Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

Lavoro & morte. A Gorizia - Si è ucciso perché a luglio i dipendenti dovranno trasferirsi a Padova. Si fermano le pubblicazioni di quasi tutti i quotidiani del gruppo. S'IMPICCA NELLA TIPOGRAFIA. SCIOPERO DEI GIORNALI GEDI.

di Anna Dazzan/ilfattoquotidiano

17.6.2018 - Sempre più morti sul lavoro e sempre più morti a causa della mancanza dello stesso. La notizia della chiusura del centro stampa di via Gregorcic 31 a Savogna, in provincia di Gorizia, era arrivata solo qualche giorno fa. È quasi certamente questo il motivo per cui un uomo di 49 anni, un poligrafico residente a Gorizia ma originario di Tarcento in provincia di Udine, ha deciso di togliersi la vita. A ritrovare il corpo nel suo ufficio sono stati i colleghi alle 3 della notte tra il 15 e il 16 giugno, scoprendo anche un biglietto nel quale la vittima ha voluto chiedere scusa ai familiari per il suo gesto estremo. "Da ciò che è stato appreso - ha dichiarato il colonnello Pasquale Starace del nucleo operativo dei Carabinieri di Gorizia - persone vicine alla vittima hanno dichiarato che l' uomo negli ultimi giorni aveva palesato un senso di colpa per aver rifiutato un trasferimento a Padova".  Il centro tipografico di Savogna dove vengono stampati sia il Messaggero Veneto che Il Piccolo, quotidiani di proprietà del Gruppo Gedi, sarà infatti presto chiuso e l' intera attività trasferita nella sede di Padova. Immediata la reazione delle redazioni dei due quotidiani del Friuli-Venezia Giulia, che hanno proclamato uno sciopero per l' intera giornata di ieri e fino alle 12 di oggi. In serata anche le redazioni di Stampa, Secolo XIX , Tirreno, Gazzetta di Mantova, Nuova Gazzetta di Modena, La Nuova Ferrara e la Gazzetta di Reggio Emilia hanno deciso lo stop. "La notizia colpisce profondamente le nostre redazioni - si legge nel comunicato dei Comitati di redazione - che in questo periodo sono alle prese con una serie di novità, a livello lavorativo, organizzativo e grafico, intraprese da Gedi News Network".  Il centro stampa di Gorizia, a regime da circa sei anni dopo la dimissione delle rotative di Trieste e Udine e il loro accorpamento nell' Isontino, smetterà di essere operativo il prossimo mese.  A partire da luglio è previsto anche il trasferimento del personale non interessato da eventuali prepensionamenti nel Centro stampa padovano dello stesso gruppo. Come confermato dal colonnello dei carabinieri Starace , dunque, le motivazioni del gesto del poligrafico, nato nel 1963 e che lascia la moglie e una figlia di undici anni, sono da ascriversi alla situazione lavorativa e "al momento, assolutamente non a cause familiari".  Anche la rappresentanza sindacale unitaria dei poligrafici delle due testate ha espresso massima solidarietà alla famiglia del "collega Roberto", avallando così l' ipotesi per cui il tragico gesto sia stato compiuto esclusivamente in relazione alla situazione lavorativa. Nella nota inviata dall' Rsu dei poligrafici del Piccolo e del Messaggero Veneto, si legge infatti che con la giornata di sciopero indetta si vuole sottolineare "il clima di sgomento che circonda i lavoratori dello stabilimento di Gorizia destinati a un repentino trasferimento nella sede di stampa di Padova che è stato stabilito dall' editore nella mera considerazione dei numeri, scavalcando le pesantissime conseguenze che una tale decisione avrà sulla vita delle loro famiglie".  La notizia del gesto del poligrafico friulano arriva dopo un giorno particolarmente tragico dal punto di vista degli incidenti sul lavoro. Venerdì scorso, infatti, a Colonnella (Teramo) un 62enne è rimasto schiacciato, morendo sul colpo, da una ruspa all' interno di un capannone per la lavorazione del compost. Sono rimasti invece ustionati gravemente due operai di 38 e 39 anni mentre lavoravano in una fonderia di Bergamo, colpiti da una colata di ghisa incandescente. Rispetto a questo incidente Fulvio Bolis, responsabile Sicurezza sul lavoro dei metalmeccanici Fiom-Cgil di Bergamo, ha dichiarato che "vanno individuate e messe in atto al più presto pratiche e azioni che vedano prioritaria la sicurezza".



 



 


 


 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com