Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

Editoria, Italiaonline condannata per danni ad Affaritaliani. Gravi danni da inadempimento contrattuale.

Roma, 9 marzo 2019. - Italiaonline s.p.a. (proprietaria dei portali web Libero.it e Virgilio.it), al termine di un giudizio durato circa quattro anni, è stata condannata dal Tribunale di Milano a risarcire i gravi danni arrecati a Uomini e Affari s.r.l. (Editrice della testata giornalistica on line Affaritaliani.it) per inadempimento contrattuale. Con la sentenza il giudice ha accertato che, per tutta la durata del rapporto che ha legato Uomini e Affari attraverso Affaritaliani.it. a Italiaonline quest'ultima ha posto in essere una condotta contraria al contratto e lesiva della visibilità e della diffusione del giornale Affaritaliani.it. Nella pratica, a fronte di una clausola negoziale che prevedeva l'obbligo di IOL di indirizzare l'utente di Libero.it su Affaritaliani.it, l'accesso ne è stato continuativamente impedito per la presenza di una pagina "intermedia" (creata unilateralmente da IOL) in cui il contenuto della notizia era riportato senza nessun richiamo o riferimento al giornale che ne aveva curato la redazione. In questo modo - afferma il Tribunale di Milano - è stata tolta visibilità al giornale e, nel contempo, valore alla inserzioni pubblicitarie ivi pubblicate, privando Uomini e Affari s.r.l. dei relativi ricavi, realizzati al contrario dalla sola Italiaonline. Il Tribunale ha anche accertato che, contravvenendo al principio generale della buona fede contrattuale (che governa i rapporti negoziali in ogni sua fase), IOL si era parimenti avvalsa dei contributi giornalistici predisposti dalla redazione di Affaritaliani per la elaborazione di una newsletter inviata alla propria clientela senza riconoscere alcunché a Affaritaliani.it per l'attività svolta e lucrando in totale autonomia sugli incassi derivanti dalla pubblicità. La sentenza emessa dal Tribunale di Milano all'esito del giudizio, nel quale Uomini e Affari è stata assistita dallo Studio Legale de Tilla (Milano), costituisce un ulteriore esempio di condanna di contraente "forte" per violazioni poste in essere a carico della parte contrattuale più debole. E stabilisce un principio giusprudenziale importante in materia di diritto d'autore. (askanews)





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com