Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

Cairo: Rcs è un editore multimediale. Prodotti nuovi, pubblicità in crescita. Il presidente alla serata di gala del Salone del risparmio, industria da 2 mila miliardi.

di Fabrizio Massaro e Marco Sabella/corriere.it

11.4.2018 - Il presidente e amministratore delegato del gruppo Rcs Mediagroup Urbano Cairo, special guest della serata inaugurale del Salone del risparmio, si confessa davanti a centinaia di gestori e manager dell'industria del risparmio gestito: «Conquistare Rcs è un sogno che mi porto dietro dal 1991, da quando la Rizzoli allora guidata da Claudio Calabi mi diede fiducia, senza avere allora neanche un ufficio. L'Ops l'ho lanciata l'8 aprile 2016 ma l'idea era venuta in realtà l'anno prima. Però il titolo era schizzato alle stelle e soprassedemmo per un anno». Ora l'attenzione è sulla crescita: «Con il dg Alessandro Bompieri stiamo rilanciando un'attività libraria importante che si chiama Solferino. Stiamo rilanciando i libri perché un editore multimediale come noi, tra internet e tv, non può non avere una attività come i libri, che è anche anticiclica. Dopo 130 milioni di efficientamento e di tagli senza ridurre dipendenti abbiamo lanciato prodotti nuovi e la raccolta pubblicitaria è finalmente aumentata, anche se di poco, l'1%, dopo tanti anni. Anche la tecnologia è importante e per questo dobbiamo dedicare più investimenti all'online. ma mantenendo molto alto l'impegno sulla carta. Non dobbiamo dimenticare che su 900 milioni di ricavi 150 vengono dall'online ma gli altri 750 sono prodotti dall' offline. Ma abbiamo buoni risultati, il paywall sul Corriere sta andando molto bene». La mattina era iniziata con la relazione del presidente di Assogestioni, Tommaso Corcos, all'inaugurazione della tre giorni milanese del Salone del risparmio. Un appuntamento tradizionale, ormai giunto alla nona edizione, che costituisce un forum di importanza decisiva per capire le tendenze del risparmio gestito e della ricchezza finanziaria degli italiani, una grandezza che ammonta a oltre 4.300 miliardi di euro, dei quali circa 2.100 affidati, per l' appunto, al risparmio gestito sotto forma di fondi di investimento (51%) e di mandati per la gestione di portafoglio (49%).I numeri snocciolati da Corcos di fronte a una platea di specialisti evidenziano che le masse amministrate sono all' incirca raddoppiate in meno di dieci anni e che solo nel 2017 sono cresciute ad un ritmo di 97,5 miliardi in termini di nuova raccolta.Tra gli strumenti di maggiore importanza che hanno fatto il loro ingresso sul mercato - ha ricordato Corcos - ci sono i Pir, i piani di risparmio individuali che investono nel capitale e nel debito delle Pmi italiane e che costituiscono un anello di importanza crescente nella connessione tra l' economia finanziaria e l' economia reale. «Non c'è dubbio che i Pir costituiscano e costituiranno una fonte di innovazione e finanziamento particolarmente importante per le Pmi», ha sottolineato Corcos. Nel 2017 i piani individuali di risparmio hanno registrato una raccolta di 11 miliardi di euro da parte di oltre 60 fondi specializzati. I dati di Assogestioni evidenziano anche una tendenza importante alla riduzione dei costi per commissioni, che entro il 2020 dovrebbero ridursi del 22% rispetto ai valori del 2013. Infine l' industria del risparmio gestito è pronta per l' introduzione dei Pepp, i prodotti pensionistici individuali paneuropei.





 



 







 


 



 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com