Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

PENSIONI. CIDA: BENE DI MAIO E BOERI ‘QUELLE D’ORO NON ESISTONO’.

Roma, 4 luglio 2018. "Le pensioni d'oro non esistono, esistono i privilegi e certamente non ci riguardano: l'avevamo sempre sostenuto, ora lo hanno confermato, autorevolmente, il ministro del Lavoro e il presidente dell'Inps". Lo ha detto Giorgio Ambrogioni, presidente di Cida, la Confederazione dei dirigenti e delle alte professionalità, commentando il Rapporto Inps 2018 illustrato dal presidente, Tito Boeri, alla presenza del ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio. "Finalmente abbiamo ascoltato parole chiare sull'equivoco delle pensioni di importo medio-alto, definite impropriamente 'd'oro', un facile slogan ma capace di generare odio sociale e gettare nell'incertezza intere categorie di pensionati. Di Maio - prosegue Ambrogioni - ha precisato che 'se uno ha la pensione alta perché deriva dal lavoro è bene che se la tenga', aggiungendo di voler colpire i 'calcoli iniqui' che, immaginiamo, non possono essere addossati a chi è andato in pensione in base alle normative vigenti. Anche il presidente dell'Inps ha affrontato l'argomento, negando l'esistenza di pensioni 'd'oro, d'argento o di bronzo' e individuando tre componenti della pensione: contributiva, assistenziale e di privilegio, sul quale, comunque, attendiamo ulteriori approfondimenti. "Cida ha sempre sostenuto di rappresentare categorie professionali le cui pensioni sono un prodotto di contributi versati nell'arco di una vita lavorativa caratterizzata da impegno e responsabilità, funzioni tipiche del lavoro manageriale e dirigenziale. Abbiamo sempre respinto ogni tentativo di far passare questo ragionamento come la difesa aprioristica di una casta. Ci siamo opposti nelle sedi politiche, istituzionali e giudiziarie, perché nonostante l'evidenza confermasse che i percettori di redditi medio-alti (da lavoro e da pensione) sono quelli che, di fatto, sostengono gran parte della fiscalità generale e del welfare nazionale, tuttavia sono spesso finiti nel 'mirino' del legislatore. I casi sono noti: dai blocchi della perequazione automatica (ben 8 interventi, con perdita di potere d'acquisto del 15%) ai contributi di solidarietà, un ambito che spetterebbe alla fiscalità generale.  "Ci auguriamo che le parole pronunciate oggi dal ministro del Lavoro e dal presidente dell'Inps, siano foriere di comportamenti conseguenti, non punitivi per un'intera categoria professionale. Abbiamo chiesto un incontro a Di Maio proprio per esporre i nostri punti di vista e collaborare ad individuare soluzione pratiche, eque e condivise in termini di interventi sulla previdenza. La materia è delicata, riguarda la vita delle persone e il futuro stesso del nostro Paese", ha concluso Ambrogioni.



§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§



CIDA e' la Confederazione sindacale che rappresenta unitariamente a livello istituzionale dirigenti, quadri e alte professionalita' del pubblico e del privato. Le Federazioni aderenti a CIDA sono: Federmanager (industria), Manageritalia (commercio e terziario), FP-CIDA (funzione pubblica), CIMO (sindacato dei medici), Sindirettivo (dirigenza Banca d'Italia), FENDA (agricoltura e ambiente), FNSA (sceneggiatori e autori), Federazione 3° Settore CIDA, FIDIA (assicurazioni), SAUR (Università e ricerca), Sindirettivo Consob CIDA (dirigenza Consob), SUMAI-Assoprof (medici ambulatorial


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com