Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

I chiarimenti dell’Associazione Stampa Romana sullo stato di crisi (con ricorso alla Cig per i 13 dipendenti). L'Asr "mette in guardia chiunque fosse tentato dallo strumentalizzare il presente momento di difficoltà per ragioni “politiche”, in vista di scadenze delicate per la categoria: sarebbe un tentativo irresponsabile e verrebbe contrastato come tale. Stampa Romana farà la sua parte e non verrà messa a tacere". - L'invito della Cpo a trovare una soluzione senza drammi.


7.11.2016 - Sulla vicenda dello stato di crisi dell’Associazione Stampa Romana occorre fare chiarezza innanzitutto su un dato di realtà: nessun dipendente è stato messo unilateralmente in cassa integrazione guadagni, al personale non è stato chiesto di organizzare il lavoro degli uffici sulla base del piano di riduzione dell’orario di lavoro approntato finora solo per aprire formalmente la procedura di consultazione sindacale. Procedura che è stata aperta formalmente dopo che la rappresentanza dei dipendenti aveva dichiarato di non voler presentare controproposte per i risparmi sul costo del lavoro nell’incontro informale dello scorso 26 ottobre. Citazione letterale dal documento-appello dei dipendenti: “La riunione finisce con la richiesta dei delegati di una convocazione ufficiale cui avrebbe dovuto partecipare anche la loro rappresentanza sindacale e/o un legale di fiducia”. Se non fosse stata aperta la procedura, non sarebbe stato possibile rispettare i tempi della consultazione sindacale cui i lavoratori hanno diritto appunto in qualsiasi confronto fra le parti, nell’eventualità che non vengano individuate strade alternative a quella della Cigs in deroga ipotizzata nel piano.  Pur comprendendo la tensione del momento, la segreteria respinge le modalità scelte dai dipendenti per la comunicazione all’esterno, con un documento punteggiato di inesattezze oltre che di offese personali al gruppo dirigente. Mette in guardia chiunque fosse tentato dallo strumentalizzare il presente momento di difficoltà per ragioni “politiche”, in vista di scadenze delicate per la categoria: sarebbe un tentativo irresponsabile e verrebbe contrastato come tale. Stampa Romana farà la sua parte e non verrà messa a tacere.   Stampa Romana ha dovuto subire nel recente passato le decisioni degli enti di categoria sui contributi per i servizi e i costi di esercizio della sede, che hanno avuto parte decisiva sulla presente situazione del bilancio. Nel frattempo però sono stati attivati tutti gli approfondimenti possibili sul costo e l’organizzazione del lavoro che offre margini per la correzione di alcune peculiarità (residuate da gestioni di epoche passate legate a risorse non più disponibili) oggi non più giustificabili, sui nuovi ammortizzatori sociali resi disponibili da una recentissima circolare Inps e dal miglioramento della posizione previdenziale dell’Associazione. Inoltre, avendo ottenuto una disponibilità alla collaborazione da parte dei vertici federali e dell’Inpgi, si stanno esplorando le strade a nostra disposizione per recuperare crediti del passato e ottenere risparmi su altre voci del bilancio, a partire, come da nostra richiesta, dalla spesa della sede, divenuta insostenibile dopo gli ultimi aumenti. Il confronto con le rappresentanze interne, quindi, ha oggi più di ieri tutte le possibilità per essere instradato su binari costruttivi e non traumatici, a partire dal necessario ripristino del rispetto reciproco. La segreteria di Stampa romana è consapevole della delicatezza del momento e affronta con la massima preoccupazione un intervento sul costo del lavoro che rappresenta indiscutibilmente un problema e una sofferenza per una associazione sindacale, per il suo gruppo dirigente, per la comunità che rappresenta. Ribadisce la determinazione a mettere in sicurezza i conti dell’Associazione Stampa Romana, la cui storia e patrimonio appartengono a una collettività più larga di quella dell’attuale gruppo dirigente pro tempore o degli attuali dipendenti e perfino più larga di quella rappresentata dagli attuali iscritti. Per farlo, la segreteria ha messo in pratica da tempo e con grande serietà una severissima spending review e un riordino gestionale che non ha intaccato i servizi agli iscritti e alla categoria in generale, spending review i cui risultati sono pubblici e verificabili e che hanno permesso di rallentare la crisi e la sua ricaduta sui livelli occupazionali e salariali. Ma, a differenza delle aziende con le quali il sindacato si confronta quotidianamente, Stampa Romana non ha un azionista che può ricapitalizzare, non ha consulenze e forniture opache da razionalizzare, non ha un mercato da rilanciare. Sta sviluppando una politica della formazione professionalizzante che in questi mesi sta portando concreti risultati sul piano dei ricavi, ma che certamente non è sufficiente da sola a ripianare una situazione determinata soprattutto dal calo storico degli iscritti, un problema condiviso con tutti i sindacati nel nostro Paese ma aggravato dalle vicende specifiche della categoria dei giornalisti e dalla crisi dell’editoria.


