Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

SENTENZA DELLA Corte di Strasburgo (CEDU). Condannata la Turchia che non frena l’hate speech (= "incitamento all'odio").

di marinacastellaneta.it


3.11.2018 - Nessuna protezione dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo per la pubblicazione di articoli che contengono minacce o messaggi di odio. La Corte di Strasburgo, con la sentenza depositata il 30 ottobre (ricorso Kaboğlu et Oran contro Turchia, n. 1759/08, AFFAIRE KABOGLU ET ORAN c. TURQUIE) ha condannato la Turchia che non ha protetto il diritto alla reputazione di due docenti universitari attaccati, finanche con minacce di violenza fisica, in alcuni articoli di stampa. A rivolgersi alla Corte europea sono stati due docenti, esperti nel campo dei diritti umani, nominati come consulenti nel Consiglio consultivo e nel Working Group sui diritti delle minoranze. Il rapporto adottato nel 2004 metteva in risalto le difficoltà delle minoranze in Turchia. A seguito della diffusione dello studio, che aveva suscitato dure reazioni delle frange ultranazionaliste, erano stati pubblicati numerosi articoli che contenevano non solo critiche, ma anche insulti, minacce e hate speech. Di qui la decisione del Presidente del Consiglio consultivo e del Working Group di avviare azioni, nei confronti di alcuni giornalisti, per la tutela della propria reputazione. Tutte respinte sul piano interno, in forza della tutela della libertà di espressione. Di qui il ricorso a Strasburgo che ha accertato la violazione dell’articolo 8 della Convenzione che assicura il diritto al rispetto della vita privata e personale, nel quale è incluso il diritto alla reputazione. In particolare, la Corte, analizzato il contenuto degli articoli, ha rilevato che tali scritti istigavano ad atti di violenza direttamente contro i ricorrenti. Un rischio effettivo per la loro sicurezza anche tenendo conto del contesto. Proprio in Turchia – ricorda la Corte – un giornalista turco era stato ucciso da un ultranazionalista, dopo una campagna contro di lui. Non solo. Gli attacchi contenuti negli articoli avevano procurato un danno ai ricorrenti, colpiti da ansia, umiliati e resi più vulnerabili anche perché bollati come insensibili agli interessi della popolazione turca e, per di più, accusati di essere agli ordini di potenze straniere. I tribunali interni, inoltre, non hanno affatto considerato il contenuto degli articoli, evitando ogni classificazione e non compiendo il bilanciamento necessario tra i diritti in gioco, trascurando del tutto di qualificare alcune espressioni come casi di hate speech. Così, la Turchia ha violato il diritto alla reputazione dei ricorrenti.  IN http://www.marinacastellaneta.it/blog/condannata-la-turchia-che-non-frena-lhate-speech-echr-hate-speech-to-be-punished-in-domestic-court.html






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com