Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

IL RICORDO. MILANO. CORRIERE DELLA SERA. Addio a Dino Tedesco, raccontò la città del bello.

di DINO MESSINA


7.2.2019 - Nella primavera del 1986, quando entrai nella redazione milanese del Corriere della sera , venni affidato alle cure di Dino Tedesco, uno scoppiettante giornalista brindisino (era nato il 24 settembre 1933) che ieri purtroppo ci ha lasciati dopo tre lunghi anni di quella malattia che ti ruba la memoria. Proprio a lui, che citava testi teatrali, battute dei film grandi e minori, versi di canzoni, senza sbagliare una virgola. Dino Tedesco era stato chiamato in via Solferino dal capocronista Arnaldo Giuliani, «il principe della nera», d' accordo con il direttore Piero Ostellino, per svecchiare le pagine locali del giornale. Gli avevano affidato la sezione «Dentro Milano», che poi si sarebbe chiamata «Modi e Mode». Tutto ciò che non era politica o cronaca nera, quindi spettacolo, intrattenimento, tempo libero, tendenze (erano gli anni della Milano da bere e dei paninari) finiva nelle sue pagine. Ostellino e Giuliani avevano scelto Tedesco non soltanto perché nel 1972 aveva vinto il premio Saint Vincent per la sezione costume, ma anche perché a Milano si era fatto notare per le cronache di spettacolo e costume sul il Giorno , per le collaborazioni con Musica Jazz di Arrigo Polillo e per l' ottima prova data come caporedattore del settimanale T v Sorrisi e Canzoni diretto da Gigi Vesigna.  Dino Tedesco apparteneva a un' epoca eroica del giornalismo, mestieraccio cui era approdato come redattore della Gazzetta del popolo di Torino dopo una collaborazione con il Teatro Stabile della città. Si era poi trasferito a Milano, dove aveva lavorato nei periodici del gruppo Fabbri. Quando la mattina arrivavi in redazione lui era già lì che aveva letto tutti i giornali ed era pronto ad affidarti tre o quattro incarichi: scrivere delle notizie in breve, aiutare a impaginare e titolare e la sera preparare un servizio per il giorno dopo. Lui magari faceva il doppio, sempre con gli occhi sorridenti dietro le lenti spesse e pronto a raccontarti un aneddoto su Pippo Baudo, Al Bano o Mario Tessuto, ma anche su Giorgio Strehler, Carmelo Bene e Dario Fo. Si considerava un ascensore tra l' alto e il basso della cultura, senza snobismi. Ogni estate tornava nella sua Brindisi. Legatissimo alle origini, ha lasciato un libro di poesie in dialetto, «Muddiculi» (briciole) cui teneva moltissimo. Amava il giornalismo ma soprattutto la sua famiglia: la moglie Silvana e le tre figlie, Antonella, Simona, direttrice di Dove , e Silvia, art director nel gruppo Cairo. Andò in pensione nel 1998 e sino al compimento degli ottant' anni si è goduto la vita viaggiando per il mondo con la sua Silvana.





 





 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com