Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Cassazione: importante vittoria dell'INPGI in una causa di lavoro per ottenere dalla società Elemedia il pagamento di 856 mila euro per contributi previdenziali di numerosi giornalisti compres l'ex direttore Zucconi.

3.11.2020 - Importante vittoria dell'INPGI in una causa di lavoro per ottenere dalla società Elemedia il pagamento di 856 mila euro per contributi obbligatori e sanzioni civili relative alle posizioni previdenziali di numerosi giornalisti che avevano prestato la loro attività lavorativa presso Radio Capital, compreso l'allora direttore - poi scomparso un anno e mezzo fa - Vittorio Zucconi. La sezione lavoro della Cassazione ha definitivamente confermato per tutti i dipendenti la natura subordinata del lavoro svolto, come era stato accertato dal servizio ispettivo dell'ente, condannando la società Elemedia a pagare all'INPGI, assistito dall'avvocato Gavina Maria Sulas, anche 15 mila euro per le spese legali del giudizio svoltosi nel "Palazzaccio" di piazza Cavour a Roma.


Va tuttavia sottolineata ancora una volta la cronica lentezza della magistratura italiana del lavoro, come emerge dalla motivazione dell'ordinanza della Suprema Corte n. 24143 del 30 ottobre 2020 (Presidente Antonio Manna, relatore Francesco Buffa), scaricabile dal sito


http://www.italgiure.giustizia.it/xway/application/nif/clean/hc.dll?verbo=attach&db=snciv&id=./20201030/snciv@sL0@a2020@n24143@tO.clean.pdf


Infatti senza considerare il tempo trascorso per il verdetto di 1° grado ci sono voluti ben 5 anni tra la decisione del tribunale di Roma e quella della Corte d'appello della capitale e addirittura quasi 7 anni tra quest'ultima e quella definitiva della Cassazione!





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com