Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

INPGI, Crimi smentisce la volontà di un rapido commissariamento. Il sottosegretario a Primaonline: la gestione degli ammortizzatori sociali deve passare all'Inps. Gli ammortizzatori sociali valgono 37milioni di euro (compresi i contributi figurativi). IN CODA l'intervista del sottosegretario a Primaonline.

Roma, 25 giugno 2019. - Togliere dalle competenze dell'Inpgi tutta la parte relativa agli ammortizzatori sociali, ovvero gli oneri che ora l'istituto di previdenza autonomo dei giornalisti sostiene per cassa integrazione, disoccupazione, contratti di solidarietà della categoria, e passarli alla gestione Inps. E' questo uno dei possibili "ulteriori interventi" sull'Inpgi rispetto a quanto previsto nel dl crescita (annunciati e ritenuti necessari tanto da M5S quanto dalla Lega) a cui il Movimento 5 Stelle "sta pensando", secondo quanto afferma il sottosegretario con delega all'Editoria, Vito Crimi in una intervista a Prima Comunicazione on line. Crimi smentisce inoltre ogni volontà dei 5 Stelle di procedere al rapido commissariamento dell'istituto presieduto da Marina Macelloni, e la lettura di chi ha interpretato in tal senso l'anticipazione della sospensione del commissariamento dell'Inpgi dal 31 dicembre al 31 ottobre previsto dall'emendamento al dl crescita che il Parlamento sta convertendo in legge. (askanews)



  • §§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


Inpgi. Crimi: M5S non vuole il commissariamento. Cammina l'ipotesi del passaggio degli ammortizzatori sociali all’Inps. E’ questo uno dei possibili “ulteriori interventi” rispetto a quanto previsto nel dl crescita (annunciati e ritenuti necessari tanto da M5S quanto dalla Lega) a cui il Movimento 5 Stelle “sta pensando”,


di Nadja Bartolucci/primaonline


25.6.2019 - Togliere dalle competenze dell’Inpgi tutta la parte relativa agli ammortizzatori sociali, ovvero gli oneri che ora l’istituto di previdenza autonomo dei giornalisti sostiene per cassa integrazione, disoccupazione, contratti di solidarietà della categoria, e passarli alla gestione Inps. E’ questo uno dei possibili “ulteriori interventi” sull’Inpgi rispetto a quanto previsto nel dl crescita (annunciati e ritenuti necessari tanto da M5S quanto dalla Lega) a cui il Movimento 5 Stelle “sta pensando”, secondo quanto afferma il sottosegretario con delega all’Editoria, Vito Crimi. Crimi smentisce inoltre ogni volontà dei 5 Stelle di procedere al rapido commissariamento dell’istituto presieduto da Marina Macelloni, e la lettura di chi ha interpretato in tal senso l’anticipazione della sospensione del commissariamento dell’Inpgi dal 31 dicembre al 31 ottobre previsto dall’emendamento al dl crescita che il Parlamento sta convertendo in legge. “L’Inpgi ha pagato e sta sostenendo di fatto il settore dell’editoria e la sua crisi – sostiene Crimi, conversando con Prima comunicazione a margine dei lavori del Senato – sollevarlo da questo onere, che peraltro come istituto previdenziale non gli competerebbe in senso stretto, per passarlo alla gestione dell’Inps, consentirebbe un notevole sollievo per i conti della cassa dei giornalisti”. In termini economici, secondo quanto riferito dalla presidente Inpgi, Marina Macelloni, gli oneri per ammortizzatori sociali per il 2018, a tutela di 7 mila giornalisti, sono ammontati complessivamente a circa 37 milioni di euro (i quali comprendono anche i contributi figurativi). “L’istituto paga gli ammortizzatori unicamente con le proprie risorse, sulla base di stati di crisi aziendali firmati dal ministero del Lavoro e ai quali non possiamo opporci” sottolinea sul suo blog. Circa poi la volontà di procedere da parte del Movimento 5 Stelle con un rapido commissariamento dell’Inpgi, così come paventato da più parti, Crimi nega tale intenzione. E tratteggia una breve “cronistoria” dell’emendamento al dl crescita che ha via via anticipato la sospensione del commissariamento fino al 31 ottobre 2019. “In realtà nelle nostre prime stesure dell’emendamento la sospensione del commissariamento era stata fissata dapprima in 24 mesi, quindi in 18 mesi. Per questioni di coperture è stata quindi portata al 31 dicembre 2019. Poi questo termine, in seguito all’intervento della Ragioneria dello Stato, è stato anticipato al 31 ottobre. Se la volontà del M5S fosse stata quella di commissariare l’Inpgi avremmo avuto ogni possibilità di farlo, fin da subito, ma così non è”. L’anticipo della sospensiva del commissariamento sarebbe dettata, secondo questa lettura, ad una questione meramente tecnico-legislativa, perchè consentirebbe di non prevedere in sede di legge di bilancio tale copertura. A protrarre i termini effettivi della sospensione del commissariamento potrebbe intervenire poi il consueto decreto milleproroghe di fine anno. E per i due mesi di “vacanza” della norma (cioè novembre e dicembre) “a decidere se procedere all’effettivo commissariamento è sempre il governo. E’ una questione di volontà politica, e se non l’abbiamo fatto finora…” ha concluso Crimi. -IN https://www.primaonline.it/2019/06/25/291352/inpgi-crimi-m5s-non-vuole-il-commissariamento-passare-ammortizzatori-sociali-a-inps/


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com