Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

UN ALTRO EFFETTO (indesiderato?) della LEGGE MADIA. I pensionati possono far parte dei Cda delle Casse previdenziali dei professionisti? Il divieto ha precisato il ministro, riguarda tutte le pubbliche amministrazioni comprese nell'elenco Istat (come le Casse appunto). Risvolti anche sui Consigli degli Ordini. Franco Abruzzo/presidente di Unpit: "I pensionati vengono discriminati in violazione della normativa costituzionale. La legge Madia va abolita".


22.10.2016 - Pochi, tra i non addetti ai lavori, se lo ricorderanno. L'art. 6 del decreto legge di riforma della P.A.-dl 90/2014, in vigore dal 25/06/14- conteneva il divieto di conferire incarichi dirigenziali, direttivi, di studio e di consulenza ai PENSIONATI. Una regola applicata, inizialmente con molte eccezioni. Esclusi - ad esempio - gli incarichi in enti con età pensionabile più elevata, i commissari straordinari degli enti pubblici, gli incarichi in organi di controllo.


Una successiva circolare della Madia (6/2014) aveva precisato che - "per favorire il ricambio generazionale" era vietato a tutte le amministrazioni comprese nell'elenco ISTAT di continuare ad avvalersi di dipendenti in pensione. Disco rosso, inoltre, per le cariche in organi di governo, tranne che per gli incarichi gratuiti e per la durata massima di un anno.


Non ci sono mai piaciuti i diktat che bloccano la libertà dei cittadini. Ovvia allora il quesito se   anche gli ENTI CONTROLLATI dal MINISTERO del LAVORO (ossia gli enti previdenziali ed assistenziali privati, con controllo pubblico) rientrassero nella norma.


Ossia se nei  COMITATI DIRETTIVI di ENPAM-ENPAV- ENPAF-ONAOSI etc etc (una ventina di enti previdenziali pubblici e privatizzati) I PENSIONATI POTESSERO FAR PARTE dei DIRETTIVI di gestione, essendo per giunta retribuiti.


Il quesito è stato formalmente posto (tramite legali) dalla Federspev al Ministero del Lavoro. La risposta ottenuta, allora, è stata più o meno questa: "La norma Madia riguarda solo i pensionati "nominati" dirigenti, ma  non riguarda quelli eletti".


Per esemplificare, in casa FNOMCeO,  ENPAM od ONAOSI, l'incompatibilità non avrebbe riguardato i Colleghi pensionati entrati, negli organismi direttivi, a seguito di elezioni. Parere discutibile, questo, ma parere autorevole e contestato nella sostanza non solo dalla FEDERSPeV ma anche da altre organizzazioni sindacali. Che costoro non avessero torto è dimostrato dagli eventi successivi. Quasi 2 anni dopo, usciva una nuova circolare Madia (n°4 del 10/11/15). purtroppo "passata sotto silenzio", ma esplicita. In essa  il Ministro ribadiva che ..."il DIVIETO si applica a tutti i soggetti ex art.1,c.2, del d.lgs.165/2001 o in quello del conto economico consolidato dell'ISTAT: quindi anche a Enti aventi forma di Società o di Fondazione, nonché alle Camere di Commercio". Circolare chiara? Ma è restata inapplicata, nella ventina degli Enti citati. Salvo errori od omissioni. Di certo non è stata applicata né dall'ENPAM né dall'ONAOSI. Soprattutto dall'ONAOSI, i cui vertici sono stati rieletti pochi mesi fa.


MA NON FINISCE QUI. Siamo in Italia, è vero, un Paese in cui, di regola,  le norme si applicano ai nemici e non si applicano agli amici. In questo caso, però, la storia non è finita qui.


Si è mosso Poletti (nota all'ONAOSI del 15/09/16), con circolare MA 004-A013-11499, Protocollo N°16085/16, firmata dalla Drssa Concetta FERRARI, Direttore Generale.  Da  questa circolare risulta che il Ministero del Lavoro ha cambiato opinione rispetto ad un anno fa. Ora Poletti e C. ritengono che anche l'ONAOSI sia fra gli Enti ai quali si applica la legge Madia. Il Ministero ha inviato la nota citata a vari Enti (la famosa ventina) fra cui anche l'ENPAM.


Risulta a chi scrive che il CDA ONAOSI  abbia resa nota la circolare solo il 18 ottobre. E' trascorso un mese....Zucchelli (Presidente ONAOSI) si è cautelato "sospendendosi l'indennità, ..in attesa di approfondire la questione...". Ma, alla luce delle norme citate,  è evidente che Serafino Zucchelli (pensionato INPDAP d'antan) non possa ricoprire, oggi e domani,  la funzione di Presidente ONAOSI.  E lo stesso dicasi per parecchi consiglieri degli EPNE etc. Cosa succedera'? Non lo possiamo sapere.... Se l'Italia fosse ancora una democrazia queste norme anti-pensionati non sarebbero state varate. Ma ci sono...


Se l'Italia fosse ancora una democrazia, la Consulta non avrebbe avallato i tagli pensionistici di Letta, che hanno avuto (per ora) un effetto triennale. Se l'Italia fosse ancora una democrazia.....le regole pensionistiche (giuste o sbagliate)  varrebbero per tutti. Non è così'.


MORALE. La morale di questo articolo è la seguente. Pensionati, VOTATE NO il 4 dicembre pv.!!!


LENIN - 21.10.16


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§



Il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha emanato 7 mesi fa la circolare MEF n. 12 del 2016 in cui al punto G 4 affronta la questione per gli enti previdenziali privatizzati (cliccare su http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/CIRCOLARI/2016/Circolare_del_23_marzo_2016_n._12.html).


Al momento vi sono 2 diverse interpretazioni della legge. C'é chi sostiene che il divieto colpisce i pensionati nominati, ma non quelli elettiLa Sezione Controllo Enti della Corte dei Conti la pensa, però, diversamente. Se ne é occupata con delibera n. 11 di quest'anno riportata sul sito  http://www.avvocatoamilcaremancusi.com/gratuita-incarichi-conferiti-dalle-pa-le-eccezioni-nella-delibera-corte-conti-n-112016/


Secondo la Corte dei Conti sarebbero "salvi" solo i pensionati componenti - eletti e/o nominati - del Collegio Sindacale, quale organo di controllo di un ente, ma non i pensionati "amministratori", come é il sottoscritto.


Articolo correlato: http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2010-06-03/compenso-zero-collegi-080100.shtml?uuid=AY60HVvB&refresh_ce=1





 



 



 



 


 


 


 






 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com