Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

I comitati di redazione Hearst HMC (Marie Claire e Marie Claire Maison) e di Hearst HMI (Elle, Elle Decor, Gente, Cosmopolitan, Esquire), ritengono inaccettabili i nuovi sacrifici chiesti dall’Azienda ai giornalisti.

2.5.2019 - Il 29 aprile l’editore ha dichiarato un nuovo stato di crisi aziendale che ha il tono di una decimazione: 10 esuberi su 32 giornalisti per HMC e 26 esuberi su 86 giornalisti per HMI, ossia 1 su 3. I giornalisti di Hearst - che in questi anni difficili hanno già pagato un tributo alla crisi economica con i licenziamenti di due colleghi, di un vicedirettore, oltre a numerose uscite per pensionamenti, prepensionamenti e incentivi all'esodo - non accettano perciò i nuovi tagli chiesti dall’editore. Una richiesta di sacrifici indirizzata, peraltro, solo ai giornalisti. I Cdr - che non si sono mai rifiutati e non si rifiuteranno mai di avviare un confronto serio e responsabile con l’Azienda - ritengono che il 30% in meno di giornalisti comprometta irrimediabilmente la qualità dell’informazione delle testate Hearst, rendendo tra l'altro impossibile rispettare l’attuale piano di smaltimento ferie concordato con l’editore e le tempistiche di lavorazione dei giornali e dei loro numerosi allegati. L’editore chiede ora ai giornalisti di pagare interamente il conto salato della crisi e delle recenti scelte aziendali (tra cui la delocalizzazione all’estero dei siti web di Marie Claire, Elle, Esquire, Cosmopolitan e relativi allegati), anziché rispondere con un piano strategico pluriennale di investimenti alle sfide della rivoluzione tecnologica in atto e ai cambiamenti culturali che sarebbero necessari. Chiediamo pertanto che in vista di un tavolo di trattative l'azienda riveda profondamente le attuali richieste, considerando anche altre possibili soluzioni che non penalizzino solo l’occupazione.

I Cdr Hearst Marie Claire (HMC) e Hearst Magazines Italia (HMI)


 ......................................

30.1.2019 - Hearst: raccolta, +9% per la stampa nel primo bimestre. Il D.G Advertising di Hearst, Marco Cancelliere, spiega come il trend della pubblicità su carta stia performando bene in questa prima parte dell’anno, con positiva crescita anche per il digital, sul cui fronte editoriale è sul cui fronte editoriale è da ieri operativo il nuovo responsabile Massimo Russo. - TESTO IN https://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=25848

 1.5.2019 - Hearst tira la cinghia per il calo della pubblicità. Chiesto lo stato di crisi che prevede un 30% di riduzione delle retribuzioni, 26 esuberi a Hearst Magazines Italia e una decina a HMC Italia, che pubblica Marie Claire, Marie Claire Maison e i vari allegati. - di primaonline - TESTO IN https://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=26368




Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com