Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

ANTIMAFIA. TIZIAN:
“RACCOGLIERE le
INCHIESTE dei CRONISTI
MINACCIATI”. IACOPINO:
“Abbiamo il DUBBIO CHE
DIETRO i PRESTANOMI
delle società editoriali
ci sia LA CRIMINALITÀ”.

Roma, 2 febbraio 2012.  «Acquisire tutti gli articoli e le inchieste dei giornalisti italiani minacciati per scrivere una storia unica di tutti i giornalisti minacciati in Italia e formare un fascicolo pubblico delle notizie che si cerca di oscurare con minacce e intimidazioni». Questa la richiesta formulata alla Commissione Parlamentare Antimafia, che lo ha ascoltato oggi, da Giovanni Tizian, il giornalista che dal 22 dicembre scorso vive sotto scorta per le sue inchieste sulle infiltrazioni della mafia a Modena e in Emilia Romagna. Nella stessa audizione del Comitato Scuola e legalità, presieduto dal senatore Enrico Musso (Pdl) è stato ascoltato il presidente dell'Ordine nazionale dei Giornalisti, Enzo Iacopino, che ha chiesto alla Commissione un'indagine per tracciare la mappa degli assetti proprietari delle testate giornalistiche. «Abbiamo il ragionevole dubbio - ha spiegato Iacopino - che in alcun casi dietro i prestanome si nasconda la mano della criminalità». Iacopino ha salutato come «una assoluta novità, un fatto »positivo, importante la decisione dell'Antimafia di affrontare la questione dei tantissimi giornalisti minacciati in Italia, un fenomeno allarmante documentato dall'Osservatorio Ossigeno per l'Informazione che fornirà nei prossimi giorni alla Commissione i dati a cui anche noi facciamo riferimento«. Leone Zingales, vice presidente dell'UNCI, che quest'anno, il 3 maggio, organizza a Palermo la Giornata della Memoria dei Giornalisti Uccisi, ha invitato l'Antimafia a partecipare alla cerimonia e a svolgere in Prefettura audizioni dei giornalisti siciliani minacciati. L'invito è stato accolto. Le audizioni dell'Antimafia proseguiranno nei prossimi giorni con Roberto Natale, presidente della FNSI, e Alberto Spampinato, direttore di Ossigeno, l'osservatorio sella FNSi e dell'Ordine dei giornalisti sui cronisti minacciati che per il 2011 ha segnalato 95 episodi in cui sono stati coinvolti 324 giornalisti. L'osservatorio ne ha segnalati altri cinque nel 2012 con 19 giornalisti coinvolti. (ANSA).


……………………..


Audizione alla Commissione parlamentare antimafia Ordine, Ossigeno e Unci


Tizian: "Gli articoli e le inchieste dei colleghi minacciati


diventino una storia unica dei soprusi contro i media" 


Iacopino: si definisca la mappa degli assetti proprietari editoriali 


"Acquisire tutti gli articoli e le inchieste dei giornalisti italiani minacciati per scrivere una storia unica di tutti i giornalisti minacciati in Italia e formare un fascicolo pubblico delle notizie che si cerca di oscurare con minacce e intimidazioni". Questa la richiesta formulata alla Commissione Parlamentare Antimafia, che lo ha ascoltato oggi, da Giovanni Tizian, il giornalista che dal 22 dicembre scorso vive sotto scorta per le sue inchieste sulle infiltrazioni della mafia a Modena e in Emilia Romagna.


 


Nella stessa audizione del Comitato Scuola e legalità, presieduto dal sen. Enrico Musso (Pdl) e' stato ascoltato il presidente dell'Ordine nazionale dei Giornalisti, Enzo Iacopino, che ha chiesto alla Commissione un'indagine per tracciare la mappa degli assetti proprietari delle testate giornalistiche. "Abbiamo il ragionevole dubbio - ha spiegato Iacopino - che in alcun casi dietro i prestanome si nasconda la mano della criminalità". Iacopino ha salutato come "una assoluta novità, un fatto "positivo, importante la decisione dell'Antimafia di affrontare la questione dei tantissimi giornalisti minacciati in Italia, un fenomeno allarmante documentato dall'Osservatorio Ossigeno per l'Informazione che fornirà nei prossimi giorni alla Commissione i dati a cui anche noi facciamo riferimento".


Leone Zingales, vice presidente dell'Unci, che quest'anno, il 3 maggio, organizza a Palermo la Giornata della Memoria dei Giornalisti Uccisi, ha invitato l'Antimafia a partecipare alla cerimonia e a svolgere in Prefettura audizioni dei giornalisti siciliani minacciati. L'invito è stato accolto.


Le audizioni dell'Antimafia proseguiranno nei prossimi giorni con Roberto Natale, presidente della FNSI, e Alberto Spampinato, direttore di Ossigeno, l'osservatorio sella Fnsi e dell'OdG sui cronisti minacciati che per il 2011 ha segnalato 95 episodi in cui sono stati coinvolti 324 giornalisti. L'osservatorio ne ha segnalati altri cinque nel 2012 con 19 giornalisti coinvolti. (www.fnsi.it)


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com