Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

PREVIDENZA (NEL MIRINO DEI LIVELLATORI SOCIALI alla Rousseau che odiava la proprietà e i ceti agiati). Il retroscena. Imbarazzo nella maggioranza. Lega e 5 Stelle calcolano di colpire 160 mila persone ma l'Inps non ha tutti i dati e potrebbero essere molti di più. Militari, medici e dirigenti pubblici: a chi saranno tagliate le pensioni alte. (IN CODA l'articolo di Stefano Lorenzetto: "L'Italia del M5S in stile Maduro") .

di Valentina Conte/larepubblica

ROMA, 13 agosto 2018.  Il taglio delle pensioni d' oro è nel caos tecnico e politico. La maggioranza fibrilla, per nulla contenta delle prime proiezioni di impatto. Il timore di colpire ben più dei 158 mila italiani stimati si fa di ora in ora più concreto. E non solo perché la soglia di 80 mila euro lordi presa di mira si traduce in 3.700-3.800 euro netti al mese, meno dei 4 mila annunciati, tenuto conto delle tasse locali. Ma soprattutto perché sarebbero coinvolti molti più dirigenti pubblici del previsto, di cui però l' Inps non conosce la storia contributiva e che quindi non riesce a quantificare. L' ipotesi dunque di inimicarsi non solo donne e militari - i più danneggiati - ma anche direttori generali, medici, finanzieri, carabinieri e poliziotti in aggiunta a prefetti, diplomatici, quadri dell' industria e ai professionisti come architetti, ingegneri, commercialisti per i quali l' esclusione non è scontata, tutt' altro - ha fatto scattare l' allarme politico. Anche perché si corre il rischio di spaccare le categorie e mettere pensionati d' oro contro pensionati di platino. Magistrati e professori universitari ad esempio sventerebbero il taglio, stimato in media per gli altri tra un 10 e un 20% lordo della pensione. E questo perché potendo restare sino ai 70 anni in servizio, non sarebbero tra quelli che hanno anticipato la pensione, in base alle nuove età di uscita rideterminate dai tecnici del governo. Dove sarebbe allora l' equità sbandierata nella relazione illustrativa del provvedimento? Perché un giudice o un professore universitario può tenersi i suoi 6-7 mila euro netti al mese, senza donare alla causa solidaristica in tempi di crisi invocata dai gialloverdi neanche un centesimo? E ancora: perché una dirigente andata in pensione di vecchiaia negli anni Novanta a 57-58 anni in base alle regole di allora, senza poter in alcun modo prolungare la sua permanenza, adesso scopre di essere a 7 anni di distanza dalla nuova età fissata in modo retroattivo dalla legge? Principi difficili da capire e spiegare. E infatti la Lega è trincerata in un silenzio tombale. Alcuni fonti raccontano di uno scontento diffuso. A partire dalle critiche del massimo esperto previdenziale leghista nonché consigliere del leader Salvini, Alberto Brambilla, destinato a raccogliere l' eredità di Tito Boeri all' Inps e da sempre favorevole a un più semplice contributo di solidarietà a tempo e con uno scopo. In casa Cinque Stelle va anche peggio. Sembra essere in corso una gara a prendere le distanze dal testo. Derubricato come «non definitivo, solo una bozza da valutare». Quando invece l' articolato è stato depositato alla Camera come progetto di legge numero 1071 lo scorso 6 agosto, con la firma dei capigruppo Francesco D' Uva (M5S) e Riccardo Molinari (Lega). E così pubblicizzato. «Il taglio non è basato su un ricalcolo di pensioni privilegiate, ma solo sulle pensioni anticipate tanto care alla Lega», tuona Renato Brunetta, deputato di Forza Italia. «Anticipate poi in base a un' età teorica stabilita dalle tabelle di Boeri. Così però si colpiscono anche le pensioni di vecchiaia. Un pasticcio da dilettanti». Anche Cesare Damiano, ex ministro pd del Lavoro, reputa «assurdo» il piano «basato su calcoli arbitrari suggeriti dal presidente dell' Inps che si inventa pure i coefficienti di trasformazione». Michele Anzaldi, deputato pd, definisce la propost «un furto e incostituzionale», solo per fare «propaganda» e alimentare «odio sociale». 




15.2.2018 - Massimo Colomban. L' ex assessore di Roma: «Vi racconto i 5 Stelle, Che tristezza, il caso rimborsi, sembra la cronaca di un partito qualsiasi». Da Raggi a Grillo. L'Italia del M5S in stile Maduro. Che tipo di Italia si prefigura Grillo? «Ha presente la Città del Sole immaginata da Tommaso Campanella? Utopia pura. Mi toccava riportarlo con i piedi per terra. Beppe, questo lo faranno i nostri nipoti, lo raffreddavo. Per lui le auto devono essere tutte elettriche e in grado, marciando, di produrre un surplus di energia che illumini le città».L'elettricità si ricava dagli idrocarburi.«"Tu ami suv e gru", mi prendeva in giro. Io gli rispondevo che la Silicon Valley è avveniristica perché prima i vari Steve Jobs hanno fatto i soldi con cui costruirla.Il fatto è che Grillo disegna un modello di società che non deve creare ricchezza. E pretende che a guidarlo sia solo lo Stato, con la Cassa depositi e prestiti a finanziare le imprese». - di Stefano Lorenzetto/ CorrieredellaSera - TESTO IN https://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=24493





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com