Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Il ritratto di Antonio Funiciello opera del "Fatto quotidiano", che dimentica la collocazione del "braccio destro di Lotti" nel Cda dell'Inpgi. Ha votato il taglio delle pensioni dei giornalisti in contrasto con il pensiero e la linea del presidente del Consiglio suo datore di lavoro: "Mai le mani del Governo nelle tasche dei pensionati". Ha un buon compagno di viaggio: il prof. Mauro Maré catapultato nel Cda dell'Inpgi dal ministro Poletti.

di ilfattoquotidiano

4. 11.2016 - Ieri abbiamo cercato di intervistare Antonio Funiciello, direttore del comitato BastaunSì nonché - riferiscono le cronache, senza offesa - "braccio destro del sottosegretario Lotti". Purtroppo, invano. L' impavido braccio destro se l'è data a gambe, entrando in clandestinità. Peccato: perché, oltre a porgli qualche semplice domanda, volevamo significargli i sensi della nostra più totale ammirazione. Anzitutto per il suo esposto all' Agcom contro il nostro giornale, così riassunto in un memorabile tweet: "Il Fatto chiede spesso il rispetto delle regole. In questa campagna è il Fatto a non rispettarle. Agiscono da soggetto politico" (il verbo plurale "agiscono" non si riferisce presumibilmente al sostantivo plurale "regole", ma al singolare "il Fatto": si tratta proprio di un anacoluto, che però ai letterati del suo calibro è consentito come licenza poetica). Ma anche e soprattutto per la sua biografia, piuttosto avventurosa per un giovin politico di 40 anni.  Roba che, al confronto, Giuseppe Garibaldi era Carlo Conti.  Dopo gli esordi come portaborse per 10 anni di Morando, e sono già belle soddisfazioni, il Nostro proseguì al seguito di Zanda e poi nei paraggi di Veltroni (che non si accorse di nulla). In seguito marcò stretto Ichino e Tonini, che ne fecero il direttore di una cosa imprecisata denominata "Libertà Eguale". A quel punto, per non farsi mancare proprio niente, transitò nei dintorni di Epifani, che ebbe la pensata di promuoverlo "responsabile Cultura" del Pd. L' incarico, con gran sollievo del Pd e soprattutto della Cultura, durò pochi mesi: finché qualcuno se ne accorse e provvide di conseguenza.  Sedicente "liberale", blairiano e clintoniano fuori tempo massimo all' insaputa di Tony e di Bill, il Funiciello è un patito degli States, soprattutto del Texas, almeno quanto Nando Mericoni lo era del Kansas City. Ora, siccome comanda Renzi, il nostro è convinto che il nuovo Blair e il nuovo Clinton non sia più né Veltroni né Epifani, ma Matteo. Sfortuna vuole che sul web circoli ancora un appello del 2012 firmato da Morando, Tonini, Nannicini e anche da Funiciello per fare numero, che magnificava la leggendaria Agenda Monti, oggi ferocemente deplorata da Renzi e dai suoi cari come sentina di tutti i mali.  Fautore - in tre suoi saggi noti ai meno - della "cooptazione meritocratica", l' ex veltroniano, ex epifaniano, ex montiano e ora renziano ma sempre funicielliano Funiciello parte lancia in resta in una nuova pugna "liberale": disinfestare le tv da quel pericoloso focolaio d' infezione del Fatto, nelle persone di Padellaro, di Scanzi (anzi "Scalzi") e del sottoscritto.  "Stiamo monitorando tutte le trasmissioni tv", cinguetta al plurale maiestatico il noto frequentatore di se stesso.  E denuncia all' Agcom "la persistente manifesta violazione della normativa e regolazione di cui in oggetto". Si sarà per caso accorto della scandalosa preponderanza del governo e del Sì nei tg e in quel che resta dei talk Rai dopo le epurazioni della Berlinguer, di Giannini e di Porro? Nossignori: lo squilibrio è tutto "delle posizioni contrarie al quesito referendario". Com' è noto, ogni sera i teleschermi sono monopolizzati dai professori Pace, Zagrebelsky, Grandi, Carlassare, mentre non v' è traccia di un Renzi, di una Boschi, di un Napolitano. E "a ciò si aggiunge un ulteriore elemento di gravità", specie "con riferimento alle emittenti del gruppo Cairo" (quelle chiamate La7), dove si osa far parlare addirittura "alcuni giornalisti che si sono espressi chiaramente per il No".  Capito? Non confusamente: "Chiaramente". Essi, per dire la vergogna, "manifestano la loro opinione contraria alla riforma". E non una volta sì e una no: nossignori, anziché schierarsi ora contro, ora a favore, ora mezzo e mezzo, essi esprimono "espressamente" lo stesso pensiero "in ogni loro partecipazione televisiva". Il che "rappresenta un gravissimo vulnus alla libera informazione delle opinioni da parte dei cittadini" perché la loro partecipazione "non viene percepita dal telespettatore come 'di parte'", tipo quella di un Renzi o di un suo ministro che rischiano di andare a casa, o di un Funiciello che rischia di doversi cercare un lavoro, salvo difendere sempre e comunque la schiforma. Trattandosi di giornalisti liberi che non hanno nulla da perdere o da guadagnare nel sostenere le proprie idee, la gente capisce che dicono quel che pensano e li sta ad ascoltare.  Cosa che evidentemente non accade a quelli che parlano a favore del Sì, che Funiciello non cita mai, come se non fossero la stragrande maggioranza: forse perché chi sta col Sì non è "schierato", ma "obiettivo", "imparziale", terzo"; o forse perché la gente non gli dà retta. A questo punto, stremato dalla fatica e sgomento per la democrazia in pericolo, il Funiciello chiede all' Agcom di "adottare in via d' urgenza tutte le misure necessarie per imporre l' immediato riequilibrio", anche perché il Fatto - come Funiciello segnala in un apposito allegato - ha distribuito un inserto con la parola No. Purtroppo le "misure" caldeggiate "senza indugio" non vengono esplicitate. E noi, probabili destinatari, restiamo qui col fiato sospeso. Potremmo, se lui è d' accordo, parlare una volta per il Sì, una per il No e una per il Nì: magari nella stessa trasmissione, o in tre programmi successivi. Oppure potremmo dire peste e corna della "riforma" e poi, sorpresa!, invitare a votare Sì. O invece elogiarne i contenuti e poi invitare, cucù, a votare No. Ma siamo anche disponibili a misure autoneutralizzanti più drastiche, come l' elettrochoc prima della messa in onda, per presentarci in studio con l' aria vuota e assente di chi non ha una sola idea in testa: solo, non vorremmo poi essere scambiati per un Funiciello.  Questo no.





