Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

Editoria. L'annuncio di Crimi. Fnsi-Cnog: no al taglio dei contributi nella legge di bilancio, è un "grave procedere unilateralmente senza confronto con le parti sociali'. La reazione contraria della Lega: errore la guerra talebana e irrazionale ai giornali.


ROMA, 27 ottobre 2018.  Inserire il taglio dei contributi all'editoria nello schema della legge di bilancio, come il sottosegretario Vito Crimi nel corso di una riunione tenutasi ieri al Mef, avrebbe annunciato - secondo quanto apprendono la Federazione nazionale della stampa e il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti - sarebbe "una decisione di inaudita gravita'". "La volontà di procedere unilateralmente, senza neanche il confronto preventivo con le parti sociali - affermano Fnsi e Cnog - dimostra che non si tratta di una decisione politica, ma di un atto di ritorsione contro l'informazione e i giornalisti. Non potendo colpire i grandi giornali, il sottosegretario si accanisce contro giornali che sono il punto di riferimento per intere comunità locali e contro piccole cooperative di giornalisti". "Il disegno - scrivono in una nota, Fnsi e Cnog - è quello di impedire ai cittadini di conoscere per provare a manipolarne orientamenti e consensi attraverso le piattaforme digitali. E' un modello inaccettabile perché punta a indebolire la democrazia e che come effetto immediato avrà quello di privare dell'informazione intere comunità e distruggere qualche migliaio di posti di lavoro, compreso l'indotto. Un epilogo disastroso frutto di una chiara avversione all'informazione da parte di chi, come il sottosegretario Crimi, nulla ha fatto fino ad oggi, al di là delle parole, per combattere il precariato nel mondo dell'informazione". (ANSA).





-----------------------------------





Editoria. Lega: errore la guerra talebana e irrazionale ai giornali.  - Roma, 27 ottobre 2018 - "L'editoria e' una grande risorsa per ogni Paese. Sono da cancellare le storture e i privilegi ma vanno tutelate le piccole grandi testate che hanno sempre fatto informazione di qualita' e servizio pubblico nei territori. I giornali locali sono stati la fucina che ha prodotto grandi giornalisti ed editano una mole di informazioni che mai le testate nazionali potrebbero coprire. In piu' una guerra talebana e quindi irrazionale a giornali storici e' un errore che favorisce editori che vedono nella carta stampata non un investimento industriale o culturale ma una mera opportunita' di indirizzare le masse". E' quanto scrive su Facebook il presidente della commissione Trasporti alla Camera, il leghista Alessandro Morelli. "La Lega e' sempre stata contro questa logica e ancora una volta ribadiamo: nessuno (neppure gli editori e cooperative locali) intende difendere storture, anzi, incentivare all'innovazione e' un obiettivo comune che permette di tutelare migliaia di posti di lavoro. Sono certo che i primi a voler esser coinvolti per lavorare su questo sono proprio piccoli editori e le migliaia di giornalisti che, svolgendo il loro mestiere dalla 'provincia', danno un servizio al Paese. Noi siamo con loro", conclude Morelli. (AGI)






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com