Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Al via CROP NEWS, nuovo periodico online. Giornalisti manager della reputazione documentata. 42.000 professionisti accedono ai contributi europei a fondo perduto.


1411.2018 - Una nuova professione si fa strada nel web e apre prospettive interessanti per i giornalisti. Si tratta degli esperti della reputazione digitale oggettiva, documentata, misurabile e tracciabile. Non stiamo parlando degli smacchiatori del web, di coloro che – a pagamento –  intervengono per manipolare i profili delle persone aumentandone o diminuendone la reputazione  a seconda delle convenienze del committente. Tutt’altro.





Il progetto dell’Infrastruttura Digitale di Qualificazione Reputazionale Documentata e Tracciabile realizzata dal nuovo periodico online CROP NEWS (Cronache Reputazionali Oggettive Personalizzate) è frutto di un lungo lavoro che ha coinvolto autorevoli personalità ed esperti internazionali. L’obiettivo è misurare con un algoritmo la reputazione sulla base di dati certi e documentati, verificati da professionisti esperti, in primis dai giornalisti.





La reputazione documentata e certa si articola in 4 sub-rating per le persone giuridiche (imprese ed enti) e 5 sub-rating per gli individui: penale, civile, fiscale, lavoro e impegno civile, studi e formazione (solo per individui). In pratica, una persona (fisica o giuridica) può chiedere di misurare il rating della propria reputazione articolato nei 4 o 5 sub-rating descritti. Il primo passo è l’acquisizione dei certificati penali, civili, fiscali, di lavoro e impegno civile, di studio e formazione. La persona deve delegare un professionista appositamente qualificato ai sensi della legge 4/2013 ad acquisire e controllare questi certificati ed eventuali documenti accessori, a verificarne l’autenticità e all’occorrenza ad integrarli con altri documenti per meglio focalizzare il profilo reputazionale dell’utente.





Questo nuovo professionista è il Reputation Audit Manager (RAM), coadiuvato da  collaboratori denominati Reputation And Trust Expertise Representative (RATER). Il RAM acquisisce i documenti, ne accerta la  genuinità, fornisce una consulenza a chi chiede di avere una misurazione del rating reputazionale, inserisce i dati ed effettua l’upload dei documenti sull’infrastrutture digitale del periodico online CROP NEWS e l’algoritmo pondera i vari dati ed elabora il rating reputazionale. Il RAM (eventualmente coadiuvato dal RATER) provvede a validare il rating che così è pubblicato da CROP NEWS (Cronache Reputazionali Oggettive Personalizzate).





Il rating reputazionale, come accennato, oltre che da individui, può essere richiesto anche da imprese ed enti ai rispettivi interlocutori (es. business partner, aspiranti fornitori, aspiranti dipendenti, clienti soggetti ad obblighi di adeguata verifica antiriciclaggio o che richiedono dilazioni di pagamento, ecc.) che, in questo modo, creano uno scudo protettivo (tecnicamente, “costruzione dell’esimente”) per le responsabilità di rilievo penale (illeciti amministrativi dipendenti da reato) previste dal decreto legislativo 231/2001.





Quanto guadagnano RAM e RATER ? Minimo 150 euro per l’ottimizzazione di ogni rating reputazionale di persone fisiche e minimo 400 euro per i rating reputazionali di imprese ed enti. Inoltre RAM e RATER percepiscono 40 euro da CROP NEWS per minimo 45 e massimo 90 minuti necessari alla certificazione del rating reputazionale di un’impresa o ente e 28 euro per minimo 20, massimo 45 minuti per la validazione del rating reputazionale di un individuo. A questi onorari si aggiunge una fee dell’8% su quanto viene  pagato a CROP NEWS da  persone fisiche, imprese ed enti clienti di RAM o RATER che richiedono i rating reputazionali. Questi ultimi ricevono da CROP NEWS il 15% di quanto pagato da coloro che consultano i rispettivi profili reputazionali in forma sintetica (3-5 euro) e in forma dettagliata (20-40 euro). Insomma, una users community dove tutti guadagnano per contribuire all’accresciuta sicurezza dei singoli interessati e della collettività nel suo complesso.





