Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

CASAGIT. LETTERA DEL COLLEGIO SINDACALE Al PRESIDENTE E AI CONSIGLIERI D'AMMINISTRAZIONE: "La trasformazione della natura giuridica della Cassa da Associazione non riconosciuta a Società di Mutuo Soccorso va attuata con urgenza, rispettando peraltro una volontà espressa in maniera inequivocabile dagli organi statutari". Bisogna ampliare la platea degli iscritti per scongiurare "l'esaurimento del patrimonio in un arco temporale oscillante tra il 2024 e il 2026, con conseguente cessazione dell’attività della Cassa".


Roma, 4 dicembre 2018. Come noto, il Collegio sindacale della Casagit, in capo al quale ricadrebbe solidalmente con gli amministratori della Cassa la responsabilità di una scorretta gestione, esercita funzioni che gli vengono attribuite dall’art. 27 dello Statuto e dal dettato del Codice Civile all'art. 2403. Tra esse vi sono i compiti di vigilare sull'osservanza delle leggi e delle norme statutarie, i doveri di verificare la correttezza delle  procedure, in particolare relativamente alle azioni di tutela del patrimonio, nel primario interesse dei soci e degli iscritti.





Ciò premesso, nel corso delle sue riunioni il Collegio  ha esaminato approfonditamente il tema della riforma della natura giuridica della Cassa, in considerazione anche dei dati di Bilancio Tecnico, aggiornati di recente dallo studio attuariale Micocci & Partners.





Essi disegnano uno scenario a tinte fosche nel quale si conferma una tendenza che appare ormai irreversibile nella sua drammaticità, determinata dalla crisi strutturale della professione giornalistica, che porterà all'esaurimento del patrimonio in un arco temporale oscillante tra il 2024 e il 2026, con conseguente cessazione dell’attività della Cassa.  





In sostanza è palese come si stia assistendo ormai da tempo a una lenta agonia, a una 'morte annunciata', perché l'andamento oggi viene solamente confermato dall'attuario ma da lungo tempo è stato prospettato all'attenzione degli organi di rappresentanza della Cassa.





Anche il Collegio sindacale è convinto che per sottrarsi a tale destino non sono più sufficienti manovre tradizionali, da attuare nello stretto perimetro della professione giornalistica, come è stato puntualmente e tempestivamente fatto nel corso degli ultimi anni.





E’ per questa ragione che il Collegio, per quanto di sua competenza e nel rispetto delle sue funzioni, ha condiviso l’operato del Presidente e del Consiglio di Amministrazione, i quali hanno individuato e proposto una strategia - condivisa ufficialmente dall'Assemblea dei Delegati - fondata sull'apertura della Cassa ad altre popolazioni produttive.





Tale prospettiva è peraltro attuabile soltanto attraverso un nuovo assetto istituzionale. E’ stata quindi ravvisata la necessità di una riforma storica, da attuare attraverso una modifica dello Statuto.





Con questo obiettivo è stata costituita una apposita Commissione, che ha operato nell’arco di oltre un anno, con l’assistenza della Direzione generale e il prezioso contributo di diversi titolatissimi consulenti, che hanno formulato dettagliati e motivati pareri.





Come noto, tale Commissione qualche settimana fa ha praticamente concluso i suoi lavori, orientandosi verso uno scenario che prevede la trasformazione della natura giuridica della Cassa da Associazione non riconosciuta a Società di Mutuo Soccorso.





Contestualmente è stato inviato a Casagit il parere di uno studio professionale incaricato dalla Federazione Nazionale della Stampa, parere che ha confutato le conclusioni raggiunte dai consulenti della Casagit, proponendo soluzioni diverse che evidentemente andranno opportunamente approfondite.  





Il mondo della sanità integrativa, mai come in questo momento, vive una fase di rapida evoluzione. Le categorie professionali, che la Casagit ha incontrato nel mese di settembre in occasione del seminario svoltosi a Forte dei Marmi, hanno in linea di massima espresso interesse verso la nostra Cassa. Ma la situazione in questo settore è magmatica e altri Fondi e Mutue si sono già lanciati tempestivamente sul mercato dove la Casagit rischia di arrivare troppo tardi, quando i giochi saranno ormai fatti, con le categorie potenzialmente interessate che hanno già operato scelte diverse. Ciò significherebbe inevitabilmente andare verso la catastrofe prospettata dall'attuario.  





Di conseguenza secondo il Collegio sindacale la riforma va attuata con urgenza, rispettando peraltro una volontà espressa in maniera inequivocabile da organi statutari.





Tutto ciò considerato, il Collegio sindacale ritiene di invitare il Consiglio di Amministrazione a fare tempestivamente gli eventuali ulteriori approfondimenti e confronti, per procedere il più rapidamente possibile alla messa a punto di una proposta formale di riforma dell'assetto giuridico della Cassa, da sottoporre alla valutazione dell'Assemblea dei Delegati e da completare poi, nel caso in cui ricevesse l'indispensabile approvazione, con una effettiva modifica dello Statuto.  - I Sindaci: Mario Zaccaria, Giovanni Innamorati, Carola Vai, Pierpaolo Dobrilla e Michele Manzotti





 





 





 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com