Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

A Palermo la terza edizione dell’evento “Comincia il nuovo anno, ricordiamoli ogni giorno”. CRONISTI E MAGISTRATI HANNO RICORDATO A CAPODANNO TUTTE LE VITTIME DELLA MAFIA. La prima manifestazione antimafia del 2019 al Giardino della Memoria di Ciaculli, il sito confiscato a Cosa nostra e gestito da Unci e Anm. Vi hanno partecipato anche i figli del maresciallo Di Bona ucciso nel 1979


Palermo, 1 gennaio 2019. La prima manifestazione antimafia del 2019 in Italia è stata organizzata da Unci e Anm a Palermo. Cronisti e magistrati stamane hanno ricordato tutte le vittime della mafia. L’evento, promosso da Unione cronisti e Associazione nazionale magistrati  e giunto alla terza edizione, si è svolto al Giardino della Memoria di via Ciaculli a Palermo, ed è noto dal 2017 con la definizione "Comincia il nuovo anno,  ricordiamoli ogni giorno".  Davanti agli alberi che ricordano le vittime della mafia, cronisti e magistrati hanno dedicato una riflessione per tutti i caduti. Oltre alle autorità istituzionali hanno partecipato all’iniziativa i figli del sottufficiale della polizia penitenziaria, Calogero Di Bona, ucciso dalla mafia nel 1979: Giuseppe ed Ivan. Come è accaduto nelle edizioni del 2017 e nel 2018, nel corso dell’evento magistrati e cronisti hanno letto due poesie di Guido Gozzano e Fernando Pessoa.





Per l’Anm c’erano il presidente della sezione distrettuale di Palermo, giudice Giovanna Nozzetti, ed il procuratore aggiunto Ennio Petrigni. Hanno partecipato all’evento il provveditore regionale dell'Amministrazione penitenziaria, Gianfranco De Gesu, ed ufficiali, sottufficiali e funzionari della Prefettura, dell’Arma dei carabinieri, della Questura, della Dia, dell’Esercito, della Guardia di finanza e della polizia penitenziaria. "Anche  quest’anno – ha detto l’ideatore dell’iniziativa Leone Zingales, vice-presidente nazionale dell’Unci – abbiamo ricordato, in questo sito strappato alla mafia, tutti i caduti: magistrati, giornalisti, sindacalisti, imprenditori, poliziotti, carabinieri, religiosi e tutti coloro che sono stati vilmente assassinati dai criminali mafiosi.  Tutte le vittime della mafia, come ho avuto già occasione di sottolineare, vanno ricordate tutti i giorni e non soltanto in occasione delle varie commemorazioni, durante gli anniversari o nei convegni celebrativi. La lettura di alcuni testi poetici ha contribuito ad accrescere il valore dell’iniziativa perchè è anche con la cultura, con la scuola, che si sconfigge la mafia. La poesia, dunque, come strumento di contrasto all’incultura mafiosa".





Per il presidente dell’Anm di Palermo, il giudice Giovanna Nozzetti, riunirsi “in questo Giardino per tributare omaggio, in un giorno speciale, alle vittime della criminalità mafiosa ma anche per condividere la viva ed operosa speranza che, nel nuovo hanno che inizia, la strada coraggiosamente tracciata da chi ci ha preceduti continui ad essere da ciascuno instancabilmente percorsa fino a quanto la nostra terra sarà definitivamente liberata dal giogo che ancora la opprime”. Il presidente del Gruppo siciliano dell’Unci, Andrea Tuttoilmondo, in un messaggio ha detto che “dedicare nel primo giorno dell’anno un momento di riflessione ai caduti per vile mano mafiosa rappresenta un modo per esprimere a pieno la riconoscenza verso di loro, nonché il simbolico auspicio che l’alba del nuovo anno sia anche l’inizio di un nuovo mondo libero da illegalità e malaffare”. (UNCI)





 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com