Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

L’Ordine dei giornalisti sposa la battaglia di Radio Radicale. Verna: un Paese civile non spegne una voce libera.

Roma, 7 maggio 2019. - Con un lungo applauso la Consulta dei Presidenti degli Ordini Regionali dei Giornalisti ha espresso sostegno e solidarieta' al direttore di Radio Radicale Alessio Falconio, invitato alla riunione presso la sede del CNOG. Il presidente del CNOG, Carlo Verna, ha manifestato la piena vicinanza a tutti i Giornalisti e lavoratori dell'emittente. "Un Paese civile - ha affermato Verna - non spegne una voce di liberta' e Radio Radicale e' talmente libera che ci ha consentito a lungo di esprimere le nostre opinioni persino quando, in un'altra fase storica, sosteneva il referendum per l'abolizione dell'Ordine. Radio Radicale - ha proseguito Verna - e' sempre stata un'emittente aperta, libera e pluralista ed ha svolto e svolge, nello stesso tempo, una straordinaria funzione di servizio pubblico interpretando quella sollecitazione al pluralismo attivo sancita nell'articolo 21 della Costituzione. Chiedo, anche a nome di tutti i rappresentanti degli Ordini regionali, che vi sia la proroga immediata per le trasmissioni di servizio pubblico dal Parlamento in attesa che si svolga la nuova gara". Verna ha anche invitato Maurizio Bolognetti a sospendere lo sciopero della fame che sta portando avanti da oltre due mesi a sostegno dell'emittente, proponendo in alternativa un digiuno di solidarieta' a catena da parte di rappresentanti degli Ordini regionali e di quello nazionale. Il direttore di Radio Radicale Alessio Falconio, intervenendo alla riunione della Consulta, ha ricordato come recentemente l'AgCom abbia riconosciuto il ruolo di servizio pubblico da loro svolto e come questo non possa essere interrotto in attesa dell'espletamento del nuovo bando di gara. (AGI)





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com