 La segreteria prosegue il confronto con gli organi associativi dell’Asr (che conoscono bene la gravità della situazione avendo recentemente approvato quasi all’unanimità il bilancio consuntivo 2015 e il preventivo 2016) e con i vertici della Federazione della Stampa sugli strumenti migliori per trovare una soluzione stabile alla presente difficoltà nei conti. Ogni contributo è bene accetto se persegue l’obiettivo comune di evitare il degenerare della crisi e ottenere risultati tangibili di risanamento.  - Segreteria Associazione Stampa Romana


=========================


COMUNICATO DELLA COMMISSIONE PARI OPPORTUNITA’ DELL'ASR: "Invito alla Segreteria a ricercare e percorrere tutte le soluzioni alternative possibili per arrivare al consolidamento del bilancio, scongiurando scelte drastiche". - Roma, 7.11.2016 -  La Cpo esprime sorpresa e preoccupazione per le iniziative paventate nei confronti dei/lle 13 dipendenti Asr, di cui 11 donne, che se davvero messe in atto interverrebbero pesantemente sulle prospettive personali, rischiando altresì di minare i servizi (legale, sindacale, fiscale, Sportello Rosa, Formazione, Inpgi e Casagit) sinora erogati dall’Associazione. Come da mandato del Direttivo, la Cpo invita la Segreteria a ricercare e percorrere tutte le soluzioni alternative possibili per arrivare al consolidamento del bilancio, scongiurando scelte drastiche che avrebbero ripercussioni su tutta la categoria. La Cpo deplora inoltre l’esclusione delle colleghe Consigliere, componenti della Segreteria, dalle iniziative sindacali intraprese proprio dalla Segreteria nei confronti dei/lle dipendenti; pur comprendendo le difficoltà e tensioni in atto, richiama la Segreteria alle corrette relazioni deontologiche e al rispetto del principio di rappresentanza come da sempre avviene all’interno dell’Associazione Stampa Romana e come sancito anche dal nuovo Statuto. In ultimo, la Cpo invita il Presidente a ricomporre nel migliore dei modi lo spiacevole episodio avvenuto nel corso di una riunione sindacale ricordando il suo ruolo di “garante dello Statuto, dell’unità sindacale e dell’operante solidarietà fra i colleghi”, che prescinde dalla possibilità di insultare una collega (come chiunque) senza scusarsi.



§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


29.10.2016 - Anche il sindacato dei giornalisti accusa la crisi. "Stampa romana" chiede alla Regione Lazio due mesi di Cig in deroga per  il personale (13 unità, 11 poligrafici e 2 giornalisti). Inevitabile scontro con Fnsi e Cgil/Cisl/Uil. Calo degli iscritti (3.500 contro i 6 mila dei tempi belli) compensato, però, dai contributi annuali  di Inpgi (335mila euro) e Casagit (209mila euro). Il segretario Lazzaro Pappagallo parla non solo della diminuzione delle entrate derivanti dalle quote associative ma anche di aumento del costo del lavoro  e della diminuzione dei trasferimenti da parte degli enti di categoria  nonché dei costi relativi alla locazione della sede (di proprietà Inpgi).  Dipendenti sul piede di guerra. - dal corrispondente Francesco M. de Bonis - TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=21875 





31.10.2016 - SCONTRO NEL SINDACATO/I 13 dipendenti di Stampa romana all'attacco con una lettera agli associati e agli enti di categoria: "Il segretario Lazzaro Pappagallo ha chiesto, con un colpo di mano, la Cig in deroga per tutti noi  da solo e  senza  confrontarsi con la sua segreteria (dalla quale non ha ricevuto alcun mandato in merito). Quanto ai nostri appelli, essi sono stati stroncati con una serie di minacce e vessazioni quali indagini ed azioni punitive, ridefinizioni dei compiti all’interno della struttura e tagli economici a cominciare dalle retribuzioni più alte". Rinuncia al diritto di sciopero "nel comune intento di salvaguardare la nostra Associazione nell’immagine e nella funzione di garante della tutela sindacale e degli interessi morali e materiali dei giornalisti iscritti all'Asr". - TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=21888









 








 





 





 





 





 





 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com