Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Scarica il documento   Stampa

ELEZIONI 2020 - LISTA "SOS INPGI". GARANZIA PUBBLICA PER LE PENSIONI. Vogliamo difendere le pensioni attuali e future. E cambiare l'Inpgi per farlo vivere. TRA I promotori della lista Franco Abruzzo, Massimo Arturo Alberizzi, Giuseppe Gallizzi e Daniela Stigliano. -IN CODA PDF CON I CANDIDATI DI "SOS INPGI". BISOGNA CLICCARE IN ALTO O IN BASSO PER SCARICARE IL DOCUMENTO.

16.1.2020- Lo squilibrio tra entrate e uscite previdenziali è negativo da nove anni e il bilancio del nostro Istituto, dopo gli anni degli utili di carta, è in profondo rosso dal 2017 per centinaia di milioni ed è arrivato a 150 milioni nel 2019. Mentre la liquidità in cassa garantisce il pagamento delle pensioni per sì e no due anni.

Un disastro annunciato che la maggioranza al governo dell’Inpgi e della Fnsi ha prima a lungo negato, poi affrontato in ritardo con una inutile riforma lacrime e sangue e infine pensato di rimediare con la soluzione-tampone, dichiaratamente di breve respiro, di un allargamento forzoso degli iscritti con l’ingresso di altre categorie professionali. Senza neppure prendere in considerazione un piano alternativo e senza puntare a recuperare i contributi di chi fa il giornalista ma non ha un corretto contratto di lavoro, come i falsi cococo e lavoratori autonomi, gli artisti e i commentatori televisivi.


La politica colpevole e scellerata dei vertici dell’Inpgi e del Sindacato è stata condotta per anni consapevolmente sulla pelle dei colleghi, con arroganza e opacità di atti e comportamenti, e rischia ora di affondare definitivamente uno dei cardini del welfare della nostra categoria. Una politica resa possibile anche dall’assenza e dalla mancata azione dei ministeri vigilanti del Lavoro e dell’Economia, che hanno assistito immobili e altrettanto colpevoli alla crisi progressiva e irreversibile dell’Inpgi e delle nostre pensioni.


Per questo vogliamo:




  • Garanzia pubblica sulle pensioni in essere e future, studiando anche il ritorno all'Inpgi interamente pubblico pre-1994: oggi siamo l'unica categoria di lavoratori dipendenti con una cassa previdenziale privatizzata sostitutiva dell’Inps e dobbiamo pretendere che lo Stato garantisca anche le nostre pensioni.




  • Trasparenza degli atti in nome della rilevanza pubblica dell'Inpgi sancita dalla sentenza del Tar Lazio sulla gestione immobiliare, impugnata dall'Istituto contro i colleghi ricorrenti, ma anche su incarichi e consulenze e sugli “esodati”.




  • Riduzione dei componenti e dei costi del Cda e dei compensi dei dirigenti apicali, oggi spropositati. In un momento di grande emergenza proponiamo un gettone di 150 euro a seduta Cda, il tetto massimo delle retribuzioni a 100 mila euro lordi e la riforma della rappresentanza, a partire dal Consiglio generale.




  • Tutela di un patrimonio immobiliare gestito sinora con logiche finanziarie per rivalutarlo e creare utili di carta in bilancio. Lo dimostrano le vendite che non hanno centrato gli obiettivi per i prezzi troppo alti. Anche sugli affitti si può fare meglio, ascoltando gli inquilini. Ora bisogna assolutamente evitare la vendita in blocco del patrimonio.




  • Ampliamento della base contributiva attraverso il recupero dei contributi di artisti e commentatori televisivi specie sportivi oggi versati altrove, la progressiva estensione del contratto nazionale – anche con l'uso mirato di ispezioni efficaci e non preavvisate – a migliaia di cococo e collaboratori finti autonomi che dimostrino di lavorare di fatto come dipendenti anche a tempo pieno, nelle testate e negli uffici stampa.




