Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Editoria: L'Espresso rinasce tra Europa e verità. Dal 24/2 settimanale si rinnova, 'luogo dove confrontarsi'.

di Elisabetta Stefanelli/ANSA


ROMA, 22 febbraio 2019 -- Nasce il nuovo Espresso e sara' come ''un luogo di carta dove confrontarsi'', nello spirito guida di due parole che davano anche il titolo alla serata di presentazione dello storico settimanale: Europa e Verità. ''Parole fuori moda'', sottolinea dal palco il direttore Marco Damilano, ma il nuovo Espresso - in edicola da domenica 24 febbraio con La Repubblica - non punta certo ad essere glamour quanto a indagare la sostanza dei fatti, ''raccontare sempre qualcosa che non si sapeva prima'', difendere i diritti ''che non sono mai del tutto acquisiti'', perche' ''il giornalismo e' prima di tutto un lavoro di ricerca''. E allora spazio alle inchieste (questa volta in copertina quella dedicata a Matteo Salvini e al suo viaggio in Russia), ma anche ai Reportage , alle Idee nel paginone centrale, alla Parola della settimana (qui e' Insieme), per concludere con le Storie, racconti lunghi, quasi sempre veri ma a volte di fantasia, dall'Italia e dal mondo. Parte cosi' una fase nuova, che vuole percorrere nuove strade non soltanto per la testata nata nel 1955 ma per ritrovare il senso stesso del fare giornalismo oggi: ''coniugando insieme fedelta' alla tradizione e modernita', con cambiamenti importanti'', chiosa l'editore, il presidente del Gruppo Gedi Marco De Benedetti. Di questo si e' parlato nell'affollato Teatro Argentina di Roma, dove in una serata intervallata dalle letture di Isabella Ragonese - a partire simbolicamente dalle pagine di Anna Politkovskaja - si sono confrontati sul palco intellettuali e giornalisti, da Marcelle Padovani a Roberto Saviano, da Javier Cercas a Massimo Cacciari, con ovviamente la parola della testata a partire dal direttore Marco Damilano e dal vicedirettore Lirio Abbate. Se Padovani snocciola i numeri negativi del suo Nouvel Observateur ad ostentare una doccia di realta' (''abbiamo adottato una linea simile e negli ultimi cinque anni siamo passati da 530 mila copie a 230 mila ma ci siamo stabilizzati'') e invoca come un miraggio ''la notizia, perche' di notizie ne vedo troppo poche'', in conclusione Cacciari spiega che a suo avviso ''la notizia non esiste piu' e non ha piu' senso''. Nel mezzo si colloca la ricerca della verita' che per Saviano e' travolta dal fattore dinamico della velocita', in un mondo in cui il presidente degli Stati Uniti twitta insulti contro i giornalisti senza che nessuno si scomponga, in cui ''il web ha preso il posto del quotidiano, i quotidiani quello dei settimanali e ai settimanali e' affidato un ruolo tutto da definire''. C'e' lo spazio di quel ''ritardo che e' fondamentale per pensare'', dice lo scrittore citando un libro di Thomas Friedman, e in cui ''bisogna resistere'', per ''creare un punto di vista non istantaneo''. ''La verita' e' nel dire no'', sostiene invece Cercas, che cita l'esempio di Pasolini e Sciascia per l'Italia, ma non nasconde che ''oggi la menzogna ha un potere straordinario''. ''Il giornalismo oggi e' impotente - aggiunge lo scrittore - non bisogna solo dire la verita' ma anche smascherare la menzogna''. Un baluardo contro la menzogna certo, che pero' conclude Massimo Cacciari, deve avere come missione ''quella di far capire l'utilita' e la necessita' dell'Europa. Bisogna spiegare ai cittadini che serve per il loro benessere''.(ANSA).


 


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com