Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

ILFATTOQUOTIDIANO/IL SABATO DEL VILLAGGIO - Se si vuole togliere l' Ordine ai giornalisti. Se si indebolisce la libertà di stampa, si mettono a rischio tutte le altre libertà.

di Giovanni Valentini

29.9.2018 - "Non è mai una buona cosa mettersi contro la stampa" (da "Luci nella notte" di Georges Simenon - Adelphi, 2005 - pag. 164). È vero che gli Ordini professionali derivano dalle corporazioni e che fu il fascismo a introdurli per alcune categorie, con la legge n. 897 del 1938. Ed è anche vero, come ha già ricordato nei giorni scorsi il direttore Marco Travaglio, che la loro abolizione è stata sostenuta da un grande liberale come Luigi Einaudi, oltre che dai radicali di Marco Pannella ed Emma Bonino. Ma ciò non toglie che "stralciare" l' Ordine dei giornalisti, istituito nel 1963, rappresenta - anche al di là delle intenzioni - un segnale preoccupante contro il diritto all'informazione che riguarda tutti i cittadini. Un avvertimento, una ritorsione o una rappresaglia, nei confronti di quel corpo intermedio o "quarto potere" a cui in ogni democrazia spetta il compito di controllare i poteri costituiti: quello legislativo, quello esecutivo e quello giudiziario.  Il sistema editoriale italiano, come abbiamo scritto più volte in passato, non è esente nel suo complesso da vizi, limiti e difetti: a cominciare dalla progressiva estinzione del cosiddetto "editore puro", cioè l'editore per mestiere e passione civile che non ha interessi estranei da tutelare, né industriali né economici o finanziari. E la stampa, per dire i giornali, le televisioni, le radio e ora anche i siti online, non è certamente immune da peccati, colpe e omissioni. Ma resta il fatto che nessun Paese democratico può farne a meno né può fare a meno dei giornalisti, buoni o cattivi che siano.  Cominciare proprio dall' abolizione del loro Ordine professionale, dunque, equivale a intimidire un' intera categoria, a soffocarne l'autonomia e l' indipendenza, esponendola ancor più alla pressione degli editori. Significa smantellare una funzione fondamentale per la difesa della democrazia. Al di fuori di una riforma organica di tutti gli Ordini - quello dei medici, degli avvocati, degli ingegneri, degli architetti e così via - diventa un attacco alla libertà d' informazione, d' opinione e anche di critica, garantita dall' articolo 21 della Costituzione.  Lo stesso Einaudi, pur essendo favorevole all' abolizione, diceva: "Gli Ordini possono anche rimanere per quelli che intendono iscriversi, l' importante è che venga eliminata l' obbligatorietà dell' iscrizione ai fini dell' esercizio professionale". Ed è proprio questo il punto. Un conto è abolire l' iscrizione obbligatoria, come ipotizzava Einaudi, un altro conto è abolire un organo di autodisciplina che regola il comportamento dei suoi iscritti nell'esercizio delle loro funzioni, a tutela dei cittadini lettori e telespettatori, titolari del diritto all' informazione. E in quanto tale, funziona anche da deterrente in forza delle sue carte deontologiche, sulla privacy, sui diritti dei minori e dei malati.  Chi ormai ha quasi cinquant' anni di mestiere alle spalle può dire onestamente che il nostro giornalismo non sarebbe migliore senza l' Ordine professionale. Tanto più nell' era delle fake news, diffuse dalla comunicazione digitale all'insegna della post-verità: un genere di notizie false, propalate deliberatamente a fini di disinformazione, che non hanno nulla a che vedere con quelle inesatte, imprecise o scorrette dei giornali o delle televisioni. Tutto ciò non esclude che, insieme agli altri Ordini professionali, anche il nostro venga riformato o abolito, senza intenti intimidatori o persecutori. Se si indebolisce la libertà di stampa, si mettono a rischio tutte le altre libertà.




 


 



 



 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com