Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Dibattito del 17 giugno alle Commissioni riunite Bilancio e Finanze della Camera sull'emendamento salva INPGI. Il pur breve dibattito dimostra comunque: a) che l'emendamento presentato dai relatori di maggioranza Raphael Raduzzi (M5S) e Giulio CENTEMERO (Lega) ha come intenzione di salvare l'INPGI 1,"seppure non si tratti di un intervento sostanziale, ma semplicemente un sostegno in vista di un generale ripensamento della gestione degli enti previdenziali"; b) "che non sostenere gli enti previdenziali in crisi avrebbe, tra l’altro, la conseguenza di aggravare i conti dell’INPS".

"L'INGI è tenuto ad adottare, entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, misure di riforma del proprio regime previdenziale volte al riequilibrio finanziario della gestione sostitutiva dell’assicurazione generale obbligatoria che intervengano in via prioritaria sul contenimento della spesa e, in subordine, sull’incremento delle entrate contributive, finalizzate ad assicurare la sostenibilità economico-finanziaria nel medio e lungo periodo".


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


Lunedì 17 giugno 2019. COMMISSIONI RIUNITE V (Bilancio, tesoro e programmazione) e VI (Finanze)


SOMMARIO


SEDE REFERENTE: DL 34/2019: Misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi. C. 1807 Governo (Seguito dell’esame e conclusione)


http://documenti.camera.it/leg18/resoconti/commissioni/bollettini/pdf/2019/06/17/leg.18.bol0205.data20190617.pdf


SEDE REFERENTE


Lunedì 17 giugno 2019. — Presidenza della presidente della VI Commissione, Carla RUOCCO, indi del presidente della V Commissione, Claudio BORGHI, indi del vicepresidente della V Commissione, Giuseppe BUOMPANE, indi del vicepresidente della VI Commissione, Alberto Luigi GUSMEROLI. –


Intervengono la viceministra dell’economia e delle finanze Laura Castelli e il viceministro dell’economia e delle finanze Massimo Garavaglia.


La seduta comincia alle 10.20.


DL 34/2019: Misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi. C. 1807 Governo.


(Seguito dell’esame e conclusione).


http://documenti.camera.it/leg18/resoconti/commissioni/bollettini/pdf/2019/06/17/leg.18.bol0205.data20190617.pdf


pagg. 18 e 19


Silvia FREGOLENT (PD), intervenendo per dichiarazione di voto sull’articolo aggiuntivo 16.061 dei relatori, evidenzia lo stato di crisi in cui versa l’Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani. In proposito, chiede ai relatori di chiarire se l’articolo aggiuntivo in esame ha lo scopo di salvare tale Istituto.


Giulio CENTEMERO (Lega), relatore per la VI Commissione, fa presente che l’intenzione dell’articolo aggiuntivo 16.061 è quella indicata dall’onorevole Fregolent, seppure non si tratta di un intervento sostanziale, ma semplicemente di un sostegno in vista di un generale ripensamento della gestione degli enti previdenziali.


Silvia FREGOLENT (PD) annuncia il voto favorevole sull’articolo aggiuntivo 16.061 dei relatori nel testo riformulato, apprezzando il cambiamento di opinione dei deputati del gruppo del MoVimento 5 Stelle in merito al sostegno al settore del giornalismo.


Le Commissioni approvano l’articolo aggiuntivo 16.061 dei relatori nel testo riformulato (vedi allegato 2).


Maria Elena BOSCHI (PD) chiede alla rappresentante del Governo se il sottosegretario Crimi è a conoscenza del parere favorevole del Governo sull’articolo aggiuntivo 16.061 dei relatori testé approvato.


La Viceministra Laura CASTELLI, ribadendo la posizione unitaria del Governo, fa presente che l’articolo aggiuntivo 16.061 dei relatori ha lo scopo di delineare un percorso volto a garantire la sostenibilità economico-finanziaria dell’ente di previdenza.


Silvia FREGOLENT (PD), apprezzando l’approvazione dell’articolo aggiuntivo 16.061 dei relatori, evidenzia che non sostenere gli enti previdenziali in crisi avrebbe, tra l’altro, la conseguenza di aggravare i conti dell’INPS.


ccccccccccccccc


ALLEGATO 2


DL 34/2019: Misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi. C. 1807 Governo.


PROPOSTE EMENDATIVE APPROVATE a pagg. 61 - 62


http://documenti.camera.it/leg18/resoconti/commissioni/bollettini/pdf/2019/06/17/leg.18.bol0205.data20190617.pdf


ART. 16.


Al capo I, dopo l’articolo 16 aggiungere il seguente:


« Art. 16-bis. (Disposizioni in materia previdenziale)



  1. All’articolo 1 della legge 30 dicembre 2018, n. 145, sono apportate le seguenti modificazioni:

  2. a) dopo il comma 185 è inserito il seguente:


«185-bis. Le disposizioni del comma 185 si applicano ai debiti derivanti dall’omesso versamento dei contributi dovuti dagli iscritti alle casse previdenziali professionali, previe apposite delibere delle medesime casse, approvate ai sensi del comma 2 dell’articolo 3 del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, pubblicate nei rispettivi siti internet istituzionali entro il 16 settembre 2019 e comunicate, entro la stessa data, all’agente della riscossione mediante posta elettronica certificata »;



  1. b) al comma 192, dopo le parole: « e 188 » sono inserite le seguenti: « o l’esistenza della delibera favorevole prevista dal comma 185-bis ».

  2. L’Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani « Giovanni Amendola » (INPGI), nell’esercizio dell’autonomia di cui al decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, con provvedimenti soggetti ad approvazione ministeriale ai sensi dell’articolo 3, comma 2, del citato decreto legislativo n. 509 del 1994, è tenuto ad adottare, entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, misure di riforma del proprio regime previdenziale volte al riequilibrio finanziario della gestione sostitutiva dell’assicurazione generale obbligatoria che intervengano in via prioritaria sul contenimento della spesa e, in subordine, sull’incremento delle entrate contributive, finalizzate ad assicurare la sostenibilità economico-finanziaria nel medio e lungo periodo. Entro diciotto mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, l’INPGI trasmette ai Ministeri vigilanti un bilancio tecnico attuariale, redatto in conformità a quanto previsto dal comma 2 dell’articolo 2 del citato decreto legislativo n. 509 del 1994, che tenga conto degli effetti derivanti dall’attuazione delle disposizioni del primo periodo del presente comma. Qualora il bilancio tecnico non evidenzi la sostenibilità economico-finanziaria di medio e lungo periodo della gestione sostitutiva dell’assicurazione generale obbligatoria, al fine di ottemperare alla necessità di tutelare la posizione previdenziale dei lavoratori del mondo dell’informazione e di riequilibrare la sostenibilità economicofinanziaria della gestione previdenziale dell’INPGI nel medio e lungo periodo, il Governo adotta uno o più regolamenti, ai sensi dell’articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, diretti a disciplinare le modalità di ampliamento della platea contributiva dell’INPGI. Per il predetto Istituto l’efficacia delle disposizioni di cui al comma 4 dell’articolo 2 del citato decreto legislativo n. 509 del 1994 è sospesa fino al 31 dicembre 2019».

  3. 061. (Nuova formulazione). I Relatori


*Nota. I Relatori sono Raphael Raduzzi (M5S) e Giulio CENTEMERO (Lega).





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com