  • Garanzia del pagamento dell'ex fissa. È necessario chiarire chi sia il titolare del debito da 125 milioni di euro nei confronti di 2.200 giornalisti pensionati (Inpgi, Fnsi o Fieg?), rendere trasparente la gestione annuale e trovare i fondi per definire i rapporti con i creditori in tempi ragionevoli e ben definiti.




  • Inpgi 2. - Per l'Inpgi 2: un vero Welfare anche per i liberi professionisti; indennità in caso di chiusura della testata; migliori pensioni per tutti utilizzando l’extra gettito del patrimonio; il riequilibrio delle spese di gestione oggi a carico solo dei liberi professionisti; lo studio di un’assicurazione anti querele.




..................................


I NOSTRI CANDIDATI - Questa è la squadra dei nostri candidati, sostenuti in Lombardia da Unità Sindacale-Mil, Senzabavaglio e Movimento liberi giornalisti e, a livello nazionale, da un’alleanza formata da tutti coloro che pensano si possa e si debba voltare pagina per tutelare i giornalisti italiani e le loro pensioni attuali e future.


..........................


INPGI 1 GIORNALISTI IN ATTIVITÀ DI SERVIZIO - LOMBARDIA


SCHEDA CON BORDO MARRONE Max 8 preferenze


Davide Bertani (Lombardia Notizie)


Valerio Boni (Sorrisi e Canzoni, Mondadori)


Nicola Alessio Borzi (Freelance giornalista investigativo)


Maria Ancilla Fumagalli (Ufficio stampa Comune di Brugherio)


Marco Libelli (Il Sole 24 Ore)


Andrea Montanari (Mf-Milano Finanza)


Alan Patrizio Patarga (TgCom24, NewsMediaset)


Daniela Aurelia Stigliano detta Daniela Stigliano (Oggi, Rcs Mediagroup)


..................................


INPGI 1 PENSIONATI - LISTA NAZIONALE. SCHEDA CON BORDO ROSSO Max 7 preferenze


Massimo Alberizzi (Lombardia)


Romano Bartoloni (Lazio)


Giuseppe Gallizzi (Lombardia)


Silvia Mauro (Lazio)


Marina Sbardella (Lazio)


Donato Sinigaglia (Veneto)


..............................


INPGI 1 COLLEGIO DEI SINDACI – LISTA NAZIONALE. SCHEDA CON BORDO AZZURRO Max 4 preferenze


Francesco (detto Franco) Abruzzo (Lombardia)


Marco Esposito (Campania)


Pierluigi Franz (Lazio)


Luigi Ronsisvalle (Sicilia)


.....................


INPGI 2 COMITATO AMMINISTRATORE - LISTA NAZIONALE. SCHEDA CON BORDO VERDE Max 3 preferenze


Tamara Ferrari


Valeria Tancredi


Daniela Novelli


.....


INPGI 2 COLLEGIO SINDACALE - LISTA NAZIONALE. SCHEDA CON BORDO GIALLO Max 2 preferenze


Stefano Gallizzi


Vittorio Pasteris


.......


INPGI 1 – CIRCOSCRIZIONE 13 LAZIO – GIORNALISTI IN ATTIVITÀ DI SERVIZIO - SCHEDA CON BORDO MARRONE Max 7 preferenze


Francesca Altieri – Tg3


Cristiano Fantauzzi – AdnKronos


Alessandro Mantovani – Il Fatto Quotidiano


Pier Angelo Maurizio – Videonews Mediaset


Elena G. Polidori – Quotidiano Nazionale


Giancarla Rondinelli – RaiUno


Paolo Trombin – Tg5


......................................


INPGI 1 – CIRCOSCRIZIONE CAMPANIA – GIORNALISTI IN ATTIVITÀ DI SERVIZIO - SCHEDA CON BORDO MARRONE Max 2 preferenze


Alfonso Pirozzi - Ansa


..............................


INPGI 1 – CIRCOSCRIZIONE SICILIA – GIORNALISTI IN ATTIVITÀ DI SERVIZIO - SCHEDA CON BORDO MARRONE Max 2 preferenze


Orazio Maria Aleppo - Rai


Alberto Cicero - La Sicilia







Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com