Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

I tagli alle pensioni nella proposta Lega/M5S. ALL'INDECENZA NON C'È. LIMITE.

di Guglielmo Gandino

9.8.2018 - E così sono riusciti a concepire e formalizzare l'ennesima porcata! Lega e M5S hanno presentato il Progetto di Legge in sei articoli sulle cd "pensioni d'oro". I firmatari sono i due Capigruppo di Lega e M5S alla Camera, Riccardo Molinari e Francesco D'Uva. Leggasi in proposito l'articolo di Davide Colombo su Il Sole 24 Ore di oggi 8 agosto.L'aspetto interessante di questa questione è che litigano giornalmente su come riformare la Fornero, litigano su come impostare il reddito di cittadinanza e la riforma fiscale, litigano su TAV, su TAP eccetera, ma su una cosa si mettono subito d'accordo: fregare i pensionati. E non importa che il tanto citato Contratto di Governo indichi chiaramente che non si toccano le pensioni sotto i 5.000 euro netti e che si devono tenere separate previdenza e assistenza. Per fregare i pensionati il Contratto di Governo è diventato miracolosamente carta straccia.
Il ricalcolo contributivo (fatto senza dati e secondo criteri incomprensibili) prenderà in considerazione il reddito pensionistico complessivo lordo sopra gli 80.000 euro. Nel caso di soggetti titolari di più pensioni si escluderanno solo le pensioni di invalidità, le reversibilità e i trattamenti riconosciuti alle vittime del dovere o di azioni terroristiche. Se un pensionato ha maturato una pensione da lavoratore dipendente (liquidata con il sistema retributivo) ed una pensione "gestione separata" già calcolata con il contributivo, si ricalcolerà anche quest'ultima di nuovo con il contributivo. Che operazione geniale!
Cosa ne sarà delle pensioni "rubate" dei politici? E di quelle altrettanto "rubate" dagli ex-sindacalisti? E delle baby-pensioni (critiche non tanto con riguardo agli importi ma alla durata delle stesse)? E delle "doppie pensioni dei parlamentari"? Non succederà probabilmente nulla, se queste si collocano ad un livello inferiore agli 80.000 euro lordi annui.
Il concetto è che si vuole colpire principalmente le pensioni supportate da contributi regolarmente versati da lavoratori e datori di lavoro secondo le leggi vigenti, senza raggiri, senza leggi speciali, senza contributi figurativi, pagando di tasca propria ingenti somme che adesso lo Stato, se mai questa legge venisse approvata, si arrogherà il diritto di "espropriare" in parte per finanziare l'aumento delle pensioni minime. "Assistenza" a tutti gli effetti, che però in questo caso, grazie ad un accordo balordo fra le due forze politiche, sarà totalmente o quasi a carico dei pensionati e non della fiscalità generale come dovrebbe essere. E così tutti quelli che hanno versato per un'intera vita di lavoro contributi e imposte con prelievo alla fonte mese per mese, saranno OBBLIGATI a finanziare le pensioni di quelli che non hanno mai lavorato, o hanno lavorato poco, o hanno lavorato anche molto ma "in nero" evadendo tasse e contributi, ora platealmente premiati dallo Stato. Come del resto furono a suo tempo OBBLIGATI a versare i propri contributi all'Assicurazione Generale Obbligatoria, che adesso scopriamo essere truffaldina, in quanto cambia le regole del gioco in corso d'opera.
È una campagna vergognosa contro tutte quelle persone dai 70 anni in su che si sono sacrificate, che hanno lavorato con dedizione per conquistarsi con il merito e con i risultati posizioni organizzative di rilievo, grazie alla loro professionalità e all'impegno profuso. In una società che sottrae proditoriamente il dovuto per redistribuire le risorse a pioggia a chi non è dovuto, questi che ho appena citato (il dovere, l'impegno, la professionalità, il merito) non sono più "valori" ma "disvalori".
E così che si distrugge una società, è così che si toglie la speranza ai giovani, facendo loro capire che darsi da fare è una perdita di tempo, tanto poi un reddito di qualche tipo, sottratto legalmente o illecitamente a chi ha di più, a loro arriverà comunque.
E allora non lamentiamoci se tanti giovani, bravi e fortunati, lasciano l'Italia per andare a lavorare all'estero, dove possano essere riconosciuti il loro valore e i loro meriti!





 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com