Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Privacy e diritto di critica, la Cedu: «L'intervista sulla vita privata legittima la copertura mediatica». Se una persona cerca attivamente le luci della ribalta non può poi accusare la stampa di aver pubblicato notizie che la riguardano e che non hanno interesse generale.

di Marina Castellaneta



31.1.2018 - Se una persona cerca attivamente le luci della ribalta sulla propria vita privata non può poi accusare la stampa di aver pubblicato notizie che la riguardano e che non hanno interesse generale. E’ la Corte europea dei diritti dell’uomo, con la sentenza depositata il 23 gennaio 2018, Faludt-Kovács contro Ungheria (ricorso n. 20487/13, FALUDY-KOV?CS v. HUNGARY), a intervenire sulla libertà di stampa (articolo 10 della Convenzione) facendo pendere l’ago della bilancia a favore di quest’ultima rispetto al diritto alla reputazione, che rientra in quello al rispetto della vita privata (articolo 8). E’ stata la vedova di un famoso poeta ungherese a rivolgersi a Strasburgo. Il matrimonio della coppia, anche per la grande differenza di età, era stato oggetto di un’ampia copertura mediatica. Dopo la morte del marito, la donna aveva concesso un’intervista in cui aveva dichiarato di volere un figlio con le capacità intellettuali del marito e aveva spiegato che aveva chiesto alla sorella e a un nipote del marito di aiutarla in questo progetto. L’articolo era stato ripreso da un noto settimanale ungherese con un titolo che sottolineava il comportamento della vedova che, alla ricerca di notorietà, aveva calpestato la memoria del poeta. La donna, considerato che i tribunali interni avevano respinto la sua istanza, si è rivolta alla Corte europea sostenendo che era stato leso il suo diritto alla reputazione, non salvaguardato, a suo dire, dai giudici interni. Di diverso avviso Strasburgo. E’ vero – scrive la Corte – che l’articolo 8 della Convenzione garantisce il diritto alla reputazione, ma certo non può essere invocato per lamentarsi di una perdita di reputazione che è causata da una propria azione, le cui conseguenze sono prevedibili. Ed invero, per Strasburgo, va considerato il comportamento di chi invoca il diritto alla reputazione: la donna, infatti, aveva già svelato dettagli sulla sua vita privata e cercato attivamente i riflettori della stampa. A ciò si aggiunga che, nel caso in esame, la ricorrente era una persona nota – in quanto tale, sottoposta a un più accurato scrutinio pubblico -, tenuta a un grado di tolleranza maggiore rispetto ai privati cittadini. Per quanto riguarda il titolo del giornale nel quale si sosteneva che la donna calpestava la memoria del marito, la Corte osserva che si tratta di un giudizio di valore, con un’evidente critica, frutto di una scelta editoriale dei giornalisti, ma senza affermazioni non veritiere. Per la Corte, quindi, in queste situazioni è irrilevante verificare se si tratta di una questione di interesse generale perché la concessione dell’intervista da parte della ricorrente, che ha parlato volontariamente della propria famiglia, implica la volontà di attirare l’attenzione di un certo tipo di lettori. Di conseguenza, i giudici nazionali, che non hanno effettuato un’analisi dell’interesse pubblico del contenuto dell’articolo, hanno agito nel rispetto della Convenzione facendo prevalere la libertà di stampa sul diritto alla reputazione.  TESTO IN http://www.marinacastellaneta.it/blog/lintervista-sulla-propria-vita-privata-legittima-la-copertura-mediatica-anche-se-la-notizia-non-e-di-interesse-generale.html








 





 





 





 





 





 





 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com