Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Giornalisti: a Matera la 12/a Giornata della Memoria dei Giornalisti uccisi da mafia e terrorismo.La manifestazione organizzata dall'Unione nazionale cronisti italiani (Unci). "Senza memoria non c'e' liberta": lo ha detto il presidente Alessandro Galimberti. "Ricordare - ha aggiunto Galimberti - l'opera di Giornalisti uccisi da mafia e terrorismo per le loro inchieste significa difendere libertà' e democrazia, minacciate in diverse aree del mondo. IL MESSAGGIO DI MATTARELLA: "NON LASCIARE SOLI I GIORNALISTI MINACCIATI".

di Ansa

MATERA, 3 maggio 2019. - "Senza memoria non c'e' liberta". Lo ha detto oggi, a Matera, il presidente nazionale dell'Unione nazionale cronisti italiani (gruppo specializzato della Fnsi), Alessandro Galimberti, nel corso della 12/a Giornata della Memoria dei Giornalisti uccisi da mafia e terrorismo, che ha visto il contributo di familiari delle vittime e testimonianze di Giornalisti, come il lucano Filippo Mele, che hanno subito intimidazioni e minacce per la puntuale attivita' di denuncia svolta. "Ricordare - ha aggiunto Galimberti - l'opera di Giornalisti uccisi da mafia e terrorismo per le loro inchieste significa difendere libertà' e democrazia, minacciate in diverse aree del mondo. Sono situazioni che si ripetono oggi con le intimidazioni, con la condizione di emarginazione culturale che i Giornalisti non servono perche' svolgono un ruolo di denuncia tirando fuori verita' scomode, che danno fastidio". Particolare emozione ha destato la proiezione di un video sul "Giardino della memoria" di Ciaculli (Palermo), realizzato su un terreno confiscato alla mafia grazie una iniziativa congiunta di Unci e Associazione nazionale magistrati. Il lavoro curato dalla giornalista Federica Bosco, riporta i commenti del presidente Galimberti e del vicepresidente dell'Unci, Leone Zingales sulle vittime di mafia in Sicilia. Domenico Sammartino, presidente dell'Ordine dei Giornalisti della Basilicata, che ha introdotto i lavori, ha ricordato le difficolta' che oggi incontrano i Giornalisti a svolgere la propria funzione e le inchieste in particolare. La giornata e' stata aperta da un messaggio del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. (ANSA).


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


LIBERTÀ STAMPA. IL MESSAGGIO DI MATTARELLA: "NON LASCIARE SOLI I GIORNALISTI MINACCIATI"

Roma, 3 maggio 2019 - "La Giornata organizzata dall'Unione Nazionale Cronisti Italiani, in concomitanza con la Giornata mondiale della liberta' dell'informazione indetta da ONU e UNESCO, vuole ricordare i numerosi giornalisti uccisi dai terroristi o dalla mafia per aver compiuto il loro dovere di raccontare attraverso le parole o le immagini. Sono testimoni di verita' e di liberta', il cui sacrificio deve essere ricordato e onorato". Lo scrive il presidente della Repubblica, Sergio MATTARELLA, in un messaggio inviato al presidente nazionale dell'Unione Nazionale Cronisti Italiani, Alessandro Galimberti. "Anche in Italia si verifica un alto numero di intimidazioni e atti ostili nei confronti dei giornalisti che esercitano la loro fondamentale funzione. Le istituzioni della Repubblica e la societa' civile hanno il dovere di sostenerli e non lasciarli soli - conclude il capo dello Stato -. Rinnovando la mia solidarieta' e la mia vicinanza ai familiari delle vittime, invio un saluto ai cronisti italiani con l'augurio che possano sempre raccontare, liberi da condizionamenti, la realta' del nostro Paese". (ITALPRESS).

 




Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com