Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

Addio a Vittorio Bruno Stamerra, giornalista, scrittore e per diversi anni direttore di «Quotidiano» (con le tre edizioni di Lecce, Brindisi e Taranto). Aveva 76 anni.

articolo di Dino Levante

4.5.2019 - Lutto nel mondo culturale e dell’informazione pugliesi. È morto all’alba di sabato Vittorio Bruno Stamerra, giornalista, scrittore e per diversi anni direttore di «Quotidiano» (con le tre edizioni di Lecce, Brindisi e Taranto); aveva 76 anni. È spirato alle 5.30, nel reparto di Rianimazione dell’ospedale «Antonio Perrino» di Brindisi, dopo settimane di ricovero.

Nato a Tuturano (frazione di Brindisi) l’8 settembre 1942, Stamerra, iscritto all’Odine dei giornalisti regionale pugliese dal 1971 (dal 10 dicembre 1976 professionista), aveva cominciato la sua lunga carriera nella redazione di Brindisi de «La Gazzetta del Mezzogiorno» (della quale fu anche editorialista), era stato redattore e inviato della sede Rai di Bari e aveva collaborato con «La Stampa» di Torino, l’Ansa e «Avanti!» e «Paese Sera» di Roma e col settimanale «Tempo Illustrato».


Socialista di formazione (una grande stima per Tommaso Fiore e come costante punto di riferimento Ferdinando Santi e Riccardo Lombardi), fu difensore intelligente, accanito, tuttavia mai indulgente. Dopo Beppe Lopez, Stamerra era stato il secondo direttore del giornale salentino (ora «Nuovo Quotidiano di Puglia»), con redazione e tipografia a Lecce, dal primo dicembre 1981 fino al primo giugno 1996, durante un periodo difficile per la neonata testata e per il territorio, devastato dal contrabbando e dalla Sacra Corona Unita. In quegli anni, Stamerra trasformò il giornale interprovinciale salentino, grazie alla collaborazione di una giovanissima équipe di giornalisti e poligrafici, in un baluardo di cultura, libertà e resistenza. Non lo fermò nemmeno l’avvertimento mafioso perpetrato con il potente ordigno dinamitardo che, il 10 novembre 1992, distrusse una sua abitazione a Monticelli.


Laico di cultura Stamerra non mancò di offrire la sua collaborazione all’amico e collega giornalista Cosmo Francesco Ruppi, conosciuto sulle colonne de «La Gazzetta del Mezzogiorno», con la quale il presule collaborava come editoralista della domenica e al seguito dei viaggi papali, e poi, insieme con Antonio Maglio, pensò alla rinascita del settimanale cattolico diocesano «L’Ora del Salento», offrendo supporto redazionale e facendolo stampare nella stessa tipografia di «Quotidiano». Una particolare attenzione fece inoltre dedicare dal suo giornale alla visita a Lecce del papa Giovanni Paolo II del 17-18 settembre 1994.


Terminata la trilustre avventura con «Quotidiano», del quale negli ultimi periodi era stato anche editore di riferimento, Stamerra ebbe una breve esperienza politica, candidandosi al Senato e ricoprendo l’incarico di assessore al bilancio del Comune di Brindisi. In seguito tornò a scrivere, firmando diversi libri, fondando nel 2003 la casa editrice Hobos (con al suo attivo una quarantina di titoli in catalogo), e collaborando con testate locali, in particolare con Marcello Orlandini e Carmine Dipietrangelo, dal 2009 con il quotidiano online BrindisiReport.it (oggi integrato nel Gruppo Citynews). Aveva anche insegnato Storia e tecniche della comunicazione.


Tra i suoi scritti ricordiamo: «Brindisi 1945. L’alba della democrazia», con Patrizia Miano (2005); «Vincenzo Gigante detto Ugo. Un eroe brindisino», con Antonio Maglio e Patrizia Miano (2006); «Giulio Redaelli. Saggi sullo sviluppo della città policentrica jonico-salentina (1982-1995)», con Vito Redaelli (2014); «Il Cristo rosso e il suo apostolo. Storie di confinati politici ad Ustica. Vincenzo Gigante nei ricordi di Petro Marko», con Merita Sauku Bruci (2015); «Una città in coma. Il male oscuro di Brindisi» (2016); «Nienti pi nienti voto a Chimienti. I brindisini in Parlamento dall’Unità d’Italia ai giorno nostri», con Tonia Marzo (2018).


La Direzione e la Redazione di «Portalecce» sono vicine alla moglie Marida, alle figlie Ornella e Federica, al genero Giovanni Rubaltelli e all’amato nipotino Gabriele.


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com