Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

Il contratto della scuola apre all’attività giornalistica disciplinata dalla legge 150/2000 (uffici stampa). "In ogni caso, va dato atto alla ministra della Funzione Pubblica, Marianna Madia, di aver tradotto in atti concreti gli impegni assunti con la Federazione nazionale della Stampa italiana, così come fondamentale si è rivelata la determinazione della ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, che da tempo ha avviato numerose attività di collaborazione con il sindacato dei giornalisti sui temi della formazione"



9.2.2018 - Un ulteriore passo avanti nell’applicazione della legge 150/2000 sugli uffici stampa negli enti pubblici è stato realizzato ieri con la sottoscrizione dell’ipotesi di contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale del comparto “Istruzione e ricerca” sottoscritto in sede Aran dalle organizzazioni sindacali e valido per il triennio 2016-2018. Dopo la previsione inserita nel contratto degli statali, l’articolo 59 della bozza di contratto prevede infatti l’istituzione per tutte le amministrazioni della scuola e dell’università di una specifica area professionale denominata “Informazione e comunicazione”. I nuovi profili prevedono la gestione e il coordinamento dei processi di comunicazione e informazione esterna e interna, la definizione della procedure per la comunicazione istituzionale, il raccordo dei processi di gestione dei siti internet, la promozione e cura dei collegamenti con gli organi di informazione, l’individuazione ed implementazione di soluzioni e strumenti idonei a garantire la costante informazione sull’attività istituzionale delle amministrazioni. La norma demanda ad un’apposita commissione paritetica sui sistemi di classificazione professionale il compito di approfondire gli ulteriori aspetti applicativi con particolare riferimento all’adesione alle Casse previdenziali e di assistenza dei giornalisti, alla definizione dei percorsi formativi e alle specifiche modalità di articolazione dell’orario di lavoro. «Questa previsione – dicono Raffaele Lorusso e Alessandra Costante, segretario generale e vicesegretaria della Fnsi con delega agli uffici stampa pubblici – pone le basi per regolamentare l’attività giornalistica nel comparto dell’istruzione e della ricerca. Si tratta di un’occasione non soltanto per far emergere il lavoro che già c’è ma che fino ad oggi non ha ottenuto alcuna forma di inquadramento, ma anche e soprattutto per creare nuove opportunità di lavoro. Ovviamente è soltanto il primo passo perché la completa e articolata definizione dei profili avverrà nel confronto fra Aran e Fnsi in sede di classificazione delle varie categorie professionali del settore pubblico. In ogni caso, va dato atto alla ministra della Funzione Pubblica, Marianna Madia, di aver tradotto in atti concreti gli impegni assunti con la Federazione nazionale della Stampa italiana, così come fondamentale si è rivelata la determinazione della ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, che da tempo ha avviato numerose attività di collaborazione con il sindacato dei giornalisti sui temi della formazione».(ASR)



 



 






 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com