Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

Comitato ExFissa dirittoexfissa@gmail.com tramite sendinblue.com
EX FISSA, IL "COPIA E INCOLLA" DELLE SENTENZE










 

 


Care colleghe e colleghi, vi inoltriamo le sacrosante considerazioni sull’ex fissa dell’avvocatessa Sabina Mantovani, dopo l’ennesima sconfitta nella causa intentata da un collega. L’inevitabile conclusione è che, finché la linea “copia e incolla” adottata dal Tribunale di Roma nelle sue sentenze non cambierà, sia perfettamente inutile fare vertenza. Dovremo sperare di ottenere giustizia in altre sedi, confidando anche in una soluzione “politica” della nostra annosa vicenda e  sperando che prima o poi giustizia sia fatta. Vi ricordiamo anche che oggi, 27 maggio, alle 13.45 potrete seguire la diretta su Webtv dell'audizione della presidente INPGI Marina Macelloni e della direttrice generale Mimma Iorio a palazzo san Macuto davanti alla Commissione parlamentare di controllo sull'attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza. https://webtv.camera.it/evento/18268 https://webtv.camera.it/commissioni Come saprete, il nostro Comitato ha chiesto alla Commissione di non trascurare l’ex fissa nell’incontro con i vertici Inpgi, ma, a un mese dal probabile commissariamento, le tematiche saranno sicuramente incentrate sulla sopravvivenza dell’Istituto. Un caro saluto Il Comitato “Diritto ex fissa”. EX FISSA, Le inchieste di Senza Bavaglio,  Ex Fissa: tre domande sgradite ai magistrati di Roma ancora senza risposta https://www.senzabavaglio.info/2021/05/25/ex-fissa-tre-domande-ancora-senza-risposta-rivolte-ai-magistrati-di-roma/ Speciale Per Senza Bavaglio di Sabina Mantovani* Milano, 25 maggio 2021 Ancora una volta il Tribunale di Roma ha rigettato la domanda di un giornalista pensionato volta ad accertare la sussistenza del suo diritto ad ottenere la c.d. “fissa”. Ormai è la cronaca di una morte annunciata, nonostante rimangano senza risposta importanti interrogativi. Ci permettiamo di commentare le sentenze (diritto che un grande studioso del processo ha ritenuto esistere, V. Colesanti “Le sentenze si commentano, eccome” Corriere della Sera 20 luglio 2013), e di porre tre domande al Tribunale di Roma, non perché non abbiamo avuto ragione in sede processuale, ma perché nessun magistrato ha mai confutato nel merito le nostre argomentazioni. Se in una sola delle molteplici decisioni, tutte uguali, come in un ciclostile, avessimo ottenuto risposta, mai ci saremmo permessi… e invece no. Se avessimo trovato confutazione alle nostre obiezioni, eccezioni ed argomentazioni, ci saremmo messi l’animo in pace e avremmo suggerito ai nostri assistiti di non pensarci più, di mettere una pietra tombale sulle loro velleità di ottenere ragione del perché pur essendo creditori di cifre anche considerevoli, circostanza peraltro pacifica, sono addirittura condannati al pagamento delle spese del giudizio (strumento utilizzato in modo severo e pedagogico). Illustrissimi magistrati, Vi chiediamo quindi, proprio per pacificare questa lunga vicenda, di rispondere a queste tre semplici domande:   1.- Signori Giudici, i ricorsi chiedono di “accertare e dichiarare la sussistenza del buon diritto del giornalista ad ottenere la somma dovuta a titolo di fissa”, perché in tutte le Vostre sentenze motivate il rigetto della domanda, richiamando l’art. 6 della Convenzione che sancisce l’esonero dell’Inpgi dall’obbligo di pagamento della prestazione in assenza delle necessarie disponibilità finanziarie? Perché volutamente non rammentate che nel nostro ordinamento vi è la netta distinzione tra procedimento di cognizione e procedimento di esecuzione, e che accertare il diritto ad ottenere una somma non significa averla? Perché non rammentate che proprio in virtù di tale separazione tra cognizione ed esecuzione, se non vi sono le disponibilità finanziarie il creditore semplicemente attenderà che si ricreino, come una qualsiasi banca tutti i giorni fa, quando ottiene una sentenza, un decreto, ma il debitore è nullatenente?   2.- Signori Giudici, perché gli obblighi di cui all’art. 6 della Convenzione secondo cui “In caso di insufficienza (ndr come nel nostro caso) o di eccedenza del contributo (in capo agli Editori per finanziare la fissa, ndr), accertato in base alle obiettive risultanze di gestione, la misura dello stesso dovrà essere adeguata, su richiesta di una sola delle parti firmatarie della presente convenzione…” combinati con gli obblighi di cui all’art. 6 dell’Accordo secondo cui “…la misura di tale contributo potrà essere sottoposto a revisione in aumento o diminuzione in relazione a comprovate esigenze di gestione, a richiesta dell’Inpgi..” sono stati derubricati a mera facoltà? Da quando ad un ente di diritto pubblico, quale è l’Inpgi,  sono attribuite facoltà e non poteri doveri da esercitarsi in conformità alla loro ratio?   3.- Signori Giudici, perché scrivete nelle vostre sentenze che l’Inpgi non è da considerarsi debitore nei confronti dei giornalisti per quanto attiene le somme maturate a titolo di fissa? Perché, posto che il patrimonio da cui l’Inpgi può attingere per il soddisfacimento della fissa è separato da quello da cui attinge per il pagamento delle pensioni (ed in tutti i nostri atti è una differenza rimarcata e riconosciuta), nelle sentenze vi limitate ad affermare che l’Inpgi non è il debitore della prestazione in quanto è gestore delle forme previdenziali integrative? E chi sarebbe il debitore? Perché non riconoscete che il Fondo della fissa costituisce semplicemente un “patrimonio separato” dell’Inpgi, come ce ne sono altri nel nostro ordinamento? Sicura che le domande poste con doveroso rispetto, troveranno alfine delle risposte, ci limitiamo ad aspettare, e sperare un giorno nella Cassazione. Sabina Mantovani* sabina.mantovani@smlex.eu   *L’avvocato Sabina Mantovani fa parte del gruppo di legali cui si rivolge Senza Bavaglio per tutelare i diritti dei giornalisti  


 

 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com