§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§





30.9.2016 - PREVIDENZA. UN CASO POLITICO CHE METTE IN GIOCO LA CREDIBILITA' DI RENZI.  - Contributo di solidarietà sulle pensioni (dei giornalisti) superiori ai 38mila euro con l'avallo dei rappresentanti di Palazzo Chigi e del Ministero del Lavoro: dal Cda dell'INPGI parte un messaggio minaccioso per tutti i pensionati italiani ("Non state tranquilli"). Eppure il Governo  aveva ripetutamente garantito che non avrebbe ripristinato il prelievo a partire dal 2017. L'approvazione di questa "riforma" spetta ai ministri dell'Economia e del Lavoro, Padoan e Poletti, che hanno già bocciato il 3 febbraio scorso  il precedente prelievo deliberato dal Cda dell'ente il 27 luglio 2015. L'Inpgi ha già incassato 30  milioni di euro negli ultimi 5 anni per via della mancata applicazione della perequazione e per via del gettito del "contributo Letta". I giornalisti pensionati hanno già dato. Ed ora a tutto ciò si aggiunge la beffa di essere discriminati rispetto ai pensionati Inps, ai quali Boeri non impone alcun contributo. - di FRANCO ABRUZZO/presidente di Unpit - TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=21676


4.11.2016 - PREVIDENZA DEI GIORNALISTI. Salvatore Rotondo punta il dito contro Mauro Marè, catapultato dal ministro del Lavoro nel Cda dell'Inpgi e sponsor ufficiale  della delibera  che impone un prelievo sulle pensioni dei giornalisti: "Tenga conto, Professore, che se una legge che spiega il suo voto non esiste, noi non potremmo fare a meno di presentare un esposto che metta in rilievo le conseguenze del suo comportamento. Ma che vado a pensare! Una norma deve pur esserci in qualche piega del diritto se un luminare del suo livello ha ritenuto di esporre se stesso, il vertice dell'Inpgi, tutto il nostro Istituto e lo stesso Ministero del Lavoro alle conseguenze, anche politiche, che potrebbero derivare dalla valanga di ricorsi che dovessero abbattersi... diciamola tutta, che senza ombra di dubbio si abbatteranno sui promotori dell'eventuale provvedimento". Eppure il 2 febbraio scorso i ministeri vigilanti (Economia e Lavoro) hanno bocciato  il prelievo del 27/7/2015  "atto non avente forza di legge". Cos'è cambiato da allora nell'ordinamento statale? Lei Professore è l'unico indiziato di questa nuova manovra contro i giornalisti....che potrebbe costare cara all'Inpgi. - di Salvatore Rotondo - TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=21921








 





 





 





 





 





 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com