Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

INPS: ALLARME DELLA CORTE CONTI, PATRIMONIO 2016 NEGATIVO CON DISAVANZO ECONOMICO DI 7,65 MLD, PATRIMONIO NETTO A -1,7 MLD. IL BILANCIO DELLO STATO COMUNQUE - HA ASSICURATO IL MINISTRO POLETTI - "GARANTISCE LA COPERTURA DI QUESTE SITUAZIONI". Tito Boeri: "Le prestazioni sono garantite dallo Stato". ("Solo le pensioni delle Casse non sono garantite dallo Stato come ha scritto la Corte costituzionale nella sentenza 7/2017 e come afferma il dlgs 509/1994 sulla privatizzazione", ndr).


ROMA, 15 febbraio 2017. IL RISULTATO ECONOMICO NEGATIVO REGISTRATO DALL'INPS NEL 2016 HA AZZERATO IL PATRIMONIO DELL'ISTITUTO E L'HA MANDATO, PER LA PRIMA VOLTA DALLA NASCITA DELL'ENTE, IN TERRITORIO NEGATIVO. LA CONFERMA È ARRIVATA DALLA CORTE DEI CONTI NELLA RELAZIONE SUL BILANCIO 2015 CHE HA ESAMINATO ANCHE LE PREVISIONI ASSESTATE PER IL 2016. IL MINISTRO DEL LAVORO, GIULIANO POLETTI HA AFFERMATO CHE IL SISTEMA È "ASSOLUTAMENTE SOSTENIBILE" E CHE IN TEMA PREVIDENZIALE "NON SONO PREVISTI INTERVENTI". "E' DA RILEVARE - SCRIVE LA MAGISTRATURA CONTABILE - COME, PER EFFETTO DI UN PEGGIORAMENTO DEI RISULTATI PREVISIONALI ASSESTATI DEL 2016 (CON UN RISULTATO ECONOMICO NEGATIVO CHE SI ATTESTA SU 7,65 MLD) IL PATRIMONIO NETTO PASSI, PER LA PRIMA VOLTA DALL'ISTITUZIONE DELL'ENTE, IN TERRITORIO NEGATIVO PER 1,73 MLD". LA CORTE DEI CONTI SOTTOLINEA ANCHE CHE NON È PROCRASTINABILE UNA "RIFORMA DELLA GOVERNANCE DELL'ISTITUTO NEGLI ASSETTI CHE QUALIFICANO IL SISTEMA DUALE VOLUTO DAL LEGISLATORE E, QUINDI, DEI COMPITI DI INDIRIZZO E VIGILANZA INTESTATI AL CIV E DI QUELLI DI RAPPRESENTANZA LEGALE DELL'ENTE E DI INDIRIZZO POLITICO-AMMINISTRATIVO PROPRI DEL PRESIDENTE". "IN SEI ANNI, COMPRESE LE PREVISIONI PER IL 2017 - AVVERTE GIAN PAOLO PATTA, MEMBRO DEL CIV INPS IN QUOTA CGIL - SONO ANDATI IN FUMO 50 MILIARDI DI PATRIMONIO DELL'INPS. A FINE 2011 L'ISTITUTO AVEVA UN ATTIVO PATRIMONIALE DI 41,2 MILIARDI E A FINE 2017 SI PREVEDE UN PATRIMONIO NEGATIVO DI 7,8 MILIARDI. E' URGENTE INTERVENIRE SUI FONDI DISSESTATI, OVVERO QUELLI DEGLI ARTIGIANI, DEI COLTIVATORI DIRETTI, ENTI LOCALI E DIRIGENTI DI IMPRESA INDUSTRIALE". SECONDO QUANTO AFFERMATO IN UNA AUDIZIONE LO SCORSO MAGGIO DAL PRESIDENTE INPS, TITO BOERI, IL PATRIMONIO SARÀ NEGATIVO PER 56 MILIARDI NEL 2023 MA VISTO QUESTI ANDAMENTI LA SITUAZIONE POTREBBE ANCORA PEGGIORARE. IL BILANCIO DELLO STATO COMUNQUE - HA ASSICURATO POLETTI A PROPOSITO DELLA RELAZIONE DELLA CORTE - "GARANTISCE LA COPERTURA DI QUESTE SITUAZIONI". LA CORTE DEI CONTI SOTTOLINEA CHE NEL 2015 SI È REGISTRATO UN RISULTATO DI ESERCIZIO NEGATIVO PER 16,3 MLD (-12,48 MLD NEL 2014), CONDIZIONATO DA UN ACCANTONAMENTO AL FONDO RISCHI CREDITI CONTRIBUTIVI PER 13,09 MLD (4,97 MLD NEL 2014). "IN CONSEGUENZA DI CIÒ - SCRIVONO I MAGISTRATI CONTABILI - IL PATRIMONIO NETTO È RISULTATO PARI A 5,87 MLD, CON UN CALO SUL 2014 DI 12,54 MLD". NELL'ANNO LE ENTRATE CONTRIBUTIVE HANNO SEGNATO UN INCREMENTO DI 3,32 MLD SUL PRECEDENTE ESERCIZIO (A 214,79 MLD) MENTRE LA SPESA PER PRESTAZIONI ISTITUZIONALI È AMMONTATA A 307,83 MLD, CON UN INCREMENTO RISPETTO ALL'ANNO PRECEDENTE DI 4,43 MLD ASCRIVIBILE PRINCIPALMENTE ALL'AUMENTO DELLA SPESA PER PENSIONI (+4,26 MLD), PARI IN VALORE ASSOLUTO A 273,07 MLD. LE PENSIONI VIGENTI SONO OLTRE 21 MILIONI, DI CUI CIRCA L'82% PREVIDENZIALI. OGGI È STATA PRESENTATA LA RICERCA DI ITINERARI PREVIDENZIALI SUL WELFARE SECONDO LA QUALE NEL NOSTRO PAESE NEL 2015 SONO STATI SPESI PER PRESTAZIONI SOCIALI (previdenza, ASSISTENZA, LAVORO SANITÀ) 447 MILIARDI DI EURO, UNA CIFRA PARI AL 54% DELLA SPESA STATALE (E AL 27,34% DEL PIL), A LIVELLI TOP NELL'UNIONE EUROPEA. SE SI SEPARASSERO LA previdenza DALL'ASSISTENZA, SPIEGA IL PRESIDENTE DEL CENTRO STUDI DI ITINERARI PREVIDENZIALI, ALBERTO BRAMBILLA - SI VEDREBBE COME SIA AMPIA LA SPESA ASSISTENZIALE CON OLTRE LA METÀ DEI PENSIONATI CHE RICEVE UNA PRESTAZIONE DI QUESTO TIPO TRA ASSEGNI 'ESPLICITI' COME QUELLO PER L'INVALIDITÀ E MENO ESPLICITI COME LE MAGGIORAZIONI SOCIALI E LE INTEGRAZIONI AL MINIMO. (ANSA).


TITO BOERI: "Le prestazioni sono garantite dallo Stato". -  ROMA. "Non c’è nessun allarme sui conti dell’Inps, il disavanzo dell’Istituto deriva «unicamente da ritardi nei trasferimenti dello Stato che vengono anticipati dall’Inps e poi ripianati». Lo ha detto il presidente dell’Inps, Tito Boeri a margine di un convegno di Itinerari previdenziali spiegando che «le prestazioni sono garantite dallo Stato. Di conseguenza, ciò che conta non è il bilancio dell’Inps, ma dello Stato». Le cifre inoltre sono state già riferite in sede di presentazione del bilancio di assestamento 2016 e del bilancio preventivo dell’Inps per il 2017. È la replica immediata del presidente dell’Inps alla fotografia fatta dalla Corte dei Conti sulla solidarietà dell’Istituto di Previdenza Sociale. (La Stampa)



 


 


 


 


 


 


 


 



 



 



 



 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com