Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

EDITORIA: CRESCONO LE ADESIONI ALLO SCIOPERO DELLA FAME PER RADIO RADICALE. Cdr dell'emittente: "In 100 perderanno il lavoro, Di Maio ci riceva".

Roma, 10 aprile 2019 - Mentre Maurizio Bolognetti giunge oggi al 42/mo giorno di sciopero della fame, altri membri della presidenza del Partito radicale si aggiungono alla sua iniziativa nonviolenta nella speranza che il governo intervenga in tempo utile per consentire al servizio pubblico svolto da 43 anni da Radio Radicale di poter proseguire. Si tratta di Rita Bernardini, Maria Antonietta Farina Coscioni, Irene Testa, tutte e tre facenti parte della presidenza del Partito radicale, e di Paola di Folco, militante delle lotte nonviolente radicali da tantissimi anni. ''Per il momento -affermano le quattro esponenti Radicali- constatiamo che 42 giorni di sciopero della fame di Maurizio Bolognetti per la vita di Radicale radicale e il diritto umano alla conoscenza non sono bastati ai rappresentanti del governo per corrispondere in qualche modo a questa rigorosa ed esemplare richiesta di dialogo, nemmeno nella forma dell'incontro con il direttore Alessio Falconio e dell'amministratore Paolo Chiarelli, che da tempo hanno richiesto di essere ricevuti dal ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio, interlocutore diretto della vicenda di Radio radicale. Nessuna risposta ha ottenuto anche la richiesta del Cdr della Radio -interlocutore sempre Di Maio nella sua veste di ministro del Lavoro- sul piano della potenziale crisi occupazionale". (AdnKronos)



  • §§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


Editoria. Cdr Radio Radicale: "In 100 perderanno lavoro, Di Maio ci riceva".


Roma, 10 aprile 2019 - "Abbiamo atteso qualche giorno per rispondere con calma e in maniera pacata alle affermazioni pubblicate dal sottosegretario Crimi sul suo profilo Facebook. Sui bilanci e sull'assetto azionario di Radio Radicale ha gia' replicato l'Azienda". Lo afferma in un comunicato il cdr di radio Radicale che aggiunge: "Per parte nostra torniamo a chiedere un incontro urgente al ministro del lavoro Luigi Di Maio per sottoporgli il problema delle oltre 100 persone tra giornalisti, tecnici, personale amministrativo e archivisti (a cui si aggiungono i collaboratori e i dipendenti dell'indotto) che perderanno il proprio lavoro a causa delle decisioni del governo. Se lo vorra' saremo ben lieti di incontrare anche il sottosegretario Crimi", aggiunge la nota.(AGI)


 


 


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com