Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

Rcs: utile 9 mesi balza a 52,1 milioni, conferma target 2018. Ricavi stabili a 713,3 milioni. Debito sotto i 200 milioni.


MILANO, 9 novembre 2018 - Rcs ha registrato nei primi nove mesi ricavi consolidati pari a 713,3 milioni, stabili su base omogenea (ossia escludendo dal confronto coi dati dello stesso periodo del 2017 gli effetti derivanti dall'adozione del nuovo principio contabile IFRS 15) con ricavi da attivita' digitali per 112,2 milioni (+15,9% rispetto), un Ebitda di 101,8 milioni (da 84,4 milioni) e un utile netto di 52,1 milioni, piu' che raddoppiato rispetto ai 19,8 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso. L'indebitamento finanziario netto e' sceso a 215,9 milioni (-71,5 milioni rispetto allo scorso dicembre). Il gruppo editoriale del Corriere della Sera conferma i target 2018: una crescita dell'Ebitda e dei flussi di cassa della gestione corrente rispetto all'esercizio passato tali da consentire di ridurre l'indebitamento finanziario a fine anno sotto i 200 milioni di euro. Nel solo terzo trimestre, l'Ebitda e' pari a 18,6 milioni, l'Ebit a 11,5 milioni e l'utile netto a 6,8 milioni, in crescita rispettivamente di 3,2 milioni, 8,4 milioni e 10,9 milioni rispetto agli stessi tre mesi del 2017. Nella nota sui conti Rcs MediaGroup evidenzia, con riferimento in particolare alle attivita' destinate a continuare, che il risultato netto del terzo trimestre risulta positivo per la prima volta dal 2010. E viene ricordato che il gruppo presenta un andamento stagionale delle attivita' che penalizza normalmente i risultati del primo e terzo trimestre dell'anno. Quanto ai risultati dei nove mesi i ricavi pubblicitari ammontano a 281 milioni rispetto ai 284,4 milioni dello stresso periodo 2017. Su base omogenea (al netto degli effetti dell'IFRS 15 pari a -8,1 milioni), registrano una incremento di 4,7 milioni rispetto ai primi nove mesi 2017, grazie in particolare ai maggiori ricavi pubblicitari realizzati da Unidad Editorial e da Quotidiani Italia. I ricavi editoriali sono pari a 326,6 milioni e si confrontano con 263,2 milioni dei primi nove mesi del 2017. Su base omogenea (al netto degli effetti dell'IFRS 15 pari a +75,9 milioni), si evidenzierebbe un decremento complessivo di 12,5 milioni (8,4 milioni in Spagna e 4,1 in Italia), principalmente per il calo dei mercati di riferimento nei due Paesi, che ha comportato la flessione delle diffusioni cartacee dei quotidiani. I ricavi diversi ammontano a 105,7 milioni di Euro e si confrontano con i 110,1 milioni dei primi nove mesi 2017. Su base omogenea (al netto degli effetti dell'IFRS 15 pari a -10,5 milioni), i ricavi diversi si incrementano di 6,1 milioni, grazie in particolare all'effetto trainante dei maggiori ricavi di eventi sportivi. Il miglioramento dell'Ebitda e' principalmente dovuto ai risultati positivi dell'attivita' di sviluppo dei contenuti editoriali, al continuo arricchimento dell'offerta e alla valorizzazione del portafoglio degli eventi sportivi, oltre al continuo impegno nel perseguimento dell'efficienza, che ha permesso di ottenere benefici relativi a costi operativi per 17,7 milioni, di cui 7,9 milioni in Italia e 9,8 milioni in Spagna. Si segnala inoltre che nei primi nove mesi 2018 l'effetto netto complessivo degli oneri non ricorrenti risulta sostanzialmente pari a zero. L'Ebit nei nove mesi, pari a 77,3 milioni, si confronta con i 47,1 milioni del pari periodo 2017. Oltre al miglioramento dell'Ebitda, contribuiscono al risultato operativo minori ammortamenti per 12,8 milioni (di cui 6,6 milioni dovuti al passaggio da vita utile definita a vita utile indefinita delle testate quotidiane spagnole Marca ed Expansio'n, che l'anno scorso era stato recepito nell'ultimo trimestre). (ANSA).





 





 





 





 





 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com