Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

GIORNALISTI. PER ACCEDERE ALL’AMBULATORIO DI MILANO BASTA ESSERE ISCRITTI ALLA CASAGIT.

di Costantino Muscau/Fiduciario Casagit


15.6.2018 -  I giornalisti lombardi soci Casagit per poter accedere al Poliambulatorio dei giornalisti di viale Monte Santo devono essere iscritti all’Associazione Lombarda Giornalisti (Alg), ovvero al sindacato regionale di stampa? La risposta è: no. I giornalisti della Lombardia iscritti alla Casagit, attivi o pensionati che siano, (e familiari a carico, ovviamente) possono usufruire, senza pagare, delle visite specialistiche e degli accertamenti diagnostici offerti dal Poliambulatorio anche se non fanno parte del sindacato regionale, o se hanno smesso di versare la quota di iscrizione. Tutti gli altri iscritti (Professionisti e Pubblicisti, free-lance, non contrattualizzati ) dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia, pur non associati alla Casagit, possono andare in Poliambulatorio, ma pagando una tariffa agevolata. Anche se non aderiscono al sindacato. Questa precisazione è necessaria per rassicurare i colleghi lombardi morosi, che recentemente hanno ricevuto una raccomandata dalla segreteria dell’Alg in cui, fra l’altro, è scritto: "Ti ricordo che i servizi offerti dalla nostra associazione (l’assistenza legale, l’assistenza fiscale, il controllo della busta paga e della liquidazione, l’ambulatorio per citarne alcuni) dipendono dal pagamento della quota annuale dei soci e a molti di questi l’accesso è esclusivamente riservato a chi è in regola con il versamento delle quote".





Purtroppo il periodare ha, involontariamente, provocato confusione in qualche collega, soprattutto pensionato.  E’, perciò, mio dovere ribadire: la non adesione al sindacato regionale dei giornalisti potrà escludere i colleghi dal godimento di alcuni servizi offerti dalla Alg MA NON DALL’ACCESSO AL POLIAMBULATORIO. Questo è libero e gratuito per chi è iscritto alla Casagit. L’accesso è regolato da una convenzione fra Casagit e Alg. La Casagit versa 60 euro all’Alg per ogni visita specialistica. Di questa cifra, 40 euro vanno al medico, 20 al sindacato regionale. La Casagit, poi, versa al sindacato regionale oltre 200 mila euro l’anno in cambio del servizio fornito alla nostra Cassa (personale, locali, telefoni, riscaldamento etc etc). Ed eroga anche oltre 600 mila euro l’anno al sindacato nazionale (FNSI).





Quanto a tutti gli altri iscritti all’Ordine Lombardo dei Giornalisti, fino al 30 giugno prossimo vale la convenzione, stipulata il 7 giugno 2017, fra l’allora  presidente dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia, Gabriele Dossena, e il presidente dell’Associazione lombarda dei giornalisti, Paolo Perucchini. Essa prevede "l’estensione delle tariffe relative ai servizi (visite specialistiche e accertamenti diagnostici) del Poliambulatorio Alg di via Monte Santo 7, Milano, a tutti gli iscritti (Professionisti e Pubblicisti) dell’Ordine della Lombardia, anche se non hanno una posizione Casagit aperta e anche se non sono iscritti al sindacato. Lo scopo di questa convenzione – avevano spiegato Dossena e Perucchini - è quello di mettere a disposizione dei freelance e dei giornalisti precari un elenco di servizi sanitari a tariffe agevolate. L’accordo prevede, infatti, che tutti gli iscritti all’Ordine della Lombardia (purché in regola con il pagamento delle quote annuali) possano accedere agli ambulatori di viale Monte Santo 7 per usufruire dei servizi sanitari previsti dalla convenzione. Ecco alcuni esempi di tariffe: visite specialistiche euro 70, ecografie euro 40, Test cutanei euro 20, Spirometria euro 20, Pap test euro 19, esame del fondo euro 14, Vaccini euro 5. Questa convenzione è stata ribadita nell’accordo sulla Casagit card firmato il 22 gennaio scorso dal presidente della Casagit, Daniele Cerrato e dal presidente dell’Ordine regionale dei giornalisti, Alessandro Galimberti. Spero, così, di aver dissipato dubbi e incertezze: per andare al Poliambulatorio basta essere iscritti alla Casagit. 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com