oltre due anni dal gennaio 1939 perché antifascista. Durante la Seconda Guerra Mondiale collaborò con numerose testate: Il Convegno, La Cultura, Civiltà Moderna, Solaria e Rivista di Filosofia. Alla fine del 1941 fu inviato al soggiorno obbligato a Melfi, ma fuggì il 6 maggio del 1943 e si rifugiò a Roma. Passato alla clandestinità si dedicò da latitante nella capitale all’organizzazione del Psiup. Partigiano combattente morì a 35 anni sotto la falsa identità di Franco Tanzi all'ospedale San Giovanni di Roma il 30 maggio 1944 dopo essere stato gravemente ferito pochi giorni prima in via Livorno 20 da una pattuglia di militi fascisti della banda Koch. Fu decorato con la Medaglia d'oro al valor militare alla memoria concessagli nel 1944 con la seguente motivazione: "Indomito assertore della libertà, confinato durante la dominazione fascista, evadeva audacemente dedicandosi quindi a rischiose attività cospirative. Durante la lotta antinazista, organizzato il centro militare del Partito Socialista Italiano, dirigeva animosamente partecipandovi, primo fra i primi, una intensa, continua e micidiale azione di guerriglia e di sabotaggio. Scoperto e circondato da nazisti li affrontò da solo, combattendo con estremo ardimento, finché travolto dal numero, cadde nell'impari gloriosa lotta. Roma, 28 maggio 1944". (Cliccare nel sito del Quirinale:http://www.quirinale.it/elementi/DettaglioOnorificenze.aspx?decorato=14140).


Patriota ed Eroe della Resistenza, Colorni (per la sua foto cliccare in http://www.infocenters.co.il/gfh/notebook_ext.asp?book=97828&lang=eng) fu così il quarto giornalista ad essere ucciso dai nazifascisti nella Seconda Guerra Mondiale dopo la fucilazione a Bologna di Ezio Cesarini (veneto di nascita di Montebello Vicentino, ma bolognese d'adozione, medaglia d'argento al valor militare alla memoria) il 27 gennaio 1944 e a Forte Bravetta a Roma dei colleghi di "Bandiera Rossa" il milanese Carlo Merli e il milanese d'adozione, ma nativo di Massa Carrara, Enzio Malatesta (medaglia d'oro al valor militare alla memoria) avvenuta il 2 febbraio 1944. La biografia completa di Colorini è in http://it.wikipedia.org/wiki/Eugenio_Colorni .


Va rimarcata positivamente una nobile iniziativa del Comune di Melfi, della Sezione ANPI e dell'Associazione "Francesco Saverio Nitti" che per celebrare degnamente la Festa della Liberazione dell'Italia dall'occupazione nazifascista hanno dedicato un mese fa la ricorrenza del 25 Aprile al ricordo della figura e dell'opera di Eugenio Colorni. Sarebbe, tuttavia, opportuno ricordare degnamente la memoria di Eugenio Colorni anche in via Livorno a Roma, luogo dove venne ferito a morte con una nuova lapide leggibile e priva di errori. Oggi, infatti, vi é una lapide spaccata in due, un'altra semilleggibile perché scurita dal tempo e un'ultima, posta 10 anni fa dalla III Circoscrizione del Comune di Roma, persino erronea (vi è scritto che era stato impiegato nella lotta contro il fascismo, anziché che si era "impegnato" nella lotta contro il fascismo. In precedenza altre 3 lapidi in suo ricordo erano state addirittura distrutte da atti vandalici prima del 1982! Vi sarei quindi davvero molto grato se il CNOG, la FNSI, l'Ordine dei giornalisti della Lombardia e l'Associazione Lombarda dei Giornalisti, previo benestare della III Circoscrizione del Comune di Roma, provvedano al più presto a far sostituire le 3 lapidi con un'unica targa marmorea completa e corretta che renda finalmente giustizia a questo Eroe della nostra categoria e della Patria!


Augurandomi di trovarvi d'accordo su questa mia semplice proposta vi invio i miei più cordiali saluti.



Pierluigi Roesler Franz



Mittente: Dott. Pierluigi Roesler Franz - Presidente del Gruppo Romano Giornalisti Pensionati presso l'Associazione Stampa Romana e Consigliere nazionale dell’Ordine dei Giornalisti - Ufficio: Piazza della Torretta 36 - 00187 Roma - E mail: p.roeslerfranz@tin.it, piefra47@hotmail.it, pierluigi.franz@yahoo.it, - ufficio 06-687.15.93





NOTA - Il mio amico Aladino Lombardi, storico dell'ANMIL di Roma, mi ha segnalato che "sono anni che denuncio lo stato di abbandono di quelle lapidi. Anni fa intervenne insieme a me anche "Italia Nostra" che partecipava alle manifestazioni in ricordo di Colorni. Ho ancora le foto di quando andavamo a ricordarlo con Mario Zagari, Giuliano Vassalli, Leo Solari (Leo Solari ha vinto anni fa il premio Viareggio proprio con un libro dedicato a Colorni. Presidente e organizzatore di tale Premio era Leonida Repaci), Luciano Bolis, Matteo e Giancarlo Matteotti, e tantissimi altri compagni che avevano combattuto insieme a Lui. Ho ritrovato nel mio archivio un articolo di Colorni scritto sull'Avanti clandestino in ricordo del  martire delle Ardeatine Michele Lopresti del 19 agosto 1944 pubblicato postumo. Michele Lopresti è stato compagno di scuola di Claudio Pavone nonché compagno di lotta di mio padre - Angelo Lombardi, nome di Battaglia LAMPO - e di tutti quelli che ti ho menzionato".



Pierluigi Franz



 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com