Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

REGIONE SICILIA CERCA UN ADDETTO STAMPA A COSTO ZERO PER L'EDIZIONE 2018 DEL VINITALY, MANIFESTAZIONE IN PROGRAMMA A VERONA DAL 15 AL 18 APRILE. L'avviso specifica che l'offerta è interamente a titolo gratuito, compresele spese di viaggio, vitto e alloggio.


PALERMO, 12 marzo 2018.  - "Uffici stampa, di male in peggio. Dopo il decreto del sindaco metropolitano di Catania Enzo Bianco per l'affidamento dell'incarico di portavoce a titolo gratuito, per  fortuna ritirato dopo la ferma presa di posizione dell'Odg Sicilia  e da quella successiva dell'Assostampa, ci si mette pure la  Regione siciliana, alla ricerca di un giornalista con adeguata  professionalita' cui conferire l'incarico di addetto stampa, ma a  titolo gratuito, per l'edizione 2018 del Vinitaly, manifestazione  in programma a Verona dal 15 al 18 aprile. Siamo ormai stanchi di  ripeterlo come ormai facciamo con frequente periodicita', chiedere a un giornalista di prestarsi a lavorare gratis e' inammissibile e offende la dignita' dell'intera categoria". Lo dice una nota dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, criticando l'avviso per Vinitaly pubblicato sul sito della Regione.  "Stavolta e' anche peggio - prosegue l'Odg - perche' l'avviso  specifica che l'offerta e' interamente a titolo gratuito, comprese   le spese di viaggio, vitto e alloggio a Verona nel periodo della  manifestazione. Non un'offerta di lavoro a titolo gratuito,   dunque, ma addirittura in perdita. Un paradosso". L'Ordine dei  giornalisti chiede un intervento del presidente della Regione  Musumeci, che e' anche giornalista pubblicista, per ritirare  l'avviso e chiede la possibilita' di un incontro, piu' ampio,   sugli uffici stampa. "Sappiamo - aggiunge l'Ordine dei giornalisti - che il presidente in passato ha manifestato l'intenzione di ricostituire quello alla Regione, spazzato via dal suo predecessore Crocetta, abbiamo sperato che sotto la sua guida si potesse fare in Sicilia chiarezza in questo settore, dove la legge 150 del 2000 viene sistematicamente ignorata dagli enti pubblici o piegata alle  esigenze delle singole amministrazioni. Ma vorremmo anche, una  buona volta, che le buone intenzioni espresse in passato da   Musumeci cosi' come da Bianco, si traducessero finalmente in atti  concreti  coerenti". Sulla vicenda interviene anche l'Assostampa Sicilia, secondo cui"non e' accettabile che un Ente pubblico disponga atti di assunzione di giornalisti a titolo gratuito e non e' etico che i giornalisti accettino questi incarichi". L'Associazione Siciliana della Stampa invita "l'assessore all'Agricoltura a ritirare il   provvedimento emesso; e il presidente Musumeci ad accelerare i   tempi per la definizione dell'organico e la messa in concorso dei  posti per i giornalisti dell'ufficio stampa della Presidenza. Un   ufficio stampa strutturale e professionale eviterebbe certamente   figure meschine di questo tipo di cui la Sicilia non ha certo   bisogno". (ITALPRESS).










Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com