Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Cdr Uffici stampa delle Regioni: forte preoccupazione per le nuove regole nelle Funzioni locali. "I CdR ritengono che la Fnsi non possa arrendersi alla cancellazione del contratto di lavoro".


11.5.2018 - Il coordinamento dei Cdr e dei fiduciari degli uffici stampa di Regioni, Consigli regionali e Province Autonome, riunitosi a Milano il 9 maggio 2018 presso l’Associazione Lombarda dei Giornalisti, presenti il Presidente Paolo Perucchini e la Vicesegretario Fnsi Anna Del Freo, rinnovano la loro forte preoccupazione in merito all’applicazione dell’ipotesi di contratto collettivo del comparto “Funzioni locali”, sottoscritto da Aran e dalle organizzazioni sindacali di categoria, che istituisce  il nuovo profilo di giornalista pubblico. A questo proposito accolgono con favore l’annunciato avvio del confronto tra Fnsi e Aran, ribadendo che la posizione rimane ferma in merito all’applicazione del contratto giornalistico nella pubblica amministrazione, considerandolo infatti una conquista per tutta la categoria che ha contribuito a caratterizzare ancor di più le presenze informative nelle istituzioni, rendendole capaciti svolgere quella delicata e importante opera di cerniera tra amministrazioni e cittadini. Come già affermato durante la riunione del 3 maggio scorso a Roma, ritengono che la Fnsi non possa arrendersi alla cancellazione del contratto di lavoro, una convinzione che non nasce oggi ma che, come dimostra la dichiarazione rilasciata in diverse occasioni dal segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso (“il Cnlg rappresenta un punto fermo irrinunciabile da tutelare e rilanciare”), ha origini lontane. Alla luce di queste considerazioni i Cdr e i fiduciari chiedono alla Fnsi:





-di proseguire l’azione avviata con l’impugnativa al Tribunale di Roma in direzione della modifica dell’articolo 18 bis e la formalizzazione di una norma che salvaguardi l’applicazione del contratto giornalistico Fieg-Fnsi per i giornalisti che attualmente lavorano con questo istituto e negli enti che già lo prevedono;





-far divenire il confronto Fnsi-Aran l’occasione per completare un percorso, avviato e non portato a termine, per l’applicazione di un vero contratto giornalistico in tutte le realtà pubbliche con il sindacato unitario dei giornalisti che riaffermi i principi irrinunciabili di autonomia professionale, flessibilità di orario, formazione, responsabilità deontologica, iscrizione alla Casagit e al Fondo di previdenza complementare;





-il coinvolgimento del coordinamento di tutti gli enti della categoria, a partire dall’Ordine dei giornalisti che è chiamato a tutelare l’autonomia professionale dei colleghi, per valutare la sostenibilità dell’introduzione della nuova figura del giornalista pubblico e gli effetti sull’attuale assetto occupazionale giornalistico nella PA.





Così come discusso nella riunione di Roma, nell’ottica di una costruttiva trattativa con Aran, riteniamo infine utile il coinvolgimento di un rappresentante del coordinamento dei comitati di redazione e dei fiduciari di uffici e agenzie di stampa delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano.





Il coordinamento dei comitati di redazione e dei fiduciari di uffici e agenzie di stampa delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano.





§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§





10.5.2018 - Il Consiglio nazionale dell'Ordine dei Giornalisti all’Aran: è inaccettabile escludere i giornalisti dal confronto sugli Uffici Stampa nella P.A.. - TESTO IN https://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=24896





 





 





 





 





 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com