L’algoritmo che calcola il rating è di proprietà della società Mevaluate Holding. I criteri per la valutazione del rating sono stati validati da un Comitato Etico Mondiale, a cui partecipa in qualità di Advisor for International Law Giuseppe Tesauro (presidente emerito della Corte Costituzionale, già presidente Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, già avvocato generale della Corte di Giustizia delle Comunità Europee)  e composto da docenti ed esperti di etica delle Università di Oxford, Uppsala, Johannesburg, dal Direttore  del Center for Applied  Ethics  dell’Università del Wisconsin e dal Chief Investigator dell’Australian Reserach Council Discovery Grant. Il sistema di qualificazione reputazionale di Mevaluate è stato esaminato dal Gruppo di Ricerca e Sviluppo in Collaborazione Pubblico-Privato con la partecipazione del CCASGO  (Comitato di Coordinamento Alta Sorveglianza Grandi Opere), coordinato dal Ministero dell’Interno e costituito dalla Presidenza del Consiglio, dai ministeri  di Giustizia, Infrastrutture e Trasporti, Sviluppo Economico, Economia  e Finanze e da ANAC, Direzione Investigativa Antimafia (DIA), Direzione Nazionale Antimafia (DNA) e Criminalpol.





Non esiste alcuna incompatibilità tra l’esercizio della professione giornalistica e lo svolgimento di questa attività che non è di lavoro dipendente. Tutt’altro. I giornalisti sono i  professionisti meglio qualificati per  svolgere un’attività che consiste, in sostanza, nella verifica delle fonti informative quali certificati e documenti, e nella consulenza sia su come arricchire e migliorare il profilo reputazionale di ciascun utente, sia su come far emergere le criticità reputazionali di controparti in giudizi civili, amministrativi e penali.





In totale l’Associazione professionale Auditor Reputazione Tracciabile (APART) – costituita ai sensi della Legge 4/2013 – seleziona e qualifica 12.000 RAM e 30.000 RATER a numero chiuso che potranno accedere a contributi europei a fondo perduto per farsi rimborsare 900 euro anticipati per acquisire i servizi necessari all’avvio dell’attività (es. 1. attestato di qualità e qualificazione professionale dei servizi ai sensi dell’art. 4, comma 1, secondo periodo, Legge 4/2013 e correlato esame online ripetibile senza limiti; 2. richiesta e ritiro n. 6 certificati che attestano il possesso dei requisiti reputazionali precedentemente autocertificati; 3. attribuzione rating reputazionale; 4. firma digitale; 5. password help desk; 6. tutoraggio online; 7. formazione continua ai sensi dell’art. 5, comma 1, lettera e), Legge 4/2013; 8. apertura Partita IVA e iscrizione al V.I.E.S. (per i Professionisti che ne sono privi); 9. polizza assicurativa costi di difesa; 10. polizza assicurativa responsabilità civile professionale; 11. ecc.). In ogni caso – a prescindere dai contributi a fondo perduto – il break even point di RAM e RATER si consegue rispettivamente con soli 10 rating reputazionali di individui e 1 rating reputazionale di impresa e con 12 rating reputazionali di individui e 2 rating reputazionali di imprese.





Per il professor Domenico Marino, componente della Task Force Intelligenza Artificiale dell'Agenzia per l'Italia Digitale – Presidenza del Consiglio dei Ministri: Il rating reputazionale è sicuramente una delle innovazioni sociali che possono contribuire a migliorare il livello di trasparenza, il grado di legalità e la qualità complessiva della vita. L'introduzione di questo strumento di certificazione faciliterebbe le transazioni, migliorerebbe la qualità dei servizi, permetterebbe una discriminazione effettiva dei prezzi sulla base di criteri di qualità certificati".  Gian Maria Fara, presidente Eurispes ha dichiarato: "Quando la reputazione di un individuo incontra la giurimetrica il terreno di azione dei professionisti del falso si restringe. L'ipotesi di costituzione di un nuovo Osservatorio Eurispes su questo tema ci ha trovato subito entusiasti".





Ulteriori informazioni ai link apart-innovazione.com e visitando sia apart-italia.com/bandi-ram-rater, sia cropnews.online, sia cos'è CROP NEWS (Cronache Reputazionali Oggettive Personalizzate)Per la procedura di adesione come RAM cliccare qui >>. Per la procedura di adesione come RATER cliccare qui >>.






 


 



 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com