Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Editoria: l'86% degli italiani attenti alla informazione locale. Ricerca Agcom, tv al primo posto. Crimi: "A marzo gli Stati Generali".

di Daniela Giammusso/ANSA


ROMA, 11 febbraio 2019. - Più di 8 italiani su 10, ben l'86%, si informano abitualmente sui fatti locali, attraverso tv, radio, quotidiani e servizi online. Certo non tutti allo stesso modo, anzi, con un'accentuata disomogeneita' tra diverse aree del Paese. Ma con picchi quasi del 100% nelle regioni dove e' forte la specificita' culturale e/o linguistica come Val d'Aosta e Trentino Alto Adige (98% e 96%), seguite da Friuli Venezia Giulia (94%) e Sardegna (91%). A raccontarlo è l'Indagine conoscitiva sull'informazione locale presentata oggi dall'Autorita' garante per le Comunicazioni, che ha analizzato caratteristiche e dinamiche di domanda e offerta di informazione in Italia, con focus sull'ambito locale. ''Il settore ha subito colpi notevoli dalla diffusione del web - spiega il presidente Agcom, Angelo Marcello Cardani - Sono tendenze difficilmente rovesciabili. Non bisogna fare una battaglia di rallentamento, ma trovare nuove direzioni e risposte. L'ambito locale - aggiunge - e' importante anche perche' costituisce un tessuto di comunita'''. In particolare, rivela la ricerca, se forse e' prevedibile che la dimensione locale sia piu' sfumata in Lazio e Lombardia, meno scontato e' il basso dato di Veneto (84%), Sicilia (80%) e Piemonte (78%), in ultima posizione. La tv e' il mezzo prediletto, tranne che in Piemonte, Emilia Romagna e Toscana, dove vince ancora il quotidiano. La Rai attraverso il TGR e' il primo gruppo di riferimento per l'informazione locale in 14 regioni. Fanno eccezione, in termini di ''total audience informativa'', Trentino Alto Adige con Athesia, Emilia Romagna e Toscana con Monrif, Molise con Telemolise, Puglia con Gruppo Norba e Sardegna con Unione Editoriale. ''Come sta l'Editoria in Italia? Dal punto di vista dell'offerta male, ma la domanda e' altissima, spasmodica'', commenta il sottosegretario all'Editoria Vito Crimi, annunciando ''a marzo gli Stati Generali dell'informazione e dell'Editoria con una platea piu' ampia possibile'' che comprenda ''tutta la filiera'' fino ai cittadini-fruitori. ''Gli editori - prosegue - devono avere l'onesta' intellettuale di dire 'contributi ne abbiamo presi tanti'''. Per superare la crisi ''ora bisogna ragionare se ha piu' senso indirizzare questo sostegno all'editore a capo della filiera o a tutta la filiera'', riflette Crimi, che di fronte alla rivoluzione del digitale esorta a evitare ''lotte senza quartieri per mantenere le proprie posizioni'' ma anzi invita l'informazione locale ''a interagire piu' possibile con i cittadini'' e in generale a sfruttare i nuovi mezzi e valutare la possibile ''remunerazione'' dei contenuti su web ''sul principio della credibilita': il New York Times e' un esempio'' ''L'informazione e' un bene necessario per la democrazia'', prosegue nel dibattito il Direttore generale della Fieg, Fabrizio Carotti, ricordando i danni della pirateria on line e ''i cali di vendite tra 25-50% nella stampa locale. Un ripensamento dei finanziamenti e' necessario - dice - e' vero che tutta la filiera e' in sofferenza'', mentre se esiste un problema di mercato ''ad esempio pubblicitario, bisogna rimuovere le cause''. ''Si deve ripartire dai cittadini e dai territori'', dice il Coordinatore nazionale Corecom, Filippo Lucci, citando il caso de Il centro che ha portato ''a 70 pagine la cronaca locale''. Ma se ''senza alcune tv locali mancherebbero interi presidi informativi, ad esempio al Sud'', come avverte il presidente Confindustria Radio Tv Francesco Siddi, ''con l'arrivo della rete 5G e la ripartizione delle frequenze - denuncia il segretario di Aeranti, Fabrizio Berrini - le tv locali saranno massacrate''. (ANSA)





 




 



 



 



 



 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com