Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

«La situazione all’Unità precipita». Lo rende noto il Cdr dell’Unità, spiegando che «in modo assolutamente unilaterale l’amministratore delegato ha annunciato di voler dare il via a licenziamenti collettivi senza ammortizzatori sociali". Fnsi accanto ai giornalisti. Il direttore Sergio Staino: "Mi sento abbandonato da Renzi". La solidarietà di Susanna Camusso.


ROMA, 11  gennaio 2017.  - «La situazione all’Unità precipita». Lo rende noto il cdr dell’Unità, spiegando che «in modo assolutamente unilaterale l’amministratore delegato, Guido Stefanelli (attraverso una delegata dell’azienda Pessina), oggi ha annunciato di voler dare il via a licenziamenti collettivi senza ammortizzatori sociali, anziché proseguire nella trattativa con il sindacato per la trasformazione di articolo 1 in articoli 2». «Licenziamenti ai quali - prosegue il cdr - il direttore Sergio Staino ha detto volersi opporre fermamente».  La redazione è in assemblea permanente, oggi sarà in sciopero. (ANSA).


.Fnsi su annuncio licenziamenti collettivi a l’Unità - Roma, 11 gennaio 2017. -  La  nuova   proprietà   dell’Unità,   smentendo   gli   impegni   assunti   soltanto   pochi  mesi   fa   con   la redazione e con la Federazione nazionale della stampa italiana di sostenere l’impresa editoriale e il suo   sviluppo,   starebbe   per  aprire   una   procedura   di   licenziamenti   collettivi  senza   prendere   in considerazione le soluzioni alternative previste dalla legge. È gravissimo che il Gruppo Pessina e il Partito democratico ritengano di abbandonare lo storico quotidiano fondato da Antonio Gramsci a un destino di contrazione occupazionale e perdita di peso politico ed editoriale. Il sindacato dei giornalisti si schiera al fianco dei colleghi impegnandosi a tutelare in ogni sede i livelli occupazionali e il patrimonio culturale e professionale da loro rappresentato.


.EDITORIA. STAINO: "RENZI VOLEVA 'BOBO', ORA CI INCONTRI". - Roma, 11 gennaio 2017. - "Quando Renzi mi chiamò a dirigere l'Unita' mi disse 'te e il tu' Bobo siete un brand...'. Vero, ma poi questo brand non l'ha mai sostenuto... Dopo un primo incontro affettuso e gioioso non l'ho piu' visto, sono passati quattro mesi". Sergio Staino, direttore dell'Unita' da settembre del 2016 assieme al condirettore Andrea Romano, lamenta di essere stato abbandonato dal segretario del Pd. E oggi che il socio che possiede l'80% del giornale (Pessina) annuncia licenziamenti, Staino chiede un incontro "al segretario del Pd". Cosa vorrebbe da Renzi? "Al Pd io non voglio chiedere soldi, che per carita' fanno comodo, ma chiedo di sostenere questo giornale. L'aiuto si da' col sostegno politico, non solo quello finanziario. Io rivendico quanto fatto dal mio giornale in questi mesi, ma un'impresa editoriale non puo' essere solo una iniziativa di propaganda per il governo. Di fronte all'azione estremamente violenta della Pessina voglio che Renzi dica cosa vuol fare con questo giornale. Come fai a mettere su un partito diffuso senza giornale? Ogni giorno mi arrivano decine di mail e di lettere di persone che si lamentano che il giornale non arriva nella loro edicola, la distribuzione non funziona. Pero' sono la dimostrazione che una comunita' esiste ancora".


Staino dice di sentirsi abbandonato: "Alla Leopolda non hanno fatto entrare il giornale, non hanno fatto entrare l'Unita'. Abbiamo litigato, alla fine hanno lasciato centinaia di copie fuori, sotto la pioggia, come fossi un privato che voleva distribuire volantini pubblicitari. Un rapporto col partito ci deve essere, invece io lavoro isolato, ho chiesto, chiesto, chiesto. Ma non ho visto nessuno. Il Pd ha mostrato solo superficialita'. Un segretario che non ha avuto un'ora per venire a fare un forum al suo giornale. E' andato da cani e porci, ma da me non e' voluto venire. Vi pare giusto? Altro che il mio brand... Sono cose che mi demoralizzano".  Il giornale, che quando torno' in edicola nel giugno del 2015 vendeva 60mila copie, oggi secondo dati "ufficiosi" ne vende 6.800, esclusi gli abbonamenti. La redazione e' composta da 29 giornalisti. "Quando mi hanno nominato direttore ero consapevole della situazione finanziaria difficile- aggiunge Staino- ci siamo detti disposti ad accettare un piano piu' soft, tagliandoci gli stipendi ma senza licenziare nessuno. L'azienda non ci ha ascoltati". Su questo punto insiste molto il cdr: "E' da novembre che aspettavamo di aprire una trattativa: ci hanno convocato oggi, alla vigilia dell'assemblea dei soci, per dirci che di fronte alla nostra 'chiusura' avrebbero proceduto con una 'riduzione progressiva del personale'. Sui numeri non hanno detto nulla, sui tempi hanno detto che 'si procedera' immediatamente'". Il comportamento di Pessina viene giudicato "superficiale, violento". Di piu': "Stavolta non c'e' nessuna ragione finanziaria che giustifica la chiusura del giornale. Difenderemo in ogni sede politica, sindacale e giudiziaria i nostri posti di lavoro e i nostri diritti". Ora il cdr chiede un incontro a Renzi: "Questo giornale gli e' utile? Gli serve? Senza un risposta quessto giornale non ha futuro. Riportarlo in edicola non e' bastato, era doveroso". C'e' un'altra richiesta: "Il Pd utilizzi i prossimi 30 giorni per valutare nuovi ingressi" nella proprieta' "che non siano dettati dall'improvvisazione. Soci che sappiano di editoria, perche' distribuire acque minerali non e' come fare un giornale. Eventuali ingressi siano scelti su progetti e idee, e' l'unico modo per salvare l'Unita'". Infine: "Ogni ulteriore azione sara' decisa nelle prossime ore, ma stavolta non staremo buoni, ci difenderemo in tutte le sedi, in questi 18 mesi di motivi ne abbiamo accumulati a bizzeffe". ( Dire)


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


LA SOLIDARIETÀ DI SUSANNA CAMUSSO -  ROMA, 11 gennaio 2017 -  Il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, ha espresso «solidarietà ai giornalisti dell’Unità, che si trovano di fronte all’ipotesi di una procedura di licenziamento collettivo. Saremo al loro fianco», ha detto nel corso della conferenza stampa dopo la decisione della Consulta sui referendum sul lavoro.(ANSA).





 


 





 





 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com