Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

L'INPGI ha definitivamente perso in Cassazione contro l'AGI (Agenzia Italia, Gruppo Eni) sui contributi previdenziali dei giornalisti corrispondenti. Qui sotto l'ordinanza della Suprema Corte.

Sezione lavoro della Cassazione - Ordinanza n. 8968 dell'11 aprile 2018 (Presidente Enrica D'ANTONIO, Relatore Rossana MANCINO)



ORDINANZA sul ricorso 2467-2012 proposto da:



I.N.P.G.I. - ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA DEI GIORNALISTI ITALIANI "GIOVANNI AMENDOLA" C.F. 02430700589, in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA COLA DI RIENZO 69, presso lo studio dell'avvocato BRUNO DEL VECCHIO, che lo rappresenta e difende giusta delega in atti; - ricorrente -



contro



AGI - AGENZIA GIORNALISTICA ITALIA S.P.A., in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA ANTONIO MORDINI 14, presso lo studio dell'avvocato MANLIO ABATI, che la rappresenta e difende giusta delega in atti; - controricorrente -



avverso la sentenza n. 2179/2011 della CORTE D'APPELLO di ROMA, depositata il 04/07/2011



RILEVATO



1. che con sentenza in data 4 luglio 2011 la Corte di Appello di Roma ha confermato la sentenza di primo grado che ha accolto l'opposizione a decreto ingiuntivo con la quale l'I.N.P.G.I aveva richiesto il pagamento di euro 165.415,00 a titolo di omesso versamento contributivo nel periodo aprile 1995-gennaio 2005 per gli asseriti rapporti di lavoro subordinato intercorsi con quattro giornalisti;



2. che avverso tale sentenza l'I.N.P.G.I. ha proposto ricorso affidato a due motivi, al quale ha opposto difese l'Agenzia Giornalistica italiana s.p.a., con controricorso;



3. che entrambe le parti hanno depositato memorie;



CONSIDERATO



4. che, deducendo violazione e falsa applicazione dell'art. 2094 cod.civ., anche in relazione all'art. 12 del CNLG, la parte ricorrente si duole che la Corte di merito, concludendo nel senso della natura autonoma delle prestazioni lavorative rese in favore dell'AGI s.p.a., abbia escluso la riconducibilità delle prestazioni rese da cinque giornalisti alla fattispecie prevista dalla citata disposizione del contratto collettivo sulla base di una non corretta individuazione dei criteri che qualificano la figura professionale del corrispondente, attribuendo rilievo dirimente ad elementi non decisivi - quali:



la mancata frequentazione della struttura redazionale di riferimento;



la contemporanea instaurazione di altri rapporti di lavoro con altri soggetti;



la facoltà di rifiutare la redazione di articoli richiesti dalla redazione di riferimento e mancanza di direttive specifiche in ordine agli eventi da seguire o ai pezzi da scrivere - e trascurando di considerare che le disposizioni contrattuali collettive prevedono diverse figure di corrispondente senza offrirne una specifica definizione, escludono, implicitamente, l'obbligo di frequentare una redazione, valorizzano la trasmissione di un flusso di notizie nelle materie più disparate, non pongono limiti al numero di rapporti di collaborazione che il corrispondente può intrattenere (primo motivo); e illogicità e contraddittorietà della motivazione, per avere escluso la subordinazione per non essere emerso dall'istruttoria l'assoggettamento al potere direttivo, organizzativo e disciplinare del datore di lavoro ma soltanto l'inserimento nell'organizzazione della società, per lo svolgimento delle mansioni di collaboratore dell'agenzia e perché, pur ribadendo il carattere attenuato del vincolo della subordinazione ha attribuito rilievo, ai fini della riconosciuta autonomia del rapporto, alle già dette circostanze non dirimenti;



5. che ritiene il Collegio si debba dichiarare inammissibile il ricorso;



6. che le censure svolte, per violazione della norma codicistica che compendia la subordinazione nei rapporti di lavoro (art. 2094 cod.civ.), per violazione di norma contrattuale collettiva resa efficace erga omnes con d.P.R. 16 gennaio 1961, n. 153 (l'art. 12 del CNLG) non si confrontano specificamente con la statuizione impugnata e con le singole collaborazioni, limitandosi a contestare genericamente le conclusioni cui è pervenuta la Corte di merito e richiedendo, alla Corte dì legittimità, di delineare gli elementi qualificatori, in genere e in astratto, della figura giornalistica del corrispondente, a prescindere dai singoli giornalisti per i quali la pretesa contributiva è stata azionata e alla disamina per ciascuno svolto, partitamente, dalla Corte del gravame;



7. che anche il secondo motivo deve ritenersi inammissibile, sia perché reitera, sotto diverso profilo, le doglianze già espresse con il primo mezzo, sia perché non indica quale sia il fatto controverso e decisivo per il giudizio e neanche introduce rilievi critici per scalfire l'apprezzamento del compendio probatorio operato dalla Corte di merito in riferimento a ciascun giornalista;



8. che le spese, liquidate come in dispositivo, seguono la soccombenza.



P.Q.M.



La Corte dichiara inammissibile il ricorso; condanna la parte ricorrente al pagamento delle spese processuali liquidate in euro 200,00 per esborsi, euro 5.000,00 per compensi professionali, oltre quindici per cento spese generali e altri accessori di legge. Così deciso in Roma, nell'Adunanza camerale del 30 gennaio 2018



 



 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com