Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

UMBRIA: IN PORTO IL DDL SULL'EDITORIA PER IL SOSTEGNO ALLE IMPRESE DELL'INFORMAZIONE REGIONALI. Paparelli, si conclude iter avviato a fine 2016.


Perugia, 20 giugno 2018. - La giunta regionale umbra ha  adottato il disegno di legge che disciplina le norme in materia di   sostegno alle imprese che operano nell'ambito dell'informazione  locale. Ne ha dato notizia il vicepresidente della Regione Umbria,  Fabio Paparelli, promotore del disegno di legge, che è stato anche  incaricato di rappresentare la giunta regionale in ogni fase del  successivo iter e di assumere tutte le iniziative necessarie. ''Con  l'approvazione di questo disegno di legge -ha affermato Paparelli - si conclude un iter iniziato a fine 2016, che ha visto coinvolti e  partecipi tutti gli attori del mondo dell'informazione regionale con  l'obiettivo comune di dotare il sistema dei media locali di uno  strumento utile a favorire la buona informazione anche attraverso un sostegno alla buona occupazione".  "La Regione Umbria - ha sottolineato Paparelli - considera infatti il  ruolo dell'informazione un bene di assoluto interesse pubblico, tanto che, proprio lo stesso Statuto regionale, prevede che si favorisca  l pluralismo dei mezzi di informazione e di comunicazione. La profonda crisi del settore, evidenziata negli ultimi anni dalle istituzioni  pubbliche regionali oltre che più volte denunciata dall'Associazione stampa umbra e dell'Ordine dei giornalisti, ha prodotto una grave  ricaduta sul piano dell'occupazione, aggravata dalla scarsità di  risorse finanziarie e dalla contrazione dei fondi nazionali per  l'editoria, finendo per condizionare fortemente anche la qualità  complessiva dell'offerta informativa".  "Ecco perché - ha spiegato Paparelli - questo disegno di legge è molto atteso, e, pur coscienti che da solo non potrà risolvere  strutturalmente le problematiche del settore, punta a valorizzare  l'informazione verso i cittadini, con particolare attenzione alle  imprese di informazione locale, nella loro attuale e nuova  strutturazione e alle professionalità che sono impiegate nel settore, di cui si evidenzia il rispetto della disciplina in materia di  regolarità del contratto di lavoro giornalistico, della regolarità  contributiva, del riconoscimento della normativa sull'equo compenso per la figura dei collaboratori''. ''La proposta di provvedimento di legge - ha  proseguito Paparelli - è una normativa quadro, che individua ambiti sostegno materiale e immateriale destinati alle imprese di  informazione locale, di incentivazione al mantenimento e all'ingresso di nuovo capitale umano, oltre al rafforzamento di quello delle  imprese anche per il tramite della leva fiscale regionale". La  proposta "punterà a privilegiare anche i sistemi di collaborazione tra i media locali e alla modernizzazione del sistema informativo  regionale oltre che a stimolare iniziative di autoproduzione, progetti editoriali e iniziative di autoimpiego dei giovani professionisti, fino al sostegno dell'occupazione'', ha concluso.  La giunta regionale con il programma annuale determinerà, oltre alla tipologia di interventi da finanziare, anche le modalità e i termini di individuazione e utilizzo delle risorse.  "La Regione promuove con la presente legge la più ampia informazione sull'attività istituzionale e sul proprio operato anche al fine di  favorire la partecipazione democratica dei cittadini mediante  iniziative di comunicazione direttamente gestite dalla Regione stessa,dagli enti locali o dagli organi di informazione operanti nel  territorio regionale", si legge nel testo del disegno di legge. (Adnkronos)




 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com