Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

L’Unione cronisti celebra il 3 maggio al Teatro La Fenice la Giornata dei Giornalisti uccisi da mafie e terrorismo. UN ALBERO PER TUTTE LE VITTIME DELLA MAFIA. A VENEZIA IL VIDEO SUL GIARDINO DELLA MEMORIA DI PALERMO.


13.4.2018 - Nella suggestiva cornice dello storico Teatro La Fenice di Venezia, nelle Sale Apollinee,  il prossimo giovedì 3 maggio, si svolgerà l’11^ edizione della Giornata della Memoria dei Giornalisti uccisi da mafie e terrorismo, manifestazione promossa dall’Unione nazionali cronisti italiani in collaborazione con il Sindacato giornalisti del Veneto e con l’Ordine dei giornalisti del Veneto. La manifestazione è stata inserita nella formazione professionale ed avrà inizio alle ore 9,30.  Introdurrà i lavori, dopo i saluti delle autorità, la segretaria del Sindacato giornalisti del Veneto, Monica Andolfatto. Nel corso dell’evento sarà trasmesso un video sul Giardino della Memoria di Palermo realizzato dalla giornalista piemontese Federica Bosco e intitolato “ Il Giardino dei giusti, per non dimenticare ”. Il Giardino della Memoria nasce a Ciaculli, borgata di Palermo, il 5 gennaio 2005. Da un’idea di Leone Zingales, giornalista de La Sicilia, questo terreno (25mila metri quadrati di agrumeti e alberi da frutto) sottratto dallo Stato alle “famiglie” egemoni della zona, da 13 anni è il simbolo di coloro che non si sono piegati alla mafia. Un progetto portato avanti con impegno da Unci e Anm. Federica Bosco è nata a Torino dove ha frequentato la scuola di giornalismo e pubbliche relazioni e si è formata professionalmente a Milano: . . Il 2 maggio, alle 16,30 sempre a Venezia, i cronisti ricorderanno la guardia giurata Franco Battagliarin davanti alla ex sede del quotidiano Il Gazzettino che costituiva l’obiettivo degli attentatori. Aveva 49 anni Battagliarin, il 21 febbraio 1978, quando fu ucciso dall’esplosione di un ordigno. L’Unione cronisti ricorderà anche i giornalisti feriti in attentati ad opera della criminalità organizzata e di formazioni terroristiche tra cui Antonio Garzotto, cronista di giudiziaria del “Mattino di Padova” che all’epoca era in forza alla redazione padovana del “Gazzettino”. Garzotto venne gambizzato dai terroristi dell’Unione comunisti combattenti il 7 luglio 1977 ad Abano Terme in provincia di Padova.  La Giornata della Memoria dell’Unci è stata la prima manifestazione che ha ricordato in contemporanea tutti i giornalisti vittime di violenza ed è stata celebrata per la prima volta a Roma nel 2008. L’anno successivo si è svolta a Napoli, nel 2010 a Milano, nel 2011 a Genova, nel 2012 a Palermo, nel 2013 a Perugia, nel 2014 a Cagliari, nel 2015 a Firenze, nel 2016 a Reggio Calabria e nel 2017 a Torino